Mondo 3 Dicembre 2019 10:55

Terremoto Albania, Sanità di Froniera e Consulcesi Onlus offrono visite mediche, tendopoli e sostegno psicologico

Attive l’unità mobile per prestare primo soccorso nelle zone più remote e una raccolta fondi per portare avanti i progetti di solidarietà rivolti alla popolazione albanese

Il villaggio di Thumane, alla periferia di Durazzo con 5mila anime e 24 morti, è la più zona più colpita dal terremoto che nei giorni scorsi ha devastato l’Albania. 560 persone alloggiano in albergo a Shen Gjin, mentre 100 persone resteranno in tende situate vicino alle loro proprietà crollate o semi distrutte.

A raccontare il post terremoto in Albania è l’imprenditore Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Onlus che, in queste ore, ha annullato tutti gli impegni lavorativi e si è precipitato nella Terra delle Aquile per coordinare i soccorsi che insieme a Sanità di Frontiera sono già in campo per supportare le autorità locali. Consulcesi (realtà internazionale che si occupa di assistere legalmente e formare i medici) ha una sede a Tirana con oltre 400 dipendenti, alcuni dei quali duramente colpiti dalle scosse. Immediata è partita la gara di solidarietà di tutte le sedi che stanno attivamente partecipando a far tornare alla normalità i colleghi al lavoro in Albania. Tra le tante iniziative anche la decisione condivisa di annullare la classica festa natalizia ed impiegare quello che sarebbe stato il costo per la causa albanese.

GUARDA IL VIDEO DI CONSULCESI ONLUS:

«Sono in stretto contatto con le istituzioni albanesi, ieri ho incontrato il Primo Ministro Edi Rama e gli uffici operativi ed ho espresso la massima solidarietà e il sostegno per avviare il rapido ritorno alla normalità  – afferma Massimo Tortorella -. Consulcesi si è messa a disposizione con il suo personale in loco anche per il supporto logistico nelle zone terremotate e ha reso disponibile il suo numero verde 800.122.777 e la gestione del servizio di sostegno al popolo albanese con medici e fondi».

Sanità di Frontiera, associazione presieduta da Massimo D’Alema e con Gianni Letta presidente dell’Advisory Board, insieme alla no profit Consulcesi Onlus che fa capo all’azienda, si sono attivate al fianco del popolo albanese fin dal primo giorno delle scosse che hanno raggiunto anche una magnitudo di 6.5 punti. Nel giro di poche ore da quel 26 novembre, con il supporto del Polo universitario di Tor Vergata, è stato predisposto un presidio medico-sanitario per aiutare gli operatori locali nelle operazioni di primo soccorso.

«Con l’unità mobile prestiamo attività di primo soccorso nelle zone periferiche attraverso prime visite e facilitando la connessione dei pazienti con gli ospedali più vicini – ha dichiarato da Thumane Francesco Aureli, Presidente di Sanità di Frontiera –. Per aiutare coloro che sono rimasti senza casa, ci siamo attrezzati con tendopoli per una prima accoglienza. Il nostro è anche un impegno a medio e lungo termine, vogliamo dare un sostegno piscologico alle popolazioni più colpite» ha concluso Aureli.

Consulcesi Onlus e Sanità di Frontiera hanno attivato anche una raccolta fondi per sostenere le ingenti spese previste per portare avanti i progetti di solidarietà. La raccolta è aperta, fino al 15 gennaio e sulla piattaforma Rete del dono  a tutti coloro che desiderano essere solidali con il popolo albanese.

LEGGI ANCHE: TERREMOTO IN ALBANIA, L’ITALIA SI MOBILITA: IN PARTENZA CROCE ROSSA. PARLA MANAGER ITALIANA: «UN BOATO E POI LA PAURA»

Articoli correlati
Sanità di frontiera istituisce un fondo donazioni per l’Ucraina
C'è bisogno di aiuto in Ucraina: servono medicinali e dispositivi medici e servono con urgenza
Dare voce (e salute) agli “invisibili”. L’impegno di Sanità di Frontiera per accogliere i nuovi bisogni di chi vive ai margini
D’Amato (Assessore Salute Lazio): «Implementare sinergie sul territorio tra enti sanitari e sociali. Nessuno venga escluso dal diritto alla salute»
In Eritrea si muore di Covid ma non di insufficienza renale, grazie all’aiuto dei nefrologi italiani e di Consulcesi Onlus
In Eritrea non esistevano centri per malattie nefrologiche, si moriva o ci si curava all’estero. Oggi, grazie agli aiuti di Consulcesi Onlus e all’incessante attività di volontariato del nefrologo Roberto Pititto dell'Associazione Medici Volontari, ci sono tre centri dialisi con venti posti letto più cinque macchinari per dialisi ad Alta Efficienza
Fondazione Tim accanto a Sanità di Frontiera per aiutare giovani in difficoltà
Una donazione per sostenere le attività dei nuovi centri con l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale in due quartieri della Capitale: San Lorenzo e Ostiense
Castel Romano, Sanità di Frontiera: «Situazione sotto controllo, noi impegnati sul campo»
«Le notizie diffuse in questi giorni sul Campo di Castel Romano, così come evidenziato dalla Asl Rm2, sono del tutto infondate. Sanità di Frontiera opera in quel campo da molto tempo, insieme alla Comunità di Sant’Egidio, per garantire l’assistenza socio-sanitaria alle persone Rom. Su 300 tamponi effettuati, soltanto 12 hanno dato esito positivo. La situazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...