Mondo 3 Ottobre 2022 11:19

La pandemia ha cambiato le nostre personalità?

Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?

di Stefano Piazza
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?

Per molti di noi, alcuni tratti della personalità rimangono gli stessi per tutta la vita, mentre altri nel tempo cambiano solo gradualmente. Tuttavia, eventi significativi nella nostra vita personale che inducono stress o traumi gravi possono essere associati a rapidi cambiamenti della nostra personalità.

Un nuovo studio , pubblicato su Plos One, mostra come la pandemia da Sars-CoV-2 ha effettivamente provocato cambiamenti di personalità molto maggiori di quanto ci aspetteremmo di vedere naturalmente in questo periodo. In particolare, i ricercatori hanno scoperto che le persone erano meno estroverse, meno aperte, meno simpatiche e meno coscienziose nel 2021 e nel 2022 rispetto a prima della pandemia.

Questo studio ha coinvolto più di 7.000 partecipanti negli Stati Uniti, di età compresa tra 18 e 109 anni, che sono stati valutati prima della pandemia (dal 2014 in poi), all’inizio della pandemia nel 2020 e poi nella pandemia nel 2021 o nel 2022.

In ogni momento, i partecipanti hanno completato il BigFive Inventory, uno strumento di valutazione che misura la personalità su una scala attraverso cinque dimensioni: estroversione contro introversione, gradevolezza contro antagonismo, coscienziosità contro mancanza di direzione, nevroticismo contro stabilità emotiva e apertura contro chiusura all’esperienza.

Secondo lo studio non ci sono stati molti cambiamenti tra i tratti della personalità pre-pandemia e quelli del 2020. Tuttavia, i ricercatori hanno riscontrato un notevole calo dell’estroversione, dell’apertura, della gradevolezza e della coscienziosità nel 2021/2022 rispetto a prima della pandemia, suggerendo che il trauma della pandemia di Covid aveva accelerato il naturale processo di cambiamento della personalità.

Altro aspetto interessante è che secondo lo studio le personalità dei giovani adulti sono cambiate di più. Hanno mostrato marcati cali di gradevolezza e coscienziosità e un aumento significativo del nevroticismo nel 2021/2022 rispetto al pre-pandemia. Questo può essere dovuto in parte all’ansia sociale quando si ritorna nella società, dopo aver perso completamente due anni di normalità.

Personalità e benessere

Molti di noi durante la pandemia sono diventati particolarmente attenti alla salute, ad esempio mangiando meglio e facendo più esercizio fisico, mentre altri hanno cercato qualsiasi connessione sociale (anche viruale) ed hanno cercato di rifocalizzare la propria attenzione sulla crescita psicologica, emotiva e intellettuale, ad esempio praticando la consapevolezza oppure coltivando nuovi hobby. Nonostante questo, la salute mentale e il benessere sono diminuiti in modo significativo e tutto questo è facilmente spiegabile visti i drastici cambiamenti che abbiamo subito.

In particolare, la personalità ha un impatto significativo sul nostro benessere. Ad esempio, le persone che riferiscono alti livelli di coscienziosità, gradevolezza o estroversione hanno maggiore probabilità di sperimentare il più alto livello di benessere. Tutti questi cambiamenti rilevati in questo studio potrebbero spiegare in qualche modo la diminuzione del benessere che abbiamo visto durante la pandemia.

Ora se se osserviamo il tutto più da vicino, la pandemia sembra aver influenzato negativamente le seguenti aree:

  • la nostra capacità di esprimere simpatia e gentilezza verso gli altri;
  • la nostra capacità di essere aperti a nuovi concetti e disposti a impegnarci in nuove situazioni;
  • la nostra tendenza a cercare e godere della compagnia degli altri;
  • il nostro desiderio di tendere verso i nostri obiettivi, svolgere bene i compiti o assumerci seriamente le responsabilità nei confronti degli altri.

Tutti questi tratti influenzano la nostra interazione con l’ambiente che ci circonda e, in quanto tali, potrebbero aver avuto un ruolo nel declino del nostro benessere. Ad esempio, lavorare da casa potrebbe averci lasciato demotivati ​​e come se la nostra carriera non stesse andando da nessuna parte (minore coscienziosità). Questo a sua volta potrebbe aver influito sul nostro benessere facendoci sentire più irritabili, depressi o ansiosi.

E poi?

Con il tempo, la nostra personalità di solito cambia in un modo che ci aiuta ad adattarci all’invecchiamento e ad affrontare in modo più efficace gli eventi della vita. In pratica, impariamo dalle nostre esperienze di vita e questo ha un impatto sulla nostra personalità. Con l’avanzare dell’età molto spesso vediamo un aumento della fiducia in se stessi, dell’autocontrollo e della stabilità emotiva. I partecipanti a questo studio però hanno registrato cambiamenti nella direzione opposta alla consueta traiettoria del cambiamento di personalità. Questo è comprensibile dato che abbiamo dovuto affrontare un lungo periodo di difficoltà, compresi i vincoli alle nostre libertà, il mancato guadagno, le paure e la malattia. Tutte queste esperienze hanno evidentemente cambiato noi e la nostra personalità. Questo studio fornisce diverse informazioni utili sull’impatto che la pandemia ha avuto sulla nostra psiche, ad esempio, come ha potuto influenzare molti aspetti della nostra vita, come il benessere. Sappiamo bene che la conoscenza ci consente di fare delle scelte, quindi ora potremmo riflettere nostre esperienze degli ultimi due anni e su come questi cambiamenti di personalità potrebbero averci influenzato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa