Mondo 9 Settembre 2021 16:30

Sicurezza alimentare, al via la campagna #EUChooseSafeFood: «Consumatori europei tra i più protetti al mondo»

Il parere del Comitato nazionale sicurezza alimentare più cliccato dai cittadini? La possibilità di contrarre il Covid-19 attraverso il cibo

di Isabella Faggiano
Sicurezza alimentare, al via la campagna #EUChooseSafeFood: «Consumatori europei tra i più protetti al mondo»

Controllata la data di scadenza e che l’involucro sia intatto, osservato che carne, pesce, frutta e verdura siano ancora sufficientemente freschi, i prodotti alimentari di ogni genere finiscono nel nostro carrello, poi nelle nostre cucine, fino alle nostre tavole. Sono pochi e semplici i passaggi che facciamo per assicurarci la sicurezza del cibo che mangiamo. Ma se possiamo consumare pasti tranquilli lo dobbiamo ad una catena di controllo alimentare precisa e preordinata.

Un grandissimo lavoro di esperti che i cittadini, spesso, non conoscono ma che, oggi, potranno apprendere nei dettagli grazie alla campagna #EUChooseSafeFood, lanciata dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

«I consumatori europei – spiega a Sanità Informazione Marco Silano, membro della sezione sicurezza del CNSA (Comitato nazionale sicurezza alimentare) del Ministero della Salute – sono fra i più protetti e informati al mondo sui rischi collegati alla catena alimentare, proprio perché il sistema di sicurezza alimentare europeo conferisce ad ogni cittadino il diritto di sapere come viene prodotto, lavorato, confezionato, etichettato e venduto il cibo che mangia».

L’etichetta

È l’etichettatura a contenere le informazioni più importanti per il consumatore: «Tutti gli alimenti preimballati nell’Unione Europea – come chiarito dalla campagna sulla sicurezza alimentare – devono essere necessariamente provvisti di un’etichetta alimentare in cui sia riportata l’indicazione della “data di scadenza” o del “termine minimo di conservazione”».

Ogni dicitura ha un preciso significato: “Da consumarsi entro il” riguarda la sicurezza dell’alimento che se consumato oltre la data indicata potrebbe nuocere alla salute del consumatore. “Da consumarsi preferibilmente entro il” è inerente, invece, alla qualità degli alimenti: l’alimento potrà essere consumato in sicurezza anche dopo la data di scadenza, tuttavia potrebbe avere un sapore o una consistenza diversi.

Sulla stessa etichetta devono essere riportate anche le informazioni sugli allergeni, necessarie a tutelare la salute di chi soffre di allergie alimentari. I produttori di alimenti venduti nell’Unione, ai sensi della normativa UE, sono tenuti a riportare sull’etichetta 14 allergeni: arachidi, frutta a guscio, semi di soia, senape, uova, lupini, latte, pesce, cereali contenenti glutine, sesamo, sedano, anidride solforosa, molluschi e crostacei.

Il contributo del CNSA

Nell’ambito di questo sistema, gli esperti dell’Efsa esaminano dati e studi scientifici per valutare i rischi alimentari. E in Italia è il CNSA ad esprimere pareri in materia, basandosi sulle evidenze della scienza, documentazione fruibile gratuitamente attraverso il sito web del Comitato stesso.
Durante il 2021, a ricevere il maggior numero di click è stato il parere sulla possibilità di contrarre il Covid-19 attraverso il cibo .

«La valutazione di tutte le evidenze scientifiche disponibili ha dato dei risultati che possiamo definire  tranquillizzanti – sottolinea Silano -. Ad oggi non è possibile affermare che il virus SARS-CoV-2 possa essere trasmesso per via alimentare, attraverso gli alimenti crudi o cotti. In condizioni normali, non ci sono ancora prove che gli imballaggi contaminati trasmettano l’infezione e il rischio di contagio del virus SARS-CoV-2 attraverso i materiali, il packaging e le superfici a contatto con gli alimenti appare trascurabile».

Il lavoro del CNSA è costante e ininterrotto: «Attualmente è in corso una valutazione sulle micotossine che contaminano i cereali, tra gli alimenti più consumati nel nostro Paese, che sarà – conclude – di sicuro interesse per tutti i cittadini italiani».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Integratori alimentari, istituito tavolo tecnico al ministero della Salute
Costa: «Tavolo tecnico un’opportunità di controllo e garanzia del cittadino, affinché sia protetto, informato e consapevole». FederSalus plaude e aderisce all’iniziativa
Rt in discesa, ma l’incidenza aumenta ancora. Variante Delta predominante in Italia
L'Rt italiano scende rispetto alla settimana precedente e si staglia a 1.27, incidenza a 73 su 100mila. Ancora in aumento anche i nuovi casi non legati a catene di trasmissione note
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
Ministero riapre a richiamo con AstraZeneca e per under 60 l’opzione J&J è ancora aperta in caso di “hard to reach”
La nuova circolare dà ragione al Lazio: chi vorrà potrà scegliere di non sottoporsi alla vaccinazione eterologa e procedere con il richiamo AstraZeneca. Per J&J le possibilità rimangono aperte in caso di campagne rivolte a under 60 non stanziali
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...