Mondo 7 Dicembre 2022 15:23

In arrivo un vaccino contro l’HIV?

Il virus è stato riconosciuto ufficialmente per la prima volta il 5 giugno 1981, quando i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie di Atlanta (CDC) registrarono dei casi sospetti di polmonite da Pneumocystis carinii in cinque uomini omosessuali a Los Angeles. Ma forse dopo quasi quarant’anni sta per arrivare il vaccino

di Stefano Piazza
In arrivo un vaccino contro l’HIV?

Il virus dell’AIDS è stato riconosciuto ufficialmente per la prima volta il 5 giugno 1981, quando i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie di Atlanta (CDC) registrarono dei casi sospetti di polmonite da Pneumocystis carinii in cinque uomini omosessuali a Los Angeles. Inizialmente il CDC non aveva dato un nome ufficiale alla malattia e spesso faceva riferimento ad essa per mezzo delle malattie che ne erano state associate, ad esempio, linfoadenopati. Poi nel 1983 il virus dell’HIV è stato scoperto e identificato come la causa dell’AIDS. Dall’inizio dell’epidemia, più di 70 milioni di persone hanno contratto l’infezione e circa 40.1 milioni di persone secondo l’OMS sono morte. Oggi, circa 37 milioni di persone in tutto il mondo vivono con l’HIV, di cui 22 milioni sono attualmente in cura ma la diffusione dell’HIV a livello mondiale non si è mai fermata.

Secondo l’ultimo rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’HIV e l’AIDS (UNAIDS) ogni anno si verificano più di 1 milione di nuove infezioni, e il trend purtroppo continua a crescere; nel 2021 si sono registrati 1,5 milioni di nuovi casi e 640.000 morti. Fortunatamente la mortalità è in costante diminuzione grazie alle terapie che, come è noto, non guariscono dall’infezione ma permettono a coloro che contraggono la malattia di vivere una vita più lunga assumendo però farmaci per tutta la vita. Qui vanno ricordate le enormi difficoltà che incontrano quelle popolazioni che vivono con pochi mezzi -ad esempio quelle africane – nel reperire e pagare questi farmaci. Dalla scoperta del virus i ricercatori di tutto il mondo si sono impegnati nella ricerca in modo da produrre un vaccino efficace contro l’HIV, ma a quasi 40 anni dal primo caso non esiste un vaccino. Le difficoltà per produrlo sono dovute al fatto che l’HIV muta rapidamente, è estremamente difficile sviluppare un singolo vaccino per colpire tutti i ceppi e le mutazioni. L’HIV è anche l’unico nel modo in cui si nasconde al sistema immunitario; quindi, anche se si eradica il virus circolante, l’HIV nascosto può diffondere l’infezione.

Lo studio pubblicato su Science

Lo scorso 1° dicembre, in concomitanza con la Giornata Mondiale contro l’AIDS, è stato pubblicato sulla rivista Science uno studio condotto dalla International AIDS Vaccine Initiative e dalla Scripps Research che ha esaminato l’efficacia di un vaccino innovativo contro l’HIV. I risultati sono incoraggianti visto che la prima fase della sperimentazione mostra che sull’uomo è capace di stimolare il sistema immunitario a produrre una risposta anticorpale efficace contro più ceppi virali dell’HIV: «I risultati stabiliscono una prova clinica del concetto per la strategia di innesco della progettazione del vaccino mirato alla linea germinale, supportano lo sviluppo di regimi di potenziamento per generare risposte bnAb di classe VRC01 contro l’HIV e incoraggiano l’applicazione della strategia di targeting della linea germinale ad altri bersagli dell’HIV e di altri agenti patogeni».

