Mondo 3 Giugno 2015

Web e App salvano medici e pazienti, aumentano le ricette elettroniche

Negli Usa le prescrizioni elettroniche superano quota un miliardo: ecco le App più usate in UK e Italia

Continua ad aumentare negli Stati Uniti il numero di prescrizioni elettroniche emesse da medici e farmacisti. È quanto emerge dai dati diffusi da Surescripts, ovvero il network informativo più utilizzato negli USA. Rispetto al 2013, infatti, lo scorso anno si è registrato un grande aumento nel numero di ricette elettroniche emesse dai professionisti americani: una differenza in positivo di circa 200 milioni. Secondo le informazioni raccolte dall’istituto statunitense la quasi totalità delle farmacie americane (ovvero il 95%) e più della metà dei camici bianchi (il 56%) hanno infatti elaborato un miliardo e 200 milioni di ricette elettroniche. Nei dodici mesi precedenti la cifra non aveva superato il miliardo. Questo dato è relativo soltanto alla rete gestita da Surescripts e rappresenta circa il 67% della totalità delle prescrizioni effettivamente emesse. Meno evidente la crescita del numero dei professionisti che hanno fatto ricorso a questo tipo di ricetta: dal 55% del 2013 si è passati al 56% dell’anno scorso.

I dati parlano insomma chiaro e dimostrano quanto sia crescente, all’interno del settore sanitario internazionale, l’interesse verso una progressiva “smaterializzazione” dell’attività medica in favore di soluzioni sempre più smart. Accade lo stesso anche nel mondo delle App mediche per device quali smartphone e tablet. In Inghilterra, ad esempio, attraverso questo tipo di strumenti è possibile collegare i pazienti a migliaia di ospedali e professionisti. Attraverso una semplice applicazione è infatti possibile per i medici consultare le cartelle cliniche contenenti tutte le informazioni relative ai pazienti affetti da patologie croniche e permettergli dunque di essere seguiti costantemente e senza eccessive perdite di tempo e di denaro. L’App consente inoltre di tenere sotto controllo i valori di pressione sanguigna, i grafici di esercizio e altre informazioni che necessitano dell’immediato inserimento nelle cartelle dei pazienti da parte dei medici generici. L’Applicazione è stata creata dal gruppo Emis, una tra le più importanti società di sviluppo software britanniche. La cura del rapporto medico-paziente assume, dunque, un ruolo sempre più importante grazie alle tecnologie di ultima generazione. Proprio in questa direzione va MyDott, soluzione studiata ad hoc per aumentare il numero di pazienti attraverso una comunicazione al passo con i tempi.

Articoli correlati
App Coronavirus, l’avvocato Ciurcina: «La tutela dei dati personali è più importante della semplicità»
Intervista al titolare di StudioLegale.it: «La comunità tecnica e scientifica valuti approfonditamente la soluzione tecnologica»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, D’Amato: «Parte la nuova app ‘Lazio Doctor Covid’»
La nuova app nasce in collaborazione con i medici di medicina generale e permetterà il rapido monitoraggio delle persone in sorveglianza domiciliare per Covid-19 nel Lazio
Coronavirus, la Cina lancia una App per sapere se si è a rischio contagio
Una applicazione per sapere se si è stati a stretto contatto con chi è risultato contagiato dal coronavirus o rientra tra i casi sospetti. È stata lanciata in Cina, e se la risposta è affermativa, è la tecnologia stessa a consigliare all’utente di rimanere a casa e di informare le autorità sanitarie. Secondo quanto riportato […]
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»
Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco