Voci della Sanità 7 Dicembre 2017 13:29

Alzheimer, al via progetto per intercettare popolazione a rischio

Intercettare i potenziali malati, quelli che nei prossimi anni potranno contrarre demenze per assicurare loro i farmaci innovativi che in capo a qualche anno saranno disponibili sul mercato. E’ l’ambizioso progetto “Interceptor”, fondi per quasi 4 milioni di euro, presentato dal Ministro Beatrice Lorenzin insieme al direttore generale di Aifa, Mario Melazzini, al neurologo del […]

Intercettare i potenziali malati, quelli che nei prossimi anni potranno contrarre demenze per assicurare loro i farmaci innovativi che in capo a qualche anno saranno disponibili sul mercato. E’ l’ambizioso progetto “Interceptor”, fondi per quasi 4 milioni di euro, presentato dal Ministro Beatrice Lorenzin insieme al direttore generale di Aifa, Mario Melazzini, al neurologo del Gemelli Paolo Maria Rossini e a Patrizia Spadin, Presidente di AIMA (Associazione italiana malati di Alzheimer). Nei prossimi anni termineranno le sperimentazioni di oltre 50 farmaci potenzialmente in grado di rallentare, se non di arrestare l’Alzheimer, molti di essi però agiranno solo nelle forme “prodromiche” di malattia, cioè negli anni in cui il cervello sta già combattendo la sua battaglia ma i sintomi sono quasi impercettibili.

Inoltre i nuovi farmaci comportano effetti collaterali anche non banali e avranno alti costi. Di qui l’esigenza di individuare chiaramente a chi dovranno essere assicurati. Come? «Attraverso esami strumentali (biomarcatori) in grado di intercettare e distinguere i soggetti a rischio molto elevato da quelli con basso o nessun rischio – ha spiegato Paolo Maria Rossini – in base ai quali verrà garantito l’accesso nel gruppo a rischio. Attualmente in Italia abbiamo contato 735mila persone ad alto rischio. Solo la metà, però, è destinata a contrarre la malattia, quindi è necessario individuare un sistema per verificare».

«Le demenze stanno diventando un grande problema – ha ricordato il ministro Lorenzin – grazie anche alla longevità, che però porta con se le malattie connesse all’età. I dati dicono di 10 milioni di nuovi casi l’anno nel mondo, una diagnosi ogni tre secondi. Questo progetto riguarda il nostro presente e il nostro futuro, perchè l’Italia è fra i Paesi più anziani e vogliamo un nuovo modello organizzativo capace di intercettare il malato prima possibile». “Interceptor” coinvolgerà 400 pazienti con lievi deficit cognitivi, di eta’ compresa tra 50 e 85 anni, distribuiti in 5 centri italiani, specializzati nella diagnosi e nella cura della demenza di Alzheimer.

Articoli correlati
Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer
Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Alzheimer, AIMA: «Dopo bocciatura EMA su Aducanumab discriminazione di fatto tra pazienti in Europa e USA»
La presidente dell'Associazione italiana malattia di Alzheimer Patrizia Spadin (Presidente AIMA): «Appello alle Regioni: investire sulla diagnosi precoce per investire davvero sul futuro»
Congresso mondiale neurologia, 3 miliardi di persone vivono con cefalea e 50 milioni con demenza ed epilessia
Alla conferenza stampa di presentazione del Congresso Sin italiano si è parlato dell’impatto della pandemia sul sistema neurologico, delle ultime novità terapeutiche per ictus e Alzheimer e di malattie rare
Alzheimer, M5S: Fondo per le demenze primo passo, ora PNRR per garantire prossimità delle cure
«La Giornata mondiale dell’Alzheimer ci ricorda l’importanza di investire nella ricerca e nell’assistenza, di attuare interventi concreti che possano migliorare la qualità della vita di così tante persone» sottolineano i deputati pentastellati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...