Per i ricercatori «lo sviluppo di un vaccino contro l’HIV, soprattutto se distribuito in maniera equa in tutto il mondo, sarebbe rivoluzionario se pensiamo che circa 38,4 milioni di persone al mondo vivono con l’HIV, due terzi delle quali in Africa». L’International AIDS Vaccine Initiative ha annunciato l’inizio di questo studio clinico di Fase 1 nel 2018, per valutare la sicurezza di eOD-GT8 60mer e le risposte immunitarie che è in grado di indurre. Lo studio ha incluso un totale di 48 adulti sani, di età compresa tra 18 e 50 anni, che sono stati arruolati in due centri: la George Washington University di Washington e il Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle. Tra i partecipanti, 18 hanno ricevuto una dose di 20 microgrammi del vaccino e, otto settimane dopo, una dose uguale del vaccino con un adiuvante; 18 hanno ricevuto una dose da 100 microgrammi del vaccino e, otto settimane dopo, una dose uguale del vaccino con un adiuvante; e 12 hanno ricevuto due dosi di un placebo salino, a distanza di otto settimane. L’adiuvante si chiama AS01B, sviluppato dalla società farmaceutica GSK. I vaccini e il placebo sono stati somministrati nel muscolo del braccio. I ricercatori hanno raccolto e analizzato le cellule immunitarie dal sangue e dai linfonodi dei partecipanti durante lo studio. Hanno esaminato specificamente come le cellule B, un tipo di globuli bianchi che producono anticorpi nel sistema immunitario, hanno risposto al vaccino. Il punto cruciale di questa tecnica è essenzialmente quello di addestrare il sistema immunitario a riconoscere un’ampia gamma di sottotipi di HIV presenti in natura, secondo William Schief, uno degli autori dello studio. Schief, professore nel Dipartimento di Immunologia e Microbiologia presso Scripps Research: «Ci sono solo poche macchie sulla superficie del picco dell’HIV che rimangono le stesse o relativamente le stesse tra diversi isolati. E stiamo cercando di ottenere anticorpi molto specifici che hanno proprietà molto specifiche che consentono loro di legarsi a quelle macchie esatte».

Il vaccino

Teoricamente questo vaccino sarà il primo di una serie di iniezioni multiple, ognuna delle quali utilizza una diversa particella di HIV per addestrare il sistema immunitario. Man mano che gli scatti procedono, le molecole si avvicinano sempre di più a quelle dei veri virus dell’HIV, fino a quando gli anticorpi prodotti possono legarsi a molti diversi tipi di HIV.«È un modo completamente nuovo di pensare a come realizzare un vaccino», ha detto Schief a Science Alert. Secondo Schief il suo team sta attualmente lavorando con il gigante della biotecnologia Moderna per sviluppare e testare un vaccino per fornire le particelle di HIV che addestrano il sistema immunitario tramite mRNA, invece del modello basato su proteine utilizzato da questo studio più recente. Uno studio di fase 1 sta attualmente testando la stessa particella, così come un’altra particella ingegnerizzata con un sistema di consegna dell’mRNA. Mentre un altro studio sta testando la stessa particella in una sperimentazione clinica in Africa. Ci vorrà del tempo prima che le sperimentazioni di fase 2 possano iniziare, secondo Schief, e non c’è alcuna garanzia che il vaccino alla fine funzionerà. Ma se lo farà, questa tecnica potrebbe essere utilizzata per produrre altri vaccini, ha detto, come un coronavirus universale o un vaccino antinfluenzale. «Siamo ottimisti sul fatto che ci siano alcune possibilità che questo approccio possa essere utile per qualcosa di più del semplice HIV, e anche se aiutasse solo l’HIV sarebbe enorme».

In tutto il mondo vivono 38,4 milioni di persone sieropositive (situazione 2021)

  • Circa 28,7 milioni di loro hanno accesso a una terapia antiretrovirale, dieci anni fa ce n’erano solo 8,1 milioni;
  • Nel 2021 sono morte di Aids 650mila persone, nel 2011 erano ancora 1,7 milioni;
  • Nel 2021 hanno contratto l’infezione da HIV circa 1,5 milioni di persone. Ciò rappresenta un calo del 40 % rispetto al 2011;
  • Nell’ambito degli obiettivi UNAIDS «95-95-95» fissati su scala mondiale, nel 2021 l’85% delle persone sieropositive conosceva il proprio status, il 88% di loro aveva accesso a una terapia e l’92% di queste ultime presentava una carica virale soppressa.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 febbraio 2023, sono 671.921.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.845.807 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...