Mondo 28 Gennaio 2019

Criptovalute e Blockchain per rivoluzionare l’odontoiatria. Dentacoin: «Così puntiamo su prevenzione e bisogni dei pazienti»

ESCLUSIVA | Intervista a Jeremias Grenzebach, co-fondatore e core developer del network presente in 20 Paesi, Italia compresa: «Il livello di frammentazione ed il basso grado di industrializzazione del mondo odontoiatrico lo rendono un settore ideale per l’applicazione della Blockchain. Tutti hanno diritto a cure dentistiche di qualità, ma oggi può permettersele solo il 20% della popolazione. Noi intendiamo cambiare questa deplorevole situazione»

Immagine articolo

La cura e la prevenzione dentale sono da sempre considerate tra le aree più vulnerