Mondo 30 Gennaio 2018

Ema, Sala: «Oggi parte il ricorso per richiedere la sede a Milano. È difficile ma dobbiamo provarci»

Visto che la sede di Amsterdam non sarà pronta in tempo, il sindaco di Milano intende riprovare in tutti i modi a portare l’Agenzia Europea del Farmaco al Pirellone: «È tempo di essere aggressivi, questa storia sta diventando ridicola»

La questione Ema non è ancora conclusa. Dopo il sorteggio finale che aveva consacrato Amsterdam, a scapito di Milano, come la città che avrebbe accolto i dipendenti dell’Agenzia Europea del Farmaco dopo la Brexit, le autorità olandesi hanno ammesso che il palazzo prescelto non sarà pronto in tempo.

Immediata la reazione del sindaco di Milano Giuseppe Sala, ancora scottato dalla sfortuna che ha impedito al Pirellone di ospitare l’Agenzia: «Ho chiamato Gentiloni e gli ho detto che è il momento di essere aggressivi – ha detto ai microfoni di Rtl 102.5 -. Da quello che mi ha detto il Presidente del Consiglio, e senz’altro sarà così, oggi parte il ricorso».

«Siamo sinceri – ha proseguito Sala-, le possibilità di una riassegnazione della sede a Milano non sono altissime, ma dobbiamo provarci. La situazione rischia di diventare ridicola. Prima c’è questo sorteggio, poi gli olandesi non sono pronti. Non è una bella pagina nemmeno per l’Europa».

L’allarme è stato lanciato nelle scorse ore dal Direttore dell’Ema Guido Rasi: la sede dovrà essere operativa dal 1 gennaio 2019 per spostare gradualmente lo staff da Londra ad Amsterdam prima del 30 marzo, primo giorno della Brexit. Visto che il palazzo definitivo per quella data non sarà pronto, le autorità olandesi hanno proposto una sede temporanea che tuttavia dimezza lo spazio della sede di Londra.

«Questo doppio trasferimento – ha commentato Rasi in una conferenza stampa congiunta con le autorità olandesi – ci costringerà a investire più risorse e prolungherà il ‘piano di continuità’, ovvero impiegheremo di più per tornare alle operazioni normali».

Nelle ultime settimane l’Ema ha discusso con le autorità olandesi sulla selezione del palazzo temporaneo, bocciando le proposte iniziali. Gli olandesi hanno quindi dovuto cercare un’altra soluzione: «Questo ha richiesto più del previsto, ma sono felice che ora abbiamo la soluzione. Anche se non è quella ottimale – chiarisce Rasi – almeno si riuscirà a far svolgere i meeting scientifici, una soluzione meno dannosa al lavoro».

Articoli correlati
Elezioni europee 2019, Giuseppe Sanò (+Europa): «Dobbiamo puntare ad un’equità sanitaria»
Laureato in farmacia e messinese, con un passato come amministratore locale eletto attraverso una lista civica. Il candidato al Parlamento europeo sotto il simbolo di +Europa auspica l’introduzione di un «ministero della Salute europeo»
Sclerosi multipla, Giancarlo Comi (neurologo): «Disponibile il primo trattamento orale per la forma recidivante»
Ad annunciarlo è stata ieri la società farmaceutica Merck a Milano durante una conferenza che ha visto la partecipazione dei più autorevoli esponenti del mondo scientifico italiano
di Federica Bosco
Artelier, a Milano il centro che aiuta i ragazzi affetti da autismo e psicosi gravi: quando l’arte aiuta a stare meglio
Il fondatore del progetto Giuseppe Oreste Pozzi (psichiatra): «Il 25% degli ospiti dei centri residenziali e diurni possono tornare a vivere fuori dai circuiti della psichiatria e della neuropsichiatria». A maggio si svolge il Festival dell’Espressività presso la struttura dei chiostri quattrocenteschi della Società Umanitaria
di Federica Bosco
Disturbo bipolare, a Milano parte l’ambulatorio per adolescenti “Smart”. Maisano (Psicoterapeuta): «Non sottovalutare la familiarità della malattia»
Circa l’1,8% dei ragazzi tra i 12 e i 21 anni vengono colpiti dalla patologia. L’iniziativa del Fatebenefratelli Sacco per affrontare una tematica che negli ultimi anni ha evidenziato una crescita esponenziale. La psicologa: «I primi campanelli di allarme sono disturbi d’ansia nella prima- media infanzia. In adolescenza lo sviluppo di una ampia gamma di disturbi dell’umore è sintomatico per la successiva comparsa di bipolarismo»
di Federica Bosco
Diabete, anche Milano entra nella rete Cities Changing Diabets. Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Indirizzare cittadini verso corretti stili di vita»
Dopo Roma, anche il capoluogo meneghino entra nelle 19 città a livello globale che aderiscono al progetto. Il programma, che si articolerà su un triennio, prevede diverse fasi: dalla mappatura dei dati epidemiologici alla fotografia dello stato attuale. In Lombardia 550mila diabetici e 150mila malati cronici. Carruba (Comitato esecutivo): «Questo ingresso consentirà all’Italia di contribuire con un significativo volume di dati, avendo le due aree metropolitane quasi 8 milioni di abitanti»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...