Mondo 30 Gennaio 2018

Ema, Sala: «Oggi parte il ricorso per richiedere la sede a Milano. È difficile ma dobbiamo provarci»

Visto che la sede di Amsterdam non sarà pronta in tempo, il sindaco di Milano intende riprovare in tutti i modi a portare l’Agenzia Europea del Farmaco al Pirellone: «È tempo di essere aggressivi, questa storia sta diventando ridicola»

La questione Ema non è ancora conclusa. Dopo il sorteggio finale che aveva consacrato Amsterdam, a scapito di Milano, come la città che avrebbe accolto i dipendenti dell’Agenzia Europea del Farmaco dopo la Brexit, le autorità olandesi hanno ammesso che il palazzo prescelto non sarà pronto in tempo.

Immediata la reazione del sindaco di Milano Giuseppe Sala, ancora scottato dalla sfortuna che ha impedito al Pirellone di ospitare l’Agenzia: «Ho chiamato Gentiloni e gli ho detto che è il momento di essere aggressivi – ha detto ai microfoni di Rtl 102.5 -. Da quello che mi ha detto il Presidente del Consiglio, e senz’altro sarà così, oggi parte il ricorso».

«Siamo sinceri – ha proseguito Sala-, le possibilità di una riassegnazione della sede a Milano non sono altissime, ma dobbiamo provarci. La situazione rischia di diventare ridicola. Prima c’è questo sorteggio, poi gli olandesi non sono pronti. Non è una bella pagina nemmeno per l’Europa».

L’allarme è stato lanciato nelle scorse ore dal Direttore dell’Ema Guido Rasi: la sede dovrà essere operativa dal 1 gennaio 2019 per spostare gradualmente lo staff da Londra ad Amsterdam prima del 30 marzo, primo giorno della Brexit. Visto che il palazzo definitivo per quella data non sarà pronto, le autorità olandesi hanno proposto una sede temporanea che tuttavia dimezza lo spazio della sede di Londra.

«Questo doppio trasferimento – ha commentato Rasi in una conferenza stampa congiunta con le autorità olandesi – ci costringerà a investire più risorse e prolungherà il ‘piano di continuità’, ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali».

Nelle ultime settimane l’Ema ha discusso con le autorità olandesi sulla selezione del palazzo temporaneo, bocciando le proposte iniziali. Gli olandesi hanno quindi dovuto cercare un’altra soluzione: «Questo ha richiesto più del previsto, ma sono felice che ora abbiamo la soluzione. Anche se non è quella ottimale – chiarisce Rasi – almeno si riuscirà a far svolgere i meeting scientifici, una soluzione meno dannosa al lavoro».

Articoli correlati
Scuola di chirurgia robotica, al via il primo corso dell’Università Statale all’Ospedale San Paolo di Milano
Il professor Paolo Pietro Bianchi direttore della Chirurgia 1: «Precisione e sicurezza con un sistema a doppia consolle, molto simile a quello delle scuole guida. Il chirurgo senior è in grado di bloccare o attivare gli strumenti che il chirurgo più giovane sta utilizzando in ogni momento dell’intervento»
di Federica Bosco
Ritorno a scuola, a Milano test sierologici per 6000 studenti dai 3 ai 18 anni
Test pungidito analizzati al Buzzi per fotografare la situazione epidemiologica nelle scuole. In caso di esito positivo, immediato il tampone. Presto camper per esaminare anche studenti con sintomi influenzali. Il progetto pilota dell’ASST Fatebenefratelli Sacco con la collaborazione del Provveditorato agli studi e dell’Università Statale
di Federica Bosco
L’ASST Santi Paolo e Carlo investe in ristrutturazioni, 35 nuovi posti letto trasformabili in terapia sub intensiva
Il nuovo reparto è diretto dal prof. Stefano Centanni, pneumologo e Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università degli Studi di Milano
Ansia per il test di Medicina, i consigli dello psicoterapeuta per sconfiggere il numero chiuso
Il professor Nardone: «No a full immersion, meglio studio schematico e pratico. In caso di delusione, lutto di 3 giorni e subito via al piano B». Il Presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «La conferma di un sistema di selezione inadeguato e anti-meritocratico»
Rischio paralisi “da quarantena” in autunno? Dall’OMCeO forte “stimolo” a Regione e Comune di Milano
L’Ordine richiede una celere esecuzione dei tamponi e una vasta campagna di vaccinazione antinfuenzale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...