Mondo 30 Gennaio 2018 12:21

Ema, Sala: «Oggi parte il ricorso per richiedere la sede a Milano. È difficile ma dobbiamo provarci»

Visto che la sede di Amsterdam non sarà pronta in tempo, il sindaco di Milano intende riprovare in tutti i modi a portare l’Agenzia Europea del Farmaco al Pirellone: «È tempo di essere aggressivi, questa storia sta diventando ridicola»

La questione Ema non è ancora conclusa. Dopo il sorteggio finale che aveva consacrato Amsterdam, a scapito di Milano, come la città che avrebbe accolto i dipendenti dell’Agenzia Europea del Farmaco dopo la Brexit, le autorità olandesi hanno ammesso che il palazzo prescelto non sarà pronto in tempo.

Immediata la reazione del sindaco di Milano Giuseppe Sala, ancora scottato dalla sfortuna che ha impedito al Pirellone di ospitare l’Agenzia: «Ho chiamato Gentiloni e gli ho detto che è il momento di essere aggressivi – ha detto ai microfoni di Rtl 102.5 -. Da quello che mi ha detto il Presidente del Consiglio, e senz’altro sarà così, oggi parte il ricorso».

«Siamo sinceri – ha proseguito Sala-, le possibilità di una riassegnazione della sede a Milano non sono altissime, ma dobbiamo provarci. La situazione rischia di diventare ridicola. Prima c’è questo sorteggio, poi gli olandesi non sono pronti. Non è una bella pagina nemmeno per l’Europa».

L’allarme è stato lanciato nelle scorse ore dal Direttore dell’Ema Guido Rasi: la sede dovrà essere operativa dal 1 gennaio 2019 per spostare gradualmente lo staff da Londra ad Amsterdam prima del 30 marzo, primo giorno della Brexit. Visto che il palazzo definitivo per quella data non sarà pronto, le autorità olandesi hanno proposto una sede temporanea che tuttavia dimezza lo spazio della sede di Londra.

«Questo doppio trasferimento – ha commentato Rasi in una conferenza stampa congiunta con le autorità olandesi – ci costringerà a investire più risorse e prolungherà il ‘piano di continuità’, ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali».

Nelle ultime settimane l’Ema ha discusso con le autorità olandesi sulla selezione del palazzo temporaneo, bocciando le proposte iniziali. Gli olandesi hanno quindi dovuto cercare un’altra soluzione: «Questo ha richiesto più del previsto, ma sono felice che ora abbiamo la soluzione. Anche se non è quella ottimale – chiarisce Rasi – almeno si riuscirà a far svolgere i meeting scientifici, una soluzione meno dannosa al lavoro».

Articoli correlati
Il grande “Cor de Milan”: volontari pronti a partire e ad accogliere i profughi in città
Il Sindaco Beppe Sala alla partenza del convoglio di aiuti di Fondazione Progetto Arca annuncia un vademecum per l’ospitalità
A quattro anni le salva la vita, 30 anni dopo la ritrova collega in sala operatoria
Per Alessandro Giamberti, responsabile della Chirurgia Pediatrica del Policlinico San Donato di Milano, l’incontro con Valeria Terranova è stata una grande emozione. Nota la cicatrice di questa giovane anestesista specializzanda proveniente da Siena arruolata nel periodo Covid, e scopre che ad operarla era stato proprio lui. Oggi vanno insieme nelle missioni in Africa per salvare i bambini cardiopatici
EMA, Cavaleri: «Un solo monoclonale funziona contro Omicron, i farmaci invece tengono»
Sotrovimab per il momento sembra funzionare, mentre gli altri monoclonali non hanno superato la prova Omicron. Cavaleri ha parlato anche dei vaccini per la fascia 0-5 anni
Cauda (consulente EMA): «Quarantena cautelativa misura a basso rischio»
L’infettivologo Roberto Cauda nominato consulente per le malattie infettive all’EMA nell'intervista a Sanità Informazione: «Flurona, almeno per ora, non ha rilevanza epidemiologica. Tra metà e fine gennaio il picco della quarta ondata. A lungo termine è ragionevole ipotizzare che non si parlerà più di pandemia, ma di endemia»
Accordo Specialistica ambulatoriale, Cisl medici Lazio presenta ricorso al Tribunale Civile di Roma
«Dopo i ricorsi presentati dalla Cisl medici, la regione finalmente apre al tavolo del rinnovo dell’accordo regionale integrativo della specialistica ambulatoriale». È quanto fa sapere il sindacato in una nota. «È del 2 dicembre u.s. la lungamente attesa comunicazione della Direzione Regionale Salute e Integrazione Socio-Sanitaria – Area Risorse Umane che richiede alla OOSS firmatarie […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...