Voci della Sanità 3 Aprile 2019

“Art. 32: La Repubblica tutela la salute”: Cisl e Simedet insieme per una riflessione sul diritto alle cure e sulle diseguaglianze in sanità

L’evento si svolgerà l’8 maggio alla Camera dei deputati. Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO. Il presidente Simedet Capuano: «Parleremo di come migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità»

A 40 anni dall’introduzione del Servizio sanitario nazionale e a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana il dibattito sul diritto alla salute è più che mai vivo. Una buona occasione di incontro si svolgerà l’8 maggio a Roma alla Sala del refettorio di Palazzo San Macuto (Camera dei deputati) in un convegno dal titolo “Art 32: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” promosso dalla Simedet, Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica e dalla Federazione CISL Medici. A presiedere l’evento il presidente della Simedet Fernando Capuano e il segretario nazionale della Cisl Medici Biagio Papotto.

Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO oltre a esponenti del mondo delle professioni sanitarie come Antonio Bortone, presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni Professioni Sanitarie.

«La Simedet in sinergia con il segretario nazionale della Cisl Medici Biagio Papotto e il sostegno incondizionato dell’onorevole Beatrice Lorenzin – sottolinea Fernando Capuano – hanno promosso questo evento istituzionale per compiere una riflessione su uno dei principi fondanti e cardine della nostra Carta costituzionale, quello della salute, che oggi a causa delle disuguaglianze prodotte dall’organizzazione regionale del Servizio Sanitario non garantisce al cittadino utente le pari opportunità di diagnosi, cura, assistenza, riabilitazione e prevenzione. Ne parleremo con autorevoli relatori, con i produttori di salute (tra cui le professioni sanitarie), le associazioni e i movimenti dei cittadini fruitori».

«L’obiettivo della giornata – continua Capuano – è quello di migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità anche con la piena diffusione dei sistemi ICT e della sanità digitale e l’investimento nelle Professioni Sanitarie in termini di valorizzazione contrattuale e di competenze avanzate».

Tra gli ospiti del convegno anche Ivan Cavicchi, docente dell’Università di Tor Vergata Roma, Antonino Cartabellotta, Presidente GIMBE, Giorgio Banchieri, Segretario Nazionale ASIQUAS. Le conclusioni affidate a Gaetano Maria Fara, past director Dipartimento Sanità Pubblica dell’Università La Sapienza di Roma.

Articoli correlati
Covid19, maxi Ordine professioni sanitarie contesta esclusione da Fondo di solidarietà per vittime
«È riprovevole constatare che le nostre Istituzioni, seppur più volte allertate, hanno escluso la maggior parte delle professioni sanitarie dalle iniziative di solidarietà in favore delle vittime della pandemia Covid-19» sottolinea il Presidente del maxi Ordine Alessandro Beux
Cura Italia, Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Vergognosi emendamenti che vogliono ridimensionare la responsabilità dei datori di lavoro»
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie TSRM e PSTRP Alessandro Beux contesta alcuni emendamenti al Dl Cura Italia sull’emergenza coronavirus: «Questa emergenza ha dei responsabili anche tra i decisori politici e gli amministratori. Entrambi dovranno farsene carico»
Coronavirus, Lorefice: «Non abbassiamo la guardia. Ora tutti capiscono importanza risorse a SSN»
Sarà la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice la relatrice del Dl 25 marzo con le restrizioni e i divieti anti Covid-19: «Sarà cornice normativa per i dpcm e le ordinanze già emanati ed il riferimento da cui le autorità competenti potranno di volta in volta adottare norme specifiche». Poi sottolinea: «SSn deve ripartire dalla valorizzazione del personale medico e sanitario»
Coronavirus, Bonaccini apre a tavolo di confronto con professioni sanitarie. Beux (TSRM e PSTRP): «Non lasceremo sole le famiglie»
Il Presidente della Conferenza Stato-regioni ha manifestato «la disponibilità delle Regioni a voler costituire il tavolo di confronto richiesto dalla Federazione», Le referente della FNO TSRM e PSTRP Laila Perciballi: «Si è dato un immediato riscontro alle richieste avanzate alle Istituzioni in merito all’assenza di dispositivi di sicurezza ed alla mancata effettuazione dei tamponi al personale sanitario»
Aggressioni, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Sono tornate ben prima di quanto ci aspettassimo»
Lavorano in condizioni difficili, molti  di loro sono stati contagiati dal Covid-19, alcuni sono deceduti. Ma il rischio per i camici bianchi è passare da eroi a carnefici. Si parla, infatti, delle prime denunce e azioni giudiziarie. LEGGI ANCHE: «BUONA FORTUNA A TUTTI NOI, MEDICI E OPERATORI SANITARI» «Il declino della professione medica – spiega in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...