Mondo 12 settembre 2018

Spagna, tesi di master copiata: lascia il ministro della Sanità Carmen Montòn

È il secondo membro dell’esecutivo Sanchez a lasciare dopo 100 giorni. Già nominata la sostituta: María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile

Potrebbe essere un duro colpo per il governo socialista spagnolo di Pedro Sanchez la perdita del ministro della Sanità Carmen Montòn, che ha rassegnato le dimissioni a seguito delle accuse di irregolarità riguardanti la tesi di master conseguita nel 2011 pubblicate lunedì scorso da un giornale.

Montòn si era prima difesa dicendosi del tutto «onesta e trasparente», ricevendo l’appoggio del premier, ma, dopo che un altro giornale ha pubblicato un nuovo attacco sostenendo che gran parte della dissertazione era stata copiata da altre tesi, si è dimessa. In particolare, secondo il giornale La Sexta, la tesi di master sarebbe stata copiata da lavori analoghi e persino da Wikipedia. Pur ribadendo di «non aver commesso alcuna irregolarità», Montòn ha affermato di lasciare l’incarico per «non permettere che questa polemica si ripercuota sul governo». Poi ha difeso il suo operato: «Abbiamo recuperato l’assistenza sanitaria universale. Abbiamo gettato le basi per l’approvazione di una legge di protezione integrale contro la violenza nell’infanzia. È un buon bilancio per i primi 100 giorni».

Il caso appare molto simile a quello di Karl-Theodor zu Guttenberg, ex ministro della Difesa Cdu nel governo Merkel, che nel 2011 rassegnò le dimissioni in seguito, anche lui, a un’accusa di plagio relativa alla tesi di dottorato.

Sanchez ha già scelto il nuovo ministro, María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile. Carcedo, medico chirurgo, come Alta commissaria ha difeso l’approvazione di un piano shock per garantire il cibo a 400mila minori.

Montòn è il secondo ministro a lasciare l’esecutivo Sanchez dopo appena 100 giorni: a giugno aveva lasciato il ministro della Cultura Maxim Huerta per uno scandalo fiscale. Tuttavia per il leader socialista non tutti i mali vengono per nuocere: anche il leader del Partito Popolare Pablo Casado è accusato di aver copiato la tesi di master e, dopo le dimissioni della Montòn, la sua situazione si è complicata.

LEGGI ANCHE: ITALIA E SPAGNA DA RECORD: DIMINUISCE ANCORA LA MORTALITÀ INFANTILE. BOCCIATI GLI USA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Regione Lazio, Walter Ricciardi consigliere per ricerca e innovazione. Zingaretti: «Onorato che un grande scienziato come lui abbia dato disponibilità»
L’ex presidente dell’Iss collaborerà a titolo gratuito. Il governatore del Lazio: «Sono onorato che un grande medico e protagonista della scienza italiana metta a disposizione a titolo gratuito la propria esperienza e competenza per la nostra comunità»
Intramoenia, parla il Presidente del Collegio Chirurghi Filippo la Torre: «Nessun collegamento con liste d’attesa, dibattito in corso è fuorviante»
«L’attività medica libero professionale è assolutamente marginale, basta colpevolizzare i camici bianchi», afferma La Torre che apre a meccanismi di controllo: «Regolamentiamo le parcelle e riorganizziamo le strutture». Il deputato Misiti (M5S): «Problema è legato a esami strumentali, non al gesto chirurgico. Serve digitalizzazione delle liste»
Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»
Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professioni sanitarie. «Ben venga elenco speciale – spiega Beux - ma per l’iscrizione bisogna introdurre elementi qualitativi come percorso formativo, titolo di studio, inquadramento professionale e retribuzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano