Mondo 30 Gennaio 2018

Ema, Sala: «Oggi parte il ricorso per richiedere la sede a Milano. È difficile ma dobbiamo provarci»

Visto che la sede di Amsterdam non sarà pronta in tempo, il sindaco di Milano intende riprovare in tutti i modi a portare l’Agenzia Europea del Farmaco al Pirellone: «È tempo di essere aggressivi, questa storia sta diventando ridicola»

La questione Ema non è ancora conclusa. Dopo il sorteggio finale che aveva consacrato Amsterdam, a scapito di Milano, come la città che avrebbe accolto i dipendenti dell’Agenzia Europea del Farmaco dopo la Brexit, le autorità olandesi hanno ammesso che il palazzo prescelto non sarà pronto in tempo.

Immediata la reazione del sindaco di Milano Giuseppe Sala, ancora scottato dalla sfortuna che ha impedito al Pirellone di ospitare l’Agenzia: «Ho chiamato Gentiloni e gli ho detto che è il momento di essere aggressivi – ha detto ai microfoni di Rtl 102.5 -. Da quello che mi ha detto il Presidente del Consiglio, e senz’altro sarà così, oggi parte il ricorso».

«Siamo sinceri – ha proseguito Sala-, le possibilità di una riassegnazione della sede a Milano non sono altissime, ma dobbiamo provarci. La situazione rischia di diventare ridicola. Prima c’è questo sorteggio, poi gli olandesi non sono pronti. Non è una bella pagina nemmeno per l’Europa».

L’allarme è stato lanciato nelle scorse ore dal Direttore dell’Ema Guido Rasi: la sede dovrà essere operativa dal 1 gennaio 2019 per spostare gradualmente lo staff da Londra ad Amsterdam prima del 30 marzo, primo giorno della Brexit. Visto che il palazzo definitivo per quella data non sarà pronto, le autorità olandesi hanno proposto una sede temporanea che tuttavia dimezza lo spazio della sede di Londra.

«Questo doppio trasferimento – ha commentato Rasi in una conferenza stampa congiunta con le autorità olandesi – ci costringerà a investire più risorse e prolungherà il ‘piano di continuità’, ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali».

Nelle ultime settimane l’Ema ha discusso con le autorità olandesi sulla selezione del palazzo temporaneo, bocciando le proposte iniziali. Gli olandesi hanno quindi dovuto cercare un’altra soluzione: «Questo ha richiesto più del previsto, ma sono felice che ora abbiamo la soluzione. Anche se non è quella ottimale – chiarisce Rasi – almeno si riuscirà a far svolgere i meeting scientifici, una soluzione meno dannosa al lavoro».

Articoli correlati
Lecce, primo caso di fecondazione post-mortem. Avrà un figlio dal marito defunto
Avrà il figlio che ha sempre desiderato dal marito deceduto un anno fa. E’ il primo caso in Puglia e il terzo in Italia di ‘fecondazione post mortem’: come riporta Repubblica.it, infatti, il Tribunale di Lecce ha dato il via libera all’utilizzo degli embrioni per una giovane donna che aveva avviato il percorso prima della […]
“Salute, donne e screening”, il workshop al Politecnico di Milano
Una visione della salute e della sanità basata sulla prevenzione è oggi requisito fondamentale per qualsiasi attività seria e lungimirante di politica sanitaria. Sulla prevenzione e sugli screening si trovano oggi a rapportarsi in modo nuovo i cittadini e i medici, le strutture di cura e le istituzioni, i media e le associazioni di pazienti, […]
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
Blockchain e diritti, a Milano la nuova tecnologia che misura la “patient satisfaction” per ridurre i contenziosi
Permette di raccogliere in tempo reale le opinioni di pazienti sulle cure ricevute nelle strutture sanitarie e negli studi medici. Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Cambierà completamente il paradigma nel mondo sanitario»
Congresso ICAR, l’immunologo Silvestri: «Non abbassare la guardia contro l’Aids, contagi non si stanno fermando»
A Milano il congresso dell’Italian Conference on AIDS and Antiviral Research alla Statale. «Se una persona non si controlla, e non sa di essere infettato, può infettare altri e quindi l’epidemia non si ferma», sottolinea il ricercatore dell'Università di Atlanta
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...