Tavola rotonda: “Telemedicina, Logistica, Circolazione dei Dati. Il Futuro della Sanità” all’Università di Parma

“Telemedicina, logistica, circolazione dei dati: il futuro della sanità” è il titolo della tavola rotonda che si svolgerà venerdì 9 marzo 2018 al Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Parma, a partire dalle ore 14.30 nel Campus Area delle Scienze e delle Tecnologie. Un tema di grande attualità, considerato l’impatto positivo che l’applicazione […]

“Telemedicina, logistica, circolazione dei dati: il futuro della sanità” è il titolo della tavola rotonda che si svolgerà venerdì 9 marzo 2018 al Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università degli Studi di Parma, a partire dalle ore 14.30 nel Campus Area delle Scienze e delle Tecnologie.

Un tema di grande attualità, considerato l’impatto positivo che l’applicazione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione alla sanità e ai sistemi di assistenza sanitaria potrebbe avere in termini di miglioramento dell’efficienza, qualità della vita e impulso innovativo ai mercati sanitari. Con l’intervento di esperti in vari ambiti del settore, la Tavola rotonda affronterà il tema a 360°, sia dal punto di vista dell’evoluzione tecnologica della sanità nella direzione dell’e-health, sia della nuova logistica, legata alla trasformazione del mercato, ancora più peculiare per la forte commistione tra pubblico e privato.

Accanto all’analisi dello stato dell’arte in Italia, tra problemi e prospettive, si intende affrontare anche il tema connesso della circolazione dei dati sanitari, a pochi mesi dalla prossima entrata in vigore del regolamento europeo in materia di privacy. L’obiettivo della tavola rotonda è quindi individuare i quesiti tecnici più urgenti a cui la ricerca universitaria può offrire soluzioni innovative. Interverranno: Massimo Mangia, responsabile e-health di Federsanità ANCI; Antonio Rizzi, professore ordinario di logistica industriale e supply chain management presso il Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma; Giovanni Staffilano, cardiologo e medico dello sport, membro della Commissione ministeriale per il passaporto biologico degli atleti; e Cristina Pozzi, professore di diritto comunitario dei trasporti Jean Monnet. La tavola rotonda si concluderà con l’approfondimento di un caso di studio relativo ad un’azienda di logistica sanitaria.

 

Articoli correlati
Leucemie, i punti fermi dell’AIL secondo Viganò (RomAIL): «Ricerca scientifica, assistenza domiciliare e formazione permanente dei volontari»
Quest'anno, l'AIL celebra 50 anni e festeggia questa importante ricorrenza con una serie di appuntamenti che ripercorrono le tappe della sua storia. Tra questi, l'incontro ”La Scelta Volontaria – Riflessioni sul Volontariato” che si è svolto a Roma presso la Residenza di Ripetta, dove abbiamo incontrato la presidente di RomAIL Maria Luisa Rossi Viganò
Festival della Scienza Medica, a Bologna scienziati e premi Nobel per parlare dell'”intelligenza della Salute”
Quattro giorni di eventi, lezioni, conferenze, incontri per tutte le età, con scienziati di fama internazionale. Tra gli invitati il premio Nobel John Gurdon che per primo ipotizzò la clonazione
Anna Pedrazzini, la manager-maratoneta che corre per solidarietà con Consulcesi Onlus
«Indossare la maglia della Consulcesi alla Maratona di Roma praticando la cosa che amo più al mondo e per un progetto così importante è stata un’esperienza straordinaria che sicuramente si ripeterà in futuro», il racconto in prima persona di Anna Pedrazzini, manager del network legale Consulcesi a Sanità Informazione
Giornata donazione organi, Grillo: «Fieri dell’Italia che dice sì». Parte lo spot televisivo con il comico Lillo
Nello spot per la campagna di comunicazione su donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule il comico Lillo e l'attrice Rossella Schiuma, ricordano che si può esprimere la propria dichiarazione di volontà anche in Comune, al momento del rilascio o rinnovo della carta d'identità. Nel 2019 le dichiarazioni hanno superato i 5 milioni
Smart working in sanità, Magi (OMCeO Roma): «Una bella scommessa, ma non aumenti la distanza medico-paziente»
Al parziale scetticismo del presidente dell'Ordine dei Medici di Roma si contrappone l'entusiasmo di Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli ingegneri della Capitale: «Le potenzialità sono enormi: lavorare a distanza riuscendo a fornire la stessa qualità del servizio e garantendo la sicurezza dei dati personali consente di risparmiare su tutte le procedure e sopperire a carenze sociali»
di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Salute

Ecco la verità sugli integratori: business o vera salute? Facciamo chiarezza con Alessandro Mugelli (Presidente Società Italiana Farmacologia)

Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? «Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integrato...