OMCeO, Enti e Territori 3 Aprile 2019

“Art. 32: La Repubblica tutela la salute”: Cisl e Simedet insieme per una riflessione sul diritto alle cure e sulle diseguaglianze in sanità

L’evento si svolgerà l’8 maggio alla Camera dei deputati. Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO. Il presidente Simedet Capuano: «Parleremo di come migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità»

A 40 anni dall’introduzione del Servizio sanitario nazionale e a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana il dibattito sul diritto alla salute è più che mai vivo. Una buona occasione di incontro si svolgerà l’8 maggio a Roma alla Sala del refettorio di Palazzo San Macuto (Camera dei deputati) in un convegno dal titolo “Art 32: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” promosso dalla Simedet, Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica e dalla Federazione CISL Medici. A presiedere l’evento il presidente della Simedet Fernando Capuano e il segretario nazionale della Cisl Medici Biagio Papotto.

Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO oltre a esponenti del mondo delle professioni sanitarie come Antonio Bortone, presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni Professioni Sanitarie.

«La Simedet in sinergia con il segretario nazionale della Cisl Medici Biagio Papotto e il sostegno incondizionato dell’onorevole Beatrice Lorenzin – sottolinea Fernando Capuano – hanno promosso questo evento istituzionale per compiere una riflessione su uno dei principi fondanti e cardine della nostra Carta costituzionale, quello della salute, che oggi a causa delle disuguaglianze prodotte dall’organizzazione regionale del Servizio Sanitario non garantisce al cittadino utente le pari opportunità di diagnosi, cura, assistenza, riabilitazione e prevenzione. Ne parleremo con autorevoli relatori, con i produttori di salute (tra cui le professioni sanitarie), le associazioni e i movimenti dei cittadini fruitori».

«L’obiettivo della giornata – continua Capuano – è quello di migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità anche con la piena diffusione dei sistemi ICT e della sanità digitale e l’investimento nelle Professioni Sanitarie in termini di valorizzazione contrattuale e di competenze avanzate».

Tra gli ospiti del convegno anche Ivan Cavicchi, docente dell’Università di Tor Vergata Roma, Antonino Cartabellotta, Presidente GIMBE, Giorgio Banchieri, Segretario Nazionale ASIQUAS. Le conclusioni affidate a Gaetano Maria Fara, past director Dipartimento Sanità Pubblica dell’Università La Sapienza di Roma.

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Istituiti gli ‘Elenchi speciali’ per 18 categorie professionali
Il ministro della Salute, Giulia Grillo firma il decreto: «Salvi 20.000 operatori che rischiavano di non poter più lavorare a causa di una norma pasticciata»
“Soffocamento in età pediatrica, ecco perché serve un Ddl per rendere obbligatori i corsi di disostruzione”
di Enza Giglione, Pediatra AOU Maggiore della Carità di Novara e referente Simedet Piemonte
Affari Sociali, un anno di Commissione con Marialucia Lorefice: «Con la Lega stessa visione sulla sanità, ma attenzione ad autonomia differenziata»
«In sanità stiamo investendo a differenza di quanto si è fatto rispetto al passato. È finito il tempo dei tagli lineari e indiscriminati» sottolinea la Presidente di Commissione in un colloquio di bilancio in esclusiva con Sanità Informazione. Poi rivendica il provvedimento sulla sanità trasparente e rilancia la sua mozione per staccare il Fondo sanitario dall’andamento del Pil: «Assegnare fondi certi, la salute è un investimento, non un costo». E dice la sua sul contratto della dirigenza medica che l’ha vista impegnata in prima persona…
Professioni sanitarie, l’ex ministro Mariapia Garavaglia: «Siano consapevoli del loro ruolo, fondamentale garantire sviluppo di carriera»
La presidente della Fondazione Roche sarà tra i relatori del Congresso ANTEL di Roma di settembre. Ai microfoni di Sanità Informazione sottolinea l’importanza del nuovo maxiOrdine: «L’adesione a un Ordine garantisce sia i professionisti che i cittadini utenti perché ora c’è la garanzia del percorso formativo e del controllo professionale»
Contratto medici, Papotto (Cisl Medici): «Maggior parte risorse sul disagio per evitare fuga da SSN»
Il segretario generale di Cisl Medici commenta il nuovo contratto dei medici e dei dirigenti sanitari
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone