Mondo 13 Febbraio 2019

Ema, il governo presenta nuovo ricorso a Corte UE contro sede ad Amsterdam

Il direttore dell’Agenzia europea del farmaco Guido Rasi: «Il trasloco è un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse, che impedisce il corretto funzionamento dell’ente»

Il governo italiano ha presentato ricorso alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea contro la decisione di traslocare ad Amsterdam la sede dell’Agenzia europea del farmaco (Ema). Lo conferma in una nota la Farnesina, precisando che il nuovo ricorso, che si collega a quello presentato un anno fa e tuttora prendente davanti alla Corte, «conferma la determinazione italiana a far debitamente verificare, a livello giurisdizionale, la legittimità delle procedure seguite per stabilire la nuova sede dell’Ema, a fronte del fatto che la candidatura di Milano offriva tutte le garanzie immediate per la continuità operativa di un’agenzia UE fondamentale per la tutela della salute dei cittadini dell’Unione Europea».

La sede dell’Ema, in base al suo statuto, deve infatti essere in uno stato dell’Unione. Attualmente a Londra, all’indomani della decisione della Gran Bretagna di lasciare l’UE, è stato necessario valutare il trasferimento dell’Agenzia. Le ultime candidate erano proprio Milano ed Amsterdam, che alla fine è stata selezionata tramite sorteggio. «È paradossale – commenta Paolo Grimoldi, deputato della Lega e vice presidente della Commissione Esteri della Camera – che l’Ema sia stata assegnata ad Amsterdam che, non avendo una sede pronta, sta causando ritardi enormi, e non a Milano, che aveva una sede prestigiosa già pronta e che avrebbe garantito continuità nell’attività e rapidità nel trasloco dell’Agenzia del Farmaco da Londra».

È il direttore dell’Ema Guido Rasi a spiegare quanto il trasloco ad Amsterdam sia «un rompicapo, uno spreco di tempo, energie e risorse». La nuova sede, infatti, non sarà disponibile prima del 2020, ed il trasferimento comporterà la perdita di un quarto dei 900 posti di lavoro. «Affinchè un ente regolatore funzioni – prosegue Rasi in un’intervista a Le Monde, ha bisogno di un’organizzazione efficace. Purtroppo si è fermata a causa del trasloco. Da fuori può sembrare che nulla sia cambiato, ma non è così», conclude.

LEGGI ANCHE: RICERCA BIOMEDICA E FARMACI INNOVATIVI, RASI (EMA): «SERVE APPROCCIO OLISTICO PER NUOVE OPZIONI TERAPEUTICHE»

Articoli correlati
Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»
Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»
Ricerca biomedica e farmaci innovativi, Rasi (Ema): «Serve approccio olistico per nuove opzioni terapeutiche»
«In questo scenario, compito dell’EMA non sarà solo l’autorizzazione del farmaco ma anche la valutazione della credibilità di alcune sorgenti di informazioni in uno scenario nuovo e diverso dal passato» così Guido Rasi, direttore esecutivo dell'EMA
di Lucia Oggianu
Regno Unito, effetto Brexit sulla farmaceutica: Ema taglia fuori GB da contratti futuri
L’Agenzia europea del farmaco spiega di aver preso questa decisione perché non sa se la Gran Bretagna continuerà a lavorare con i Paesi Ue nel settore farmaceutico dopo il marzo 2019
Lombardia, parla l’assessore al Welfare Giulio Gallera: «Serve più autonomia per le regioni virtuose. Piano cronicità è modello che salverà Ssn»
«La centralizzazione del sistema sanitario è stata bocciata dagli italiani con l’ultimo referendum. Basta pagare per le inefficienze di altri», spiega il forzista riconfermato nella Giunta Fontana. Poi aggiunge: «Servirebbero presìdi della polizia nei pronto soccorso contro le aggressioni al personale sanitario»
Ema, Sala: «Oggi parte il ricorso per richiedere la sede a Milano. È difficile ma dobbiamo provarci»
Visto che la sede di Amsterdam non sarà pronta in tempo, il sindaco di Milano intende riprovare in tutti i modi a portare l'Agenzia Europea del Farmaco al Pirellone: «È tempo di essere aggressivi, questa storia sta diventando ridicola»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone