Mondo 4 Aprile 2019 15:57

Statistica sulla Salute nel Mondo 2019, OMS: «Donne più longeve degli uomini ma l’accesso ai servizi sanitari incide sull’aspettativa di vita»

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità esiste un differente approccio all’assistenza sanitaria tra i due sessi

Statistica sulla Salute nel Mondo 2019, OMS: «Donne più longeve degli uomini ma l’accesso ai servizi sanitari incide sull’aspettativa di vita»

Le donne vivono più degli uomini in particolar modo nei paesi ricchi. La Statistica della Salute nel Mondo 2019, che divide per la prima volta i dati in base al sesso, spiega il perché.

Differiscono gli approcci di uomini e donne verso l’assistenza sanitaria. Per una stessa malattia, gli uomini cercano assistenza sanitaria meno delle donne. Nei paesi con epidemie generalizzate di HIV, ad esempio, gli uomini hanno meno probabilità delle donne di fare un test HIV, meno probabilità di accedere alla terapia antiretrovirale e più probabilità di morire di malattie correlate all’AIDS rispetto alle donne. Allo stesso modo, i pazienti con TBC maschile sembrano avere meno probabilità di cercare cure rispetto alle pazienti con TBC femminile.

«Dividere i dati per età, sesso e reddito è vitale per capire chi viene lasciato indietro e perché», ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus Direttore-generale dell’Oms. «Dietro ad ogni numero nella Statistica della Salute del Mondo c’è una persona, una famiglia, una comunità o una nazione. Il nostro compito è usare questi dati per prendere decisioni che ci avvicinino ad un mondo più sano, più sicuro, più equo per ognuno».

LEGGI ANCHE: INQUINAMENTO, ALLARME DELL’OMS: CAUSA SETTE MILIONI DI MORTI ALL’ANNO. 90% POPOLAZIONE MONDIALE COINVOLTO

Il divario tra l’aspettativa di vita degli uomini e delle donne è più stretto laddove le donne non hanno accesso ai servizi sanitari. Nei paesi a basso reddito, dove i servizi scarseggiano, 1 donna su 41 muore per causa materna, contro 1 donna su 3.300 nei paesi ad alto reddito. In oltre il 90% dei paesi a basso reddito, vi sono meno di 4 infermieri e assistenti ogni 1000 persone.

La relazione evidenzia inoltre la differenza tra le cause di morte di uomini e donne, alcune biologiche, alcune influenzate da fattori ambientali e sociali e altre influenzate dalla reperibilità e dall’utilizzo dei servizi sanitari. Delle 40 principali cause di morte, 33 contribuiscono più alla riduzione dell’aspettativa di vita negli uomini che nelle donne. Nel 2016, la probabilità che un trentenne morisse per una malattia non trasmissibile prima dei 70 anni era del 44% superiore negli uomini rispetto alle donne. I tassi globali di mortalità da suicidio erano superiori del 75% negli uomini rispetto alle donne nel 2016. I tassi di mortalità per incidenti stradali sono più del doppio negli uomini rispetto alle donne di 15 anni e i tassi di mortalità per omicidio sono 4 volte più elevati negli uomini che nelle donne.

Pubblicato in coincidenza con la Giornata Mondiale della Salute del 7 aprile, che quest’anno si concentra sull’assistenza sanitaria di base come fondamento della copertura sanitaria universale, le nuove statistiche dell’Oms evidenziano la necessità di migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria di base a livello mondiale e di aumentarne l’utilizzo. «Uno tra i tre miliardi di obiettivi dell’Oms è avere per un 1 miliardo di persone in più una copertura sanitaria universale entro il 2023,» ha detto Tedros. «Ciò significa migliorare l’accesso ai servizi, soprattutto a livello di comunità, e assicurarsi che tali servizi siano accessibili, economicamente sostenibili ed efficaci per tutti, indipendentemente dal loro genere».

«Queste statistiche sottolineano la necessità di dare priorità all’assistenza sanitaria di base per gestire efficacemente le malattie non trasmissibili e per contenere i fattori di rischio – è il commento di Samira Asma, Assistente Direttore Generale dell’Oms per i Dati, Analitici e Consegna – Per esempio, qualcosa di semplice come il controllo della pressione sanguigna non sta proprio accadendo sulla scala necessaria e l’uso del tabacco rimane una delle cause principali di morte prematura».

Articoli correlati
Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS
L'indagine dell'Organizzazione mondiale della sanità prova a calcolare i danni che la pandemia ha provocato sui sistemi sanitari di tutto il mondo: quali sono i rischi?
Il ritorno alla normalità non ci sarà. Parola dell’Oms
Preoccupa più di tutto il "caso Americhe", che da sole registrano il 50% dei nuovi casi giornalieri. Vaccino e ritorno alla normalità sono ancora lontani. Per il dg Oms Ghebreyesus è l'ora dei messaggi chiari da parte dei leader mondiali
WHO: «Covid-19 is ten times deadlier than swine flu»
The World Health Organisation lists six criteria to be verified when considering lifting restrictions. Director General Tedros Adhanom Ghebreyesus: «The way down is much slower than the way up»
di Gloria Frezza
WHO Director General: «Social distancing measures are not enough. Our key message is test, test, test»
«Covid-19 is a serious disease. Young people, including children, have died. We’re all in this together. And we can only succeed together»
Coronavirus, OMS: «Servono 675 milioni di dollari per rispondere all’emergenza»
Il direttore generale: «La mia preoccupazione principale è che in alcuni Paesi sono assenti le strutture che consentono di individuare le persone che hanno contratto l'infezione. È quindi necessario un supporto urgente ai sistemi sanitari più deboli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 agosto, sono 198.335.925 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.224.492 i decessi. Ad oggi, oltre 4.11 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva