Mondo 12 Settembre 2018

Spagna, tesi di master copiata: lascia il ministro della Sanità Carmen Montòn

È il secondo membro dell’esecutivo Sanchez a lasciare dopo 100 giorni. Già nominata la sostituta: María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile

Potrebbe essere un duro colpo per il governo socialista spagnolo di Pedro Sanchez la perdita del ministro della Sanità Carmen Montòn, che ha rassegnato le dimissioni a seguito delle accuse di irregolarità riguardanti la tesi di master conseguita nel 2011 pubblicate lunedì scorso da un giornale.

Montòn si era prima difesa dicendosi del tutto «onesta e trasparente», ricevendo l’appoggio del premier, ma, dopo che un altro giornale ha pubblicato un nuovo attacco sostenendo che gran parte della dissertazione era stata copiata da altre tesi, si è dimessa. In particolare, secondo il giornale La Sexta, la tesi di master sarebbe stata copiata da lavori analoghi e persino da Wikipedia. Pur ribadendo di «non aver commesso alcuna irregolarità», Montòn ha affermato di lasciare l’incarico per «non permettere che questa polemica si ripercuota sul governo». Poi ha difeso il suo operato: «Abbiamo recuperato l’assistenza sanitaria universale. Abbiamo gettato le basi per l’approvazione di una legge di protezione integrale contro la violenza nell’infanzia. È un buon bilancio per i primi 100 giorni».

Il caso appare molto simile a quello di Karl-Theodor zu Guttenberg, ex ministro della Difesa Cdu nel governo Merkel, che nel 2011 rassegnò le dimissioni in seguito, anche lui, a un’accusa di plagio relativa alla tesi di dottorato.

Sanchez ha già scelto il nuovo ministro, María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile. Carcedo, medico chirurgo, come Alta commissaria ha difeso l’approvazione di un piano shock per garantire il cibo a 400mila minori.

Montòn è il secondo ministro a lasciare l’esecutivo Sanchez dopo appena 100 giorni: a giugno aveva lasciato il ministro della Cultura Maxim Huerta per uno scandalo fiscale. Tuttavia per il leader socialista non tutti i mali vengono per nuocere: anche il leader del Partito Popolare Pablo Casado è accusato di aver copiato la tesi di master e, dopo le dimissioni della Montòn, la sua situazione si è complicata.

LEGGI ANCHE: ITALIA E SPAGNA DA RECORD: DIMINUISCE ANCORA LA MORTALITÀ INFANTILE. BOCCIATI GLI USA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Arriva il master in “diritti dei pazienti” per migliorare la sanità
Fornire strumenti corretti ai pazienti per permettere loro di partecipare all’attività sanitaria regionale. Questo l’obiettivo del progetto triennale varato dalla Regione, prima in Italia, con l’Alta scuola di Economia e Management dei sistemi sanitari dell’Università Cattolica mediante una convenzione che prevede uno percorso formativo per operatori dei servizi sanitari in sinergia con il Patient Advocacy […]
Procreazione assistita, Relazione 2019: aumentano coppie trattate, più trattamenti nei centri pubblici rispetto ai privati
Poche variazioni rispetto alla situazione dell’anno precedente per quanto riguarda la fecondazione senza donazione di gameti, mentre si registra un incremento dei trattamenti con donazione di gameti (fecondazione eterologa). A tracciare il quadro sull’attuazione della Legge 40 del 2004 in materia di Procreazione medicalmente assistita (PMA), è la Relazione al Parlamento sulla PMA 2019, relativa […]
Mozione Lorefice, adesioni anche dalle opposizioni. Anelli (FNOMCeO): «Grazie a tutti i parlamentari che hanno a cuore le sorti del nostro SSN»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici plaude oer l'adesione bipartisan alla mozione presentata dalla presidente della Commissione Affari Sociali a salvaguardia del SSN. «Sembra che finalmente i nostri parlamentari ascoltino le istanze e le osservazioni della Fnomceo a salvaguardia del nostro Servizio Sanitario nazionale pubblico, universalistico, equo e solidale» aggiunge Anelli
Sassoli e Castaldo ai vertici del Parlamento Ue, medici ex specializzandi e Formazione ECM al centro della loro agenda
A Strasburgo l’esponente Pd è stato eletto presidente prendendo il posto di un altro italiano, Antonio Tajani. Confermato vicepresidente l’eurodeputato M5S. Giusta remunerazione dei medici ex specializzandi e incentivi alla formazione, tante idee per la sanità: aumentano le chance per il riconoscimento dei diritti di medici e operatori sanitari
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Piano nazionale cronicità, Fnopi: «Manca in 5 Regioni, ancora troppe differenze territoriali»
«Le malattie croniche nel 2020 si stima che rappresenteranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. Impegnano il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale. In Europa sono responsabili dell’86% di tutti i decessi e di una spesa sanitaria annua valutabile in 700 miliardi di euro; 24 milioni le persone che in Italia nel 2017 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...