Mondo 12 settembre 2018

Spagna, tesi di master copiata: lascia il ministro della Sanità Carmen Montòn

È il secondo membro dell’esecutivo Sanchez a lasciare dopo 100 giorni. Già nominata la sostituta: María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile

Potrebbe essere un duro colpo per il governo socialista spagnolo di Pedro Sanchez la perdita del ministro della Sanità Carmen Montòn, che ha rassegnato le dimissioni a seguito delle accuse di irregolarità riguardanti la tesi di master conseguita nel 2011 pubblicate lunedì scorso da un giornale.

Montòn si era prima difesa dicendosi del tutto «onesta e trasparente», ricevendo l’appoggio del premier, ma, dopo che un altro giornale ha pubblicato un nuovo attacco sostenendo che gran parte della dissertazione era stata copiata da altre tesi, si è dimessa. In particolare, secondo il giornale La Sexta, la tesi di master sarebbe stata copiata da lavori analoghi e persino da Wikipedia. Pur ribadendo di «non aver commesso alcuna irregolarità», Montòn ha affermato di lasciare l’incarico per «non permettere che questa polemica si ripercuota sul governo». Poi ha difeso il suo operato: «Abbiamo recuperato l’assistenza sanitaria universale. Abbiamo gettato le basi per l’approvazione di una legge di protezione integrale contro la violenza nell’infanzia. È un buon bilancio per i primi 100 giorni».

Il caso appare molto simile a quello di Karl-Theodor zu Guttenberg, ex ministro della Difesa Cdu nel governo Merkel, che nel 2011 rassegnò le dimissioni in seguito, anche lui, a un’accusa di plagio relativa alla tesi di dottorato.

Sanchez ha già scelto il nuovo ministro, María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile. Carcedo, medico chirurgo, come Alta commissaria ha difeso l’approvazione di un piano shock per garantire il cibo a 400mila minori.

Montòn è il secondo ministro a lasciare l’esecutivo Sanchez dopo appena 100 giorni: a giugno aveva lasciato il ministro della Cultura Maxim Huerta per uno scandalo fiscale. Tuttavia per il leader socialista non tutti i mali vengono per nuocere: anche il leader del Partito Popolare Pablo Casado è accusato di aver copiato la tesi di master e, dopo le dimissioni della Montòn, la sua situazione si è complicata.

LEGGI ANCHE: ITALIA E SPAGNA DA RECORD: DIMINUISCE ANCORA LA MORTALITÀ INFANTILE. BOCCIATI GLI USA

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...