Mondo 17 Agosto 2020

Due terzi delle morti tra gli under 75 in Europa potevano essere evitate

L’Italia tra i Paesi più virtuosi per prevenzione e terapie tempestive ed efficienti. I dati del rapporto Eurostat sulle morti evitabili

Due terzi dei decessi che si sono registrati tra gli under-75 nel 2016 nei Paesi dell’Unione Europea potevano essere evitati. Parliamo di circa un milione di persone che potevano essere salvate grazie alla prevenzione o a cure tempestive ed efficaci. È il quadro dipinto dall’Eurostat nel suo annuale aggiornamento dei dati relativi alle morti evitabili.

Ma in questo scenario, l’Italia registra numeri decisamente più bassi rispetto alla maggior parte degli altri Stati. Segnale incontrovertibile dell’efficienza di un Sistema sanitario universalistico che, nonostante tutti i problemi che lo affliggono, risulta ancora il più valido.

Nel 2017, è stata infatti l’Italia a registrare il tasso più basso di decessi per malattie evitabili: 174 ogni 100 mila abitanti. Lettonia, Romania e Ungheria hanno invece registrato le percentuali più alte del vecchio continente, superando le 500 morti evitabili per 100 mila abitanti.

Ma in Italia ci sono stati anche meno morti per malattie che potevano essere trattate (meno di 70 per 100 mila abitanti) e decessi che potevano essere prevenuti (107 per 100 mila abitanti).

Guardando alle cause delle morti evitabili, le principali sono stati eventi cardiovascolari (che hanno causato 151.000 morti tra gli under 75) e tumori ai polmoni (149.000), seguiti da malattie cerebrovascolari, cancro colorettale e disordini legati all’alcol. Queste cinque cause insieme hanno determinato il 65% dei decessi evitabili. In Italia, la maggior parte delle morti tra gli under 75 che potevano essere evitate è stata causata dal cancro colo-rettale.

Articoli correlati
Covid-19, Gimbe: «Primi segnali di rallentamento, ma serve grande prudenza»
Il monitoraggio della Fondazione GIMBE nella settimana 11-17 novembre. Cartabellotta: «Ipotizzare allentamento misure per salvare il Natale rischia di avere conseguenze molto gravi»
Report Eurostat: Italia tra i primi posti per neomamme over 40
La media in Europa è del 5,2% di nuovi nati da mamme con età pari o superiore a 40 anni. In Italia si alza a 7,5%. Il rapporto di Eurostat sulle nasciet Ue
Covid-19, De Palma (Nursing Up): «Report Inail mette a nudo l’amara realtà. Noi infermieri come soldati allo sbaraglio»
«L’83 per cento dei casi denunciati di avvenuto contagio erano infermieri. Il 63 per cento delle vittime nel mondo sanitario erano infermieri. I dati non lasciano spazio a dubbi» così il presidente del Sindacato Infermieri Italiani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli