Mondo 31 Marzo 2022 15:10

Trenta ore di viaggio con uno scompenso cardiaco, per un profugo ucraino la salvezza arriva a Treviso

Il sessantunenne giunto a Montebelluna in gravi condizioni, è stato subito trasferito al centro di cardiochirurgia diretto dal dottor Giuseppe Minniti che ha eseguito la sostituzione della valvola aortica con una bio protesi

Trenta ore di viaggio con uno scompenso cardiaco, per un profugo ucraino la salvezza arriva a Treviso

Un viaggio di trenta ore in bus per fuggire dalla guerra. Per un uomo di 61 anni però quel tragitto non era solo il lascia passare per la salvezza, era molto di più. Poteva diventare anche un viaggio senza ritorno per le gravi condizioni di salute in cui versava. Da mesi, infatti, l’uomo era in attesa di un intervento chirurgico al cuore per problemi alla valvola aortica. Un’operazione programmata che però tardava ad arrivare. Il tempo passava e per l’uomo, provato fisicamente, le possibilità di salvarsi diventavano sempre più remote. Allora ha scelto di partire per raggiungere la nipote in Italia nonostante le precarie condizioni di salute.

«È arrivato a Montebelluna in una situazione di grave scompenso cardiaco – racconta Giuseppe Minniti direttore di Cardiochirurgia dell’Ospedale di Treviso che l’ha salvato -.  In presenza di una stenosi della valvola aortica di grado severo, i medici che l’hanno visitato ci hanno chiamato ed abbiamo predisposto immediatamente il trasferimento presso il nostro centro».

Un intervento di sostituzione della valvola aortica perfettamente riuscito

Nonostante il fisico provato dalla malattia e dal viaggio, per il sessantunenne ucraino l’intervento di sostituzione della valvola aortica con una bio protesi è perfettamente riuscito e dopo una degenza post-operatoria di pochi giorni è stato traferito al centro di riabilitazione ORAS di Monte di Livenza. «Oggi l’uomo sta bene, cammina e sta seguendo senza intoppi il consueto percorso di riabilitazione che segue interventi di quella portata. Nell’arco delle prossime due settimane di degenza verrà completamente ripristinata la funzione cardiaca compromessa durante il lungo viaggio e potrà tornare a casa della nipote a Montebelluna. Tra due mesi sarà perfettamente ristabilito», conclude Minniti.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni