Mondo 1 Agosto 2022 14:21

Può la morte di un uomo trasformarsi in un reality show?

Lavenia (Di.Te.) su omicidio Civitanova Marche: «Il telefonino anestetizza la realtà, congela la paura e “controlla” l’emozione. È davvero preoccupante che nessuno abbia sentito il bisogno di aiutare il povero uomo»

Può la morte di un uomo trasformarsi in un reality show?

Prima l’uccisione di Alika Ogorchukwu, poi una violenta lite tra due uomini: tutto è accaduto a distanza di poche ore e nella stessa strada, in Corso Umberto I a Civitanova Marche. In entrambi i casi chi ha assistito alla scena ha preferito accendere la fotocamera del proprio smartphone per immortalare le violenze – la prima talmente brutale da sfociare in un omicidio – piuttosto che tentare di salvare chi tra i litiganti stava avendo la peggio.

Paura o indifferenza?

È certamente lecito aver paura di provare a fermare un uomo che, in preda ad una sorta di raptus, colpisce un altro uomo con una stampella fino a lasciarlo esanime. Così come è altrettanto comprensibile avere paura di buttarsi tra due persone che, seppur a mani nude, se ne stanno dando di santa ragione. Ma se il timore che ci spinge a non intervenire è quello di poter rimanere feriti, se non addirittura di poter ricevere un colpo letale, non si dovrebbe temere ugualmente la reazione dell’aggressore in questione che nello scoprirci a filmare le sue “gesta” potrebbe reagire con la medesima brutalità?

La spettacolarizzazione delle morte

Per l’Associazione Nazionale su GAP, Cyberbullismo e patologie generate dal Web (Di.Te.) «la scelta di documentare un’aggressione deve sì indignare, ma anche farci riflettere sull’uso che costantemente facciamo dello smartphone. Prendere in mano il telefonino e iniziare una ripresa video, in alcuni casi anche in diretta sui social, è diventato normale. Ma è giusto quando si vuole denunciare un’ingiustizia o una violenza. Diventa aberrante quando si sceglie di filmare l’agonia e la morte di un uomo, chiudendo gli occhi e il cuore sulla sofferenza di una persona».

Il telefonino anestetizza la realtà e congela la paura

A poche ore dalle violenze consumatesi a Civitanova Marche non sono mancate le polemiche e, soprattutto, le critiche nei confronti degli inerti spettatori che, anziché chiamare la Polizia, o ancor meglio provare a bloccare l’omicida, avrebbero scelto di essere pubblico indifferente. «È urgente una riflessione di tutti – commenta Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta, presidente dell’Associazione Nazionale Di.Te. -. È del tutto evidente che siamo arrivati a un livello di regressione generale. Il telefonino è diventato uno strumento non solo per condividere, ma soprattutto per anestetizzare la realtà, congelare la paura e “controllare” l’emozione».

«Lo vivo solo se lo condivido»

Lo smartphone e i social sono utili mezzi quando creano azione e relazione. Per l’Associazione Nazionale su GAP, Cyberbullismo e patologie generate dal Web «diventano strumenti di morte quando smettiamo di essere empatici e non riusciamo a metterci nei panni dell’altro, anche se l’altro è un africano, povero e spesso guardato con fastidio. Chi salva un uomo, ha già salvato il mondo e ha salvato anche sé stesso». Scegliere di stare a guardare e non provare a fermare il massacro di un uomo è tanto triste quanto tragico. «È davvero preoccupante che nessuno abbia sentito il bisogno di aiutare il povero uomo – dice Lavenia -. Il pensiero dominante diventa sempre di più: “Lo vivo solo se lo condivido”. Un inganno – conclude lo psicoterapeuta – tanto evidente, quanto tragico e debordante».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cosa spinge un figlio ad uccidere il proprio padre?
Intervista alla psicologa e criminologa Cristina Brasi
di Stefano Piazza
Madri che uccidono, Iacobelli (psicoterapeuta): sindrome di Medea o frustrazione?
La psicoterapeuta Eleonora Iacobelli analizza i moventi che possono spingere le madri a uccidere i propri figli: dalla sindrome di Medea alla frustrazione derivante dal ruolo di genitore
Cassazione: feto durante il travaglio è una persona. Condannata ostetrica per omicidio colposo
Sottolinea la Cassazione: l'ostetrica negligente che provoca la morte del feto risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo
Omicidio Desirée Mariottini, spacciatore arrestato grazie a numero di targatura di un farmaco
Il 36enne romano che ha portato farmaci nell’edificio abbandonato di Via dei Lucani è stato arrestato dalla Squadra Mobile grazie al numero di targatura riportato sulla scatola di un medicinale. «L’arresto dello spacciatore che ha rifornito gli stupratori e assassini di Desirée Mariottini di un medicinale che questi hanno utilizzato per drogare la ragazza è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...