Mondo 3 giugno 2015

Web e App salvano medici e pazienti, aumentano le ricette elettroniche

Negli Usa le prescrizioni elettroniche superano quota un miliardo: ecco le App più usate in UK e Italia

Continua ad aumentare negli Stati Uniti il numero di prescrizioni elettroniche emesse da medici e farmacisti. È quanto emerge dai dati diffusi da Surescripts, ovvero il network informativo più utilizzato negli USA. Rispetto al 2013, infatti, lo scorso anno si è registrato un grande aumento nel numero di ricette elettroniche emesse dai professionisti americani: una differenza in positivo di circa 200 milioni. Secondo le informazioni raccolte dall’istituto statunitense la quasi totalità delle farmacie americane (ovvero il 95%) e più della metà dei camici bianchi (il 56%) hanno infatti elaborato un miliardo e 200 milioni di ricette elettroniche. Nei dodici mesi precedenti la cifra non aveva superato il miliardo. Questo dato è relativo soltanto alla rete gestita da Surescripts e rappresenta circa il 67% della totalità delle prescrizioni effettivamente emesse. Meno evidente la crescita del numero dei professionisti che hanno fatto ricorso a questo tipo di ricetta: dal 55% del 2013 si è passati al 56% dell’anno scorso.

I dati parlano insomma chiaro e dimostrano quanto sia crescente, all’interno del settore sanitario internazionale, l’interesse verso una progressiva “smaterializzazione” dell’attività medica in favore di soluzioni sempre più smart. Accade lo stesso anche nel mondo delle App mediche per device quali smartphone e tablet. In Inghilterra, ad esempio, attraverso questo tipo di strumenti è possibile collegare i pazienti a migliaia di ospedali e professionisti. Attraverso una semplice applicazione è infatti possibile per i medici consultare le cartelle cliniche contenenti tutte le informazioni relative ai pazienti affetti da patologie croniche e permettergli dunque di essere seguiti costantemente e senza eccessive perdite di tempo e di denaro. L’App consente inoltre di tenere sotto controllo i valori di pressione sanguigna, i grafici di esercizio e altre informazioni che necessitano dell’immediato inserimento nelle cartelle dei pazienti da parte dei medici generici. L’Applicazione è stata creata dal gruppo Emis, una tra le più importanti società di sviluppo software britanniche. La cura del rapporto medico-paziente assume, dunque, un ruolo sempre più importante grazie alle tecnologie di ultima generazione. Proprio in questa direzione va MyDott, soluzione studiata ad hoc per aumentare il numero di pazienti attraverso una comunicazione al passo con i tempi.

Articoli correlati
Malattia di Crohn, in arrivo una nuova terapia. L’incontro a Milano
La malattia di Crohn è una patologia infiammatoria cronica dell’intestino che colpisce 1,3 milioni di persone nel mondo, di cui circa 60.000 in Italia, soprattutto tra i 20 e i 30 anni. I sintomi, dolori addominali, perdita di peso e diarrea, fatica, anoressia o febbre, si possono manifestare in maniera imprevedibile e per questo spesso […]
Caldo, allerta del Ministero della Salute: da domani ondata di calore estesa in tutta Italia
I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per domani e dopodomani con livelli 2-3 nella maggior parte delle città italiane e si prolungheranno […]
Long-Term Care, Nicoletta Luppi (MSD): «Puntare sull’impatto dell’innovazione nella gestione della cronicità»
«Servono nuove risposte per affrontare il problema della sostenibilità della cronicità e garantire l’accesso all’innovazione per tutti lungo il percorso di prevenzione e cura». Così Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia
Blockchain, il libro “Cripto-svelate” spiega la rivoluzione che coinvolgerà anche la sanità
ICO, hash, mining, token, Smart Contracts: termini ancora poco conosciuti che preannunciano un cambiamento epocale. Andrea e Massimo Tortorella, imprenditori forti dei loro successi in Italia e all’estero nel settore sanitario e non solo, presentano la guida per comprendere il futuro che è già davanti a noi
Stampa 3D in sanità, Marconi (Università di Pavia): «Ecco come aiuta medici e pazienti»
Dalla formazione per il personale sanitario al consenso informato di chi deve subire un’operazione. Sono tante le possibili applicazioni di questo tipo di tecnologia all’ambito medico, ma le prospettive sono ancora migliori…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...