Mondo 23 Marzo 2022 13:21

“Science for Ukraine”, scienziati e ricercatori europei fanno rete per aiutare i colleghi ucraini

La community ha come scopo quello di trovare bandi e opportunità per consentire ai ricercatori ucraini di poter continuare studi e ricerche in Europa. Raccolte già più di ottocento offerte di sostegno da 48 paesi. Anche in Italia si muove il mondo accademico

di Francesco Torre
“Science for Ukraine”, scienziati e ricercatori europei fanno rete per aiutare i colleghi ucraini

«Noi ricercatori di 37 paesi europei, esprimiamo il pieno sostegno all’Ucraina che sta soffrendo per l’invasione russa. L’Ucraina è parte della comunità accademica europea e noi saremo al fianco dei nostri colleghi ucraini». È questo l’incipit del manifesto di un gruppo di studenti “dissidenti” dell’Europa centrale che ha lanciato una call for action in aiuto di colleghi e ricercatori ucraini rimasti, a causa della guerra, senza più possibilità di continuare il proprio lavoro e i propri studi.

La nascita di Science for Ukraine

Nasce da questi presupposti “Science for Ukraine”, una community europea di studenti e ricercatori che ha come obiettivo quello di raccogliere notizie di bandi e opportunità nelle università del vecchio continente dove i ricercatori ucraini potranno trovare ospitalità. Lunga la lista delle istituzioni che collaborano all’iniziativa: dal Max Planck Unit for the Science of Pathogens in Germania all’olandese Leiden University Medical Center, fino al Ministero dell’Educazione e della Scienza della Lettonia.

«Abbiamo voluto richiamare l’attenzione sui problemi degli studiosi e sulla necessità di mantenere l’Ucraina nello Spazio europeo della ricerca – spiega a Sanità Informazione Maciej Maryl, ricercatore alla Polish Academy of Sciences e membro del coordinamento della community -. Quindi le offerte di supporto hanno iniziato a fluire attraverso le nostre reti e sui social tramite Twitter. Così la nostra collega Sanita Reinsone, dell’Università della Lettonia, ha impostato l’account Twitter e il sito web per conservare tutte quelle offerte in un unico posto».

La solidarietà degli studenti europei non si è fatta attendere e l’iniziativa sta riscuotendo grande successo. «In questo breve periodo – continua Maciej Maryl – abbiamo raccolto più di ottocento offerte di sostegno da 48 paesi, con il potenziale per soddisfare i bisogni di più di tremila individui. L’ampiezza della risposta è davvero sorprendente, ma non è ancora sufficiente. Alcuni programmi hanno già raggiunto la loro capacità e il numero di richieste di aiuto che riceviamo da studiosi e studenti ucraini è in aumento. Quindi abbiamo bisogno di più opzioni di supporto, ma anche per i colleghi che sono rimasti in Ucraina: dovrebbero essere in grado di collaborare con noi attraverso sovvenzioni a distanza e schemi di tutoraggio».

La rete in Italia

Science for Ukraine ha una rete anche in Italia. A coordinarla sono Marcin Bartosiak dell’Università di Pavia ed Eleonora Losiouk, dell’Università di Padova. E anche in Italia la vicinanza e la solidarietà non sta mancando.

«La pubblicazione delle opportunità e delle posizioni sta crescendo notevolmente, così come le richieste degli studenti – spiega Eleonora Losiouk -. Non è immediato fare i “match”, nel senso che abbiamo ricevuto delle richieste e abbiamo reindirizzato delle persone verso quelle che potevano sembrare delle posizioni aperte. Poi ovviamente si tratta spesso di bandi e ci sono dei tempi da rispettare. Ora stanno velocizzando le procedure però si tratta sempre di posizioni accademiche, con dei tempi tecnici inevitabili».

Losiouk racconta di essere si messa a disposizione anche perché sente vicino il conflitto in Ucraina, date le sue origini bielorusse: «Del resto – fa notare – sulla piattaforma sono tanti i nomi di origine slava».

In Ucraina, intanto, la guerra ha portato alla sostanziale paralisi del mondo accademico: «Quello che sappiamo – conclude Losiouk – ci arriva da parte di ricercatori e studenti che ci scrivono per cercare delle posizioni. Più di una persona ci ha riferito che non può più accedere ai documenti: spesso gli uffici delle università non sono più accessibili o non c’è più personale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...