Voci della Sanità 25 Maggio 2021 18:07

Anziani, prima riunione intergruppo parlamentare. Taverna: «Utilizzare PNRR per vera riforma sanitaria»

«Non basta più rimediare colmando i vulnus frutto degli errori commessi. Serve rivedere completamente il modello di offerta sanitaria esistente» sottolinea la senatrice M5S Paola Taverna promotrice dell’integruppo

Superare la dicotomia tra assistenza sociale e sanitaria, passare da una sanità di prestazioni a una sanità di continuità e utilizzare al massimo il PNRR nella logica di rivisitazione del SSN per arrivare a nuovi modelli di presa in carico degli anziani che consentano di rispondere meglio ai bisogni di una popolazione longeva. In tal senso occorre attivare una rete di servizi di prossimità, consentendo agli anziani di vivere a casa loro e di essere presi in carico con servizi di inclusione digitale e sociale, strumenti di lotta alla solitudine, prevenzione ed educazione sanitaria. È  quanto emerso dalla quinta riunione dell’intergruppo parlamentare per tutelare la longevità voluto dal Vice Presidente del Senato, Paola Taverna, che ha presieduto l’incontro a cui hanno dato il proprio contributo il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, Monsignor Vincenzo Paglia, Presidente della Commissione per la riforma dell’assistenza agli anziani presso il Ministero della Salute, Giuseppe Milanese, Presidente di Confcooperative sanità e Franco Massi, Presidente di Uneba.

«Tra le tante verità che ci ha sbattuto in faccia la pandemia – spiega Paola Taverna – spicca quella relativa alle gravi disfunzioni del nostro sistema sanitario. Disfunzioni che rinvengono la causa in una serie di azioni, o più spesso omissioni, poste in essere negli ultimi decenni. Disinvestimenti, tagli del personale e dei posti letto, blocco del turn over, tutti espressione di un certo modo di considerare la Sanità che però gli italiani hanno pagato a caro prezzo. Sappiamo tutti quanti e quali conseguenze si sono determinate, in spregio al fondamentale diritto alla salute. Nel 2013 il primo Ddl che ho presentato, rinnovandone il deposito in questa legislatura un anno fa circa, mira a superare le gravissime sperequazioni territoriali persistenti riportando in capo allo Stato la competenza in materia di tutela di salute. Non basta più rimediare colmando i vulnus frutto degli errori commessi. Serve rivedere completamente il modello di offerta sanitaria esistente. E grazie al PNRR – aggiunge la vicepresidente del Senato – ci troviamo nella congiuntura in cui questa riforma è improcrastinabile ma anche più agevolmente realizzabile. Non dobbiamo sprecare l’occasione di poter far ripartire l’Italia imprimendo quella innovazione che per troppo tempo è stata rinviata».

Articoli correlati
Codirp su PNRR, Tiziana Cignarelli: «C’è il rischio di frammentare il disegno complessivo»
Presentata ieri in audizione la proposta Codirp di un raccordo diretto tra la cabina di regia e l’andamento dei lavori e dei progetti, grazie alle competenze tecniche specialistiche presenti nella PA
Case di Comunità, da Nord a Sud la rivolta dei medici di famiglia: «Piccoli e medi centri penalizzati, guai a perdere la prossimità»
Da Palestrina a Castelfidardo, da Valle Cavallina a Borgofranco D'Ivrea, viaggio nelle realtà lontane dai grandi centri urbani dove la riforma prevista dal PNRR preoccupa
di Giovanni Cedrone, Federica Bosco e Chiara Stella Scarano
PNRR, CNOAS in audizione: «Basta con il Welfare a progetto. Mettere al centro i minorenni e le famiglie»
Audizione degli assistenti sociali alla Bicamerale Infanzia e adolescenza. Il presidente Gazzi: «Ci sono realtà che hanno avuto strumenti e persone e altre dove le colleghe e i colleghi hanno sopperito anche con mezzi propri alla mancanza di tutto»
Covid-19, One Health e PNRR
di Maurizio Ferri, Responsabile Scientifico SIMeVeP e Paola Romagnoli, Veterinario Ufficiale ASL Roma1
di Maurizio Ferri, Responsabile Scientifico SIMeVeP e Paola Romagnoli, Veterinario Ufficiale ASL Roma1
Farmacie Amiche delle Persone con Demenza: al via la collaborazione tra Federazione Alzheimer Italia e Federfarma
Dedicato alle oltre 18mila farmacie in tutta Italia il vademecum con le indicazioni per rendere il proprio presidio accogliente per le persone con demenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM