Mondo 3 Dicembre 2019

Terremoto Albania, Sanità di Froniera e Consulcesi Onlus offrono visite mediche, tendopoli e sostegno psicologico

Attive l’unità mobile per prestare primo soccorso nelle zone più remote e una raccolta fondi per portare avanti i progetti di solidarietà rivolti alla popolazione albanese

Il villaggio di Thumane, alla periferia di Durazzo con 5mila anime e 24 morti, è la più zona più colpita dal terremoto che nei giorni scorsi ha devastato l’Albania. 560 persone alloggiano in albergo a Shen Gjin, mentre 100 persone resteranno in tende situate vicino alle loro proprietà crollate o semi distrutte.

A raccontare il post terremoto in Albania è l’imprenditore Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi Onlus che, in queste ore, ha annullato tutti gli impegni lavorativi e si è precipitato nella Terra delle Aquile per coordinare i soccorsi che insieme a Sanità di Frontiera sono già in campo per supportare le autorità locali. Consulcesi (realtà internazionale che si occupa di assistere legalmente e formare i medici) ha una sede a Tirana con oltre 400 dipendenti, alcuni dei quali duramente colpiti dalle scosse. Immediata è partita la gara di solidarietà di tutte le sedi che stanno attivamente partecipando a far tornare alla normalità i colleghi al lavoro in Albania. Tra le tante iniziative anche la decisione condivisa di annullare la classica festa natalizia ed impiegare quello che sarebbe stato il costo per la causa albanese.

GUARDA IL VIDEO DI CONSULCESI ONLUS:

«Sono in stretto contatto con le istituzioni albanesi, ieri ho incontrato il Primo Ministro Edi Rama e gli uffici operativi ed ho espresso la massima solidarietà e il sostegno per avviare il rapido ritorno alla normalità  – afferma Massimo Tortorella -. Consulcesi si è messa a disposizione con il suo personale in loco anche per il supporto logistico nelle zone terremotate e ha reso disponibile il suo numero verde 800.122.777 e la gestione del servizio di sostegno al popolo albanese con medici e fondi».

Sanità di Frontiera, associazione presieduta da Massimo D’Alema e con Gianni Letta presidente dell’Advisory Board, insieme alla no profit Consulcesi Onlus che fa capo all’azienda, si sono attivate al fianco del popolo albanese fin dal primo giorno delle scosse che hanno raggiunto anche una magnitudo di 6.5 punti. Nel giro di poche ore da quel 26 novembre, con il supporto del Polo universitario di Tor Vergata, è stato predisposto un presidio medico-sanitario per aiutare gli operatori locali nelle operazioni di primo soccorso.

«Con l’unità mobile prestiamo attività di primo soccorso nelle zone periferiche attraverso prime visite e facilitando la connessione dei pazienti con gli ospedali più vicini – ha dichiarato da Thumane Francesco Aureli, Presidente di Sanità di Frontiera –. Per aiutare coloro che sono rimasti senza casa, ci siamo attrezzati con tendopoli per una prima accoglienza. Il nostro è anche un impegno a medio e lungo termine, vogliamo dare un sostegno piscologico alle popolazioni più colpite» ha concluso Aureli.

Consulcesi Onlus e Sanità di Frontiera hanno attivato anche una raccolta fondi per sostenere le ingenti spese previste per portare avanti i progetti di solidarietà. La raccolta è aperta, fino al 15 gennaio e sulla piattaforma Rete del dono  a tutti coloro che desiderano essere solidali con il popolo albanese.

LEGGI ANCHE: TERREMOTO IN ALBANIA, L’ITALIA SI MOBILITA: IN PARTENZA CROCE ROSSA. PARLA MANAGER ITALIANA: «UN BOATO E POI LA PAURA»

Articoli correlati
Roberto, il medico di Cosenza che salva gli eritrei dalle morti per insufficienza renale
In 15 anni di volontariato ha formato una equipe di medici ad Asmara con il sostegno di Consulcesi Onlus. Realizzata la prima dialisi ad Alta efficienza nella storia dell’Eritrea. Il dottor Pititto: “L’Africa mi ha dato più di quello che ci ho messo io”
Sanità di Frontiera: «Così insegniamo ai medici ad ascoltare i bisogni dei migranti e a curare le ferite invisibili»
Il 28 e il 29 novembre a Roma il nuovo corso di formazione “Salute e Migrazione: curare e prendersi cura” rivolto a medici di famiglia e pediatri. Il direttore generale di Sanità di Frontiera Francesco Aureli: «Necessario che i camici bianchi siano formati per riconoscere ed affrontare i traumi subiti dai migranti»
Terremoto Albania, parte l’unità mobile di Sanità di Frontiera e Consulcesi Onlus
L’appello a medici volontari di Consulcesi Onlus: “Situazione critica, servono infermieri, medici di base e psicologi”
Salute migranti, Aodi (Amsi): «Bene aumento corsi di formazione sul tema, ma ne servono ancora di più»
Il 28 e il 29 novembre a Roma il nuovo corso di Sanità di Frontiera “Salute e Migrazione: curare e prendersi cura”. Il presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia: «Difficoltà linguistiche o mancata conoscenza di alcuni aspetti culturali o religiosi possono rendere complicata la diagnosi»
Assistenza ai migranti e formazione del personale sanitario: la Clinica Dermatologica della Federico II in prima linea
L’incontro intitolato “La pelle non ha colori” rivolto ai responsabili dei centri accoglienza in Campania per instaurare una collaborazione efficace
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...