Mondo 13 Febbraio 2019

Ema, il governo presenta nuovo ricorso a Corte UE contro sede ad Amsterdam

Il direttore dell’Agenzia europea del farmaco Guido Rasi: «Il trasloco è un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse, che impedisce il corretto funzionamento dell’ente»

Il governo italiano ha presentato ricorso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea contro la decisione di traslocare ad Amsterdam la sede dell’Agenzia europea del farmaco (Ema). Lo conferma in una nota la Farnesina, precisando che il nuovo ricorso, che si collega a quello presentato un anno fa e tuttora prendente davanti alla Corte, «conferma la determinazione italiana a far debitamente verificare, a livello giurisdizionale, la legittimità delle procedure seguite per stabilire la nuova sede dell’Ema, a fronte del fatto che la candidatura di Milano offriva tutte le garanzie immediate per la continuità operativa di un’agenzia UE fondamentale per la tutela della salute dei cittadini dell’Unione Europea».

La sede dell’Ema, in base al suo statuto, deve infatti essere in uno stato dell’Unione. Attualmente a Londra, all’indomani della decisione della Gran Bretagna di lasciare l’UE, è stato necessario valutare il trasferimento dell’Agenzia. Le ultime candidate erano proprio Milano ed Amsterdam, che alla fine è stata selezionata tramite sorteggio. «È paradossale – commenta Paolo Grimoldi, deputato della Lega e vice presidente della Commissione Esteri della Camera – che l’Ema sia stata assegnata ad Amsterdam che, non avendo una sede pronta, sta causando ritardi enormi, e non a Milano, che aveva una sede prestigiosa già pronta e che avrebbe garantito continuità nell’attività e rapidità nel trasloco dell’Agenzia del Farmaco da Londra».

È il direttore dell’Ema Guido Rasi a spiegare quanto il trasloco ad Amsterdam sia «un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse». La nuova sede, infatti, non sarà disponibile prima del 2020, ed il trasferimento comporterà la perdita di un quarto dei 900 posti di lavoro. «Affinchè un ente regolatore funzioni – prosegue Rasi in un’intervista a Le Monde, ha bisogno di un’organizzazione efficace. Purtroppo si è fermata a causa del trasloco. Da fuori può sembrare che nulla sia cambiato, ma non è così», conclude.

LEGGI ANCHE: RICERCA BIOMEDICA E FARMACI INNOVATIVI, RASI (EMA): «SERVE APPROCCIO OLISTICO PER NUOVE OPZIONI TERAPEUTICHE»

Articoli correlati
Tumore al seno: EMA concede valutazione accelerata per Trastuzumab Deruxtecan
Il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha concesso la valutazione accelerata per Trastuzumab deruxtecan, l’anticorpo monoclonale coniugato (ADC) anti-HER2 per il trattamento di pazienti adulti con carcinoma mammario HER2 positivo non resecabile o metastatico che hanno ricevuto due o più precedenti regimi terapeutici anti-HER2. Lo riferisce l’azienda […]
Covid-19, Ema autorizza trattamento con antivirale remdesivir
L’Agenzia europea del farmaco ha espresso il via libera per adulti e adolescenti di età pari o superiore a 12 anni con polmonite da Sars-Cov-2 che richiedono ossigeno supplementare
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»
Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»
Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»
«In questo scenario, compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato» così Guido Rasi, direttore esecutivo dell'EMA
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...