OMCeO, Enti e Territori 3 Aprile 2019

“Art. 32: La Repubblica tutela la salute”: Cisl e Simedet insieme per una riflessione sul diritto alle cure e sulle diseguaglianze in sanità

L’evento si svolgerà l’8 maggio alla Camera dei deputati. Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO. Il presidente Simedet Capuano: «Parleremo di come migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità»

A 40 anni dall’introduzione del Servizio sanitario nazionale e a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana il dibattito sul diritto alla salute è più che mai vivo. Una buona occasione di incontro si svolgerà l’8 maggio a Roma alla Sala del refettorio di Palazzo San Macuto (Camera dei deputati) in un convegno dal titolo “Art 32: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” promosso dalla Simedet, Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica e dalla Federazione CISL Medici. A presiedere l’evento il presidente della Simedet Fernando Capuano e il segretario nazionale della Cisl Medici Biagio Papotto.

Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO oltre a esponenti del mondo delle professioni sanitarie come Antonio Bortone, presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni Professioni Sanitarie.

«La Simedet in sinergia con il segretario nazionale della Cisl Medici Biagio Papotto e il sostegno incondizionato dell’onorevole Beatrice Lorenzin – sottolinea Fernando Capuano – hanno promosso questo evento istituzionale per compiere una riflessione su uno dei principi fondanti e cardine della nostra Carta costituzionale, quello della salute, che oggi a causa delle disuguaglianze prodotte dall’organizzazione regionale del Servizio Sanitario non garantisce al cittadino utente le pari opportunità di diagnosi, cura, assistenza, riabilitazione e prevenzione. Ne parleremo con autorevoli relatori, con i produttori di salute (tra cui le professioni sanitarie), le associazioni e i movimenti dei cittadini fruitori».

«L’obiettivo della giornata – continua Capuano – è quello di migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità anche con la piena diffusione dei sistemi ICT e della sanità digitale e l’investimento nelle Professioni Sanitarie in termini di valorizzazione contrattuale e di competenze avanzate».

Tra gli ospiti del convegno anche Ivan Cavicchi, docente dell’Università di Tor Vergata Roma, Antonino Cartabellotta, Presidente GIMBE, Giorgio Banchieri, Segretario Nazionale ASIQUAS. Le conclusioni affidate a Gaetano Maria Fara, past director Dipartimento Sanità Pubblica dell’Università La Sapienza di Roma.

Articoli correlati
Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio
«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, - spiega Danilo Mazzacane CISL Medici - fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»
di Federica Bosco
Professioni sanitarie, Bortone (Conaps): «Imminenti ultimi decreti attuativi legge 3 del 2018, ora fase di sviluppo»
Con gli ultimi due decreti vengono stabilite la composizione delle Commissioni d’Albo e dei consigli direttivi degli Ordini. Ancora al lavoro i tecnici del ministero per l’elenco speciale che raccoglierà chi ha un titolo potenzialmente equivalente: «Quelli che non sono riconducibili alle professioni sanitarie ma che hanno immaginato di poterlo essere rimarranno fuori», sottolinea il Presidente del Conaps
“Articolo 32”, l’allarme di Cisl e Simedet: «Tutela della salute non sempre garantita». Anelli: «Medici garanzia, ma serve autonomia»
A Roma convegno a Palazzo San Macuto sul tema del diritto alla salute sancito dalla Costituzione. Carenza di medici e operatori, regionalismo differenziato, finanziamenti: tante ombre sul Servizio sanitario nazionale. Capuano (Simedet): «Ci sono segnali allarmanti, serve riflessione profonda»
Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»
«Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale», spiega Danilo Mazzacane, segretario Cisl medici Lombardia che aggiunge: «La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità, regione investa nella sanità pubblica»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...