OMCeO, Enti e Territori 19 dicembre 2016

Accorpamento Asl. Sempre meno Aziende e sempre più grandi

Il comparto sanitario italiano sta lentamente trasformandosi. Nonostante il No alla Riforma Costituzionale il profilo della sanità si sta modificando e a dimostrarlo l’imminente processo di accorpamento delle Asl. Una centralizzazione inevitabile che negli ultimi 5 anni ha visto una riduzione del 35% il numero delle Aziende che risultano essere sempre più raccolte, uniche e […]

Il comparto sanitario italiano sta lentamente trasformandosi. Nonostante il No alla Riforma Costituzionale il profilo della sanità si sta modificando e a dimostrarlo l’imminente processo di accorpamento delle Asl. Una centralizzazione inevitabile che negli ultimi 5 anni ha visto una riduzione del 35% il numero delle Aziende che risultano essere sempre più raccolte, uniche e con bacini d’utenza che a volte superano il milione di abitanti. Questo fenomeno di accentramento che in realtà è iniziato da parecchi anni ma che sta trovando il suo massimo compimento di recente, è dettato sia dalla volontà delle amministrazioni di risparmiare sugli stipendi dei manager sia per riaccentrare e omologare l’organizzazione dei servizi sanitari.

Sarebbe però necessario con la nuova organizzazione, sollevare il problema della collegialità delle decisioni e della relazioni fra i diversi decisori. Infatti le mega-aziende richiedono a loro volta profili di general manager e non soltanto al vertice.

Per quanto riguarda il quadro generale delle regioni, da Nord a Sud, il taglio c’è stato. Alcune Regioni sanitarie come per esempio la Val d’Aosta Molise e le Marche hanno già un’unica Asl che spesso corrisponde con il capoluogo. Dal 2017 è probabile che anche la Sardegna si adatti ad avere una sola Asl. Poi ci sono Regioni con più Asl come per esempio l’Umbria e la Basilicata con 2 Aziende Sanitarie Locali, la Toscana con 3, l’Abruzzo con 4, il Friuli, la Liguria e la Calabria con 5 Asl.

Tra le Regioni con più Aziende sanitarie il Piemonte che il prossimo anno ne avrà ben 12. Segue il Lazio con 10 Asl, di cui 6 nella provincia di Roma, 3 a Roma città dove però la Asl Roma 1 e Roma 2 sono già le più grandi del Paese. Sicilia e Veneto ne avranno 9, Lombardia ed Emilia Romagna 8 Asl, la Campania 7 e la Puglia con 6.

Articoli correlati
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD?
Le Aziende sanitarie possono erogare eventi FAD a condizione che siano rispettati i requisiti di tracciabilità e di completa esclusione dei professionisti che non operano sul territorio dell’Ente accreditante. Se l’accesso è consentito a tutti i professionisti indipendentemente dalla loro sede operativa, deve essere fatta richiesta di accreditamento dell’evento FAD alla CNFC (cfr.: Regolamento applicativo […]
Vaccini, D’Amato (Lazio): «On line i dati fascia 0-16 anni, a disposizione di scuole e Asl»
Risultano immessi on line i dati sanitari di più di 506mila bambini e oltre 12,5 mln di vaccinazioni nella fascia di età fino ai 16 anni, consultabili da scuole e Asl attraverso il portale Salutelazio.it. D'Amato: «Il servizio agevola il lavoro dei centri vaccinali, dei pediatri e del personale di supporto amministrativo delle scuole»
Vaccini, Scotti (FIMMG): «D’accordo con autocertificazioni, ma è grave se non vengono verificate tutte»
Silvestro Scotti, Segretario FIMMG e Presidente OMCeO Napoli: «I controlli da parte delle istituzioni scolastiche sono fondamentali per essere sicuri che in una classe dove c'è un bambino immunodepresso tutti gli altri siano stati correttamente vaccinati. In caso contrario, qualora risultasse un'epidemia con conseguente infezione del soggetto immunodepresso sarebbero guai...». VIDEO-INTERVISTA
Sanità, i consigli dell’ex Ministro Sirchia al nuovo governo: «Senza prevenzione salta Ssn. Medici emarginati, fermare concezione aziendalistica»
L’immunoematologo, per quattro anni alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa, chiede di tornare allo spirito originario del Ssn: «È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. Necessario rivedere intramoenia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila