Voci della Sanità 13 Luglio 2023 17:09

Alzheimer, Aima: «Programmazione e investimenti per sfruttare le potenzialità delle innovazioni terapeutiche»

«È necessario fornire un sostegno concreto al caregiver familiare e assicurare la formazione del caregiver professionale. È urgente connettere le nuove strutture disciplinate dal PNRR con le esigenze specifiche di presa in carico e gestione di Alzheimer e demenze» ha sottolineato la Presidente AIMA Patrizia Spadin in occasione della conferenza di presentazione dei lavori dell’intergruppo di cui AIMA fa parte

«L’intergruppo parlamentare per le neuroscienze e l’Alzheimer segna un punto di svolta per contrastare davvero la malattia di Alzheimer. Siamo pronti per lavorare insieme e a dare vita a un piano di investimenti concreto ed efficace che ci permetta di cogliere le nuove opportunità offerte dalle innovazioni terapeutiche». Questo il commento di Patrizia Spadin, Presidente di AIMA – Associazione Italiana Malattia di Alzheimer, in occasione della conferenza di presentazione dei lavori dell’intergruppo di cui AIMA fa parte e che si è svolta a Roma.

«Abbiamo invocato per anni la necessità di un cambio di prospettiva da parte del Governo nei confronti dell’Alzheimer e delle demenze – sottolinea Patrizia Spadin -. L’intergruppo parlamentare lanciato dall’Onorevole Annarita Patriarca e dalla Senatrice Beatrice Lorenzin rappresenta il primo passo fondamentale in questa direzione. AIMA è felice di farne parte ed è pronta a collaborare con le istituzioni per dare voce ai bisogni dei pazienti e delle loro famiglie».

«L’Alzheimer è una patologia che coinvolge non solo 700mila persone, ma anche i 3 milioni di cittadini che si prendono cura dei pazienti. Sono numeri terribili, eppure questa malattia negli anni non ha avuto l’attenzione che meritava dalla politica e dalle istituzioni. L’intergruppo è ciò di cui abbiamo bisogno per affrontare un tema così complesso: dovrà essere una cabina di regia che, sotto l’egida del Ministero della Salute si assuma la responsabilità della trasformazione e l’ammodernamento del sistema per renderlo adeguato ai malati di oggi e a quelli di domani» ha aggiunto Spadin.

«È fondamentale sviluppare immediatamente un piano di investimenti strutturali per colmare le lacune organizzative, infrastrutturali, di personale dei Centri per i Disturbi Cognitivi e le Demenze e a cui collegare la pianificazione sanitaria. È necessario fornire un sostegno concreto al caregiver familiare e assicurare la formazione del caregiver professionale. È urgente connettere le nuove strutture disciplinate dal PNRR con le esigenze specifiche di presa in carico e gestione di Alzheimer e demenze. Per raggiungere questi obiettivi serve innanzitutto un metodo e questo intergruppo, con il lavoro trasversale e la collaborazione con i Ministeri competenti, può dare fondamento al raggiungimento di questi risultati», ha continuato Spadin.

«Viviamo una fase delicata e decisiva nella lotta alla malattia e per la prima volta la ricerca scientifica ci dà la speranza di vedere la luce in fondo al tunnel. Dobbiamo essere pronti a cogliere questa occasione per rendere efficaci le innovazioni terapeutiche e preparare al meglio i pazienti e le rispettive famiglie», ha concluso Spadin.

Articoli correlati
Alzheimer: regolare i livelli di dopamina riduce i sintomi nelle prime fasi della malattia
Uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, insieme alla Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e condotto su modelli sperimentali, ha confermato che la stimolazione dopaminergica è efficace nel ridurre l’ipereccitabilità dell’ippocampo condizione alla base dell’insorgenza di epilessia e che può contribuire al progressivo danno cognitivo nell'Alzheimer
Scoperte 5 diverse forme di Alzheimer. Aperta la strada a nuove terapie personalizzate
Ci sono 5 tipi diversi di Alzheimer e questo potrebbe spiegare perché alcuni farmaci sembrano essere inefficaci con questa devastante malattia neurodegenerativa. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio condotto dall'Alzheimer Center Amsterdam, dall'Università di Amsterdam e dall'Università di Maastricht, nei Paesi Bassi. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Aging, potrebbero avere implicazioni per il futuro sviluppo di farmaci contro l’Alzheimer
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Creato il più grande atlante delle cellule cerebrali umane
Circa 200 miliardi di cellule cerebrali. Precisamente 86 miliardi di neuroni e 100 miliardi di cellule di 3.000 tipi diversi. Sono impressionanti i numeri del più completo atlante delle cellule del cervello umano e dei primati non umani, realizzato nell’ambito della Brain Initiative
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...