Voci della Sanità 2 Gennaio 2018

AMSI e Uniti per Unire a Capo Verde per operare 500 pazienti e formare medici locali

  «Solidarietà ma anche Sanità oltre i confini, per portare un supporto medico-scientifico ai Paesi in via di sviluppo, contribuendo alla loro cura e al loro sviluppo locale»: sono questi gli obiettivi tradotti da subito in realtà portati avanti dal Movimento Internazionale “Uniti per Unire” e dall’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), che […]

 

«Solidarietà ma anche Sanità oltre i confini, per portare un supporto medico-scientifico ai Paesi in via di sviluppo, contribuendo alla loro cura e al loro sviluppo locale»: sono questi gli obiettivi tradotti da subito in realtà portati avanti dal Movimento Internazionale “Uniti per Unire” e dall’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (AMSI), che sostengono la II missione medica “Sirurgica” a Capo Verde,  inquadrata nel protocollo siglato tra Kriol-Ià (Associazione di Amicizia Italia- Capo Verde) e l’Ospedale in loco Baptista de Sousa, iniziata lo scorso 27 dicembre e che proseguirà fino all’8 gennaio.

Nell’ambito della missione vengono effettuate chirurgie oftalmiche programmate per dare risposta agli oltre 500 pazienti che sono in lista di attesa, con uno scambio tra personale medico sanitario locale e italiano. I beneficiari sono capoverdiani giovani e adulti affetti da cataratta e da altre patologie oftalmologiche, provenienti per lo più dal Nord dell’Arcipelago, e selezionati dalla stessa struttura ospedaliera del Paese.

«Siamo fieri che anche in un periodo di festività questi amici, colleghi Professionisti della Sanità internazionali, avviano a Capo Verde questa importante missione che contribuirà alla cura di tanti pazienti», dichiara il Professor Foad Aodi, medico fisiatra, Fondatore di Amsi e Uniti per Unire, eletto per il quarto mandato consecutivo come Consigliere dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma e provincia. Tra gli obiettivi dell’Ordine dei Medici, come dichiara anche il collega di Aodi Roberto Bonfili, Responsabile UOS Emergenza in Oculistica presso  l’Azienda Ospedaliera Forlanini di Roma, Neo Consigliere dell’Ordine dei Medici ed Odontoiatri di Roma e Vicesegretario di Uniti per Unire, «quello di sostenere lo scambio e la cooperazione sanitaria per curare i pazienti in loco, insegnando le tecniche chirurgiche ai medici locali, e conferendo così alla professione medica  un carattere internazionale che includa anche la solidarietà e il volontariato».

«Ci auguriamo di sostenere, unendo le forze e le competenze, tante altre missioni mediche e chirurgiche come quella che è in corso in questi giorni a Capo Verde. Speriamo, inoltre, che proprio dall’Ordine dei Medici di Roma, nello specifico, dalla sua area affari esteri e cooperazione internazionale, si possano formare i medici in loco nei Paesi in difficoltà, da una parte, e curare i pazienti dall’altra. In tal modo, riusciremo a migliorare i servizi sanitari locali, dando più cure e formazione, e a diminuire nello stesso tempo la problematica dell’immigrazione sanitaria e la fuga dei cervelli da questi Paesi verso l’Italia e l’Europa», conclude Aodi.

Articoli correlati
Coronavirus, Aodi (AMSI): «Oltre 150 morti di origine straniera in Italia. Verificati contagi dopo sepoltura deceduti»
Quella contro il Coronavirus «è una delle guerre peggiori che sto commentando con la stampa estera e mondiale da settimane per la gravità della situazione sanitaria e il numero dei morti giornaliero in Italia. Perché in Italia è successo tutto questo? Di chi è la colpa?». Sono queste le domande che si pone Foad Aodi, Presidente di […]
Reclutamento medici, Foad Aodi (Amsi): «Più di 100 medici di origine straniera hanno aderito al nostro appello, ora tocca alle Regioni»
«Condoglianze ai familiari di tutte le vittime di cui numerosi medici italiani e due di origine straniera». LEGGI ANCHE: L’APPELLO A MACRON DI 200 MEDICI ITALIANI IN FRANCIA: «PIU’ CONSAPEVOLEZZA DEL PERICOLO E PIU’ TUTELE» Così il presidente dell’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e Unione Medica Euro Mediterranea (UMEM) il professor Foad Aodi […]
Dottoresse con il velo rifiutate in Veneto, Cifaldi (Cisl medici Lazio): «Violenza inaccettabile»
La posizione della Cisl Medici Lazio sulla vicenda veneta nelle parole del segretario generale e oncologo, Luciano Cifaldi: «Siamo preoccupati di questa pericolosa deriva basata sulla discriminazione di razza e di religione, con il rifiuto di farsi visitare da un medico per il colore della pelle o un modo di vestire non graditi»
Veneto, Aodi (Amsi): «Dottoresse rifiutate da pazienti e direttori sanitari perché indossano il velo islamico»
La denuncia di Foad Aodi, presidente AMSI e UMEM: «Ginecologhe e pediatre somale, sudanesi, palestinesi e irachene discriminate a Vicenza, Verona e Padova»
Razzismo in sanità, Aodi (AMSI): “In 3 anni +35% discriminazioni e aggressioni verso professionisti stranieri”
“I nostri medici e professionisti giovani nella loro riunione del dipartimento gioventù hanno espresso da una parte molta soddisfazione per gli sforzi che sta affrontando il Ministero della Salute con il Ministro Roberto Speranza, il Viceministro Pierpaolo Sileri e la Sottosegretaria Sandra Zampa per le varie problematiche della sanità di oggi; carenza medici, fuga dei cervelli, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 giugno, sono 6.383.805 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 380.331 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 2 giugno: Nel...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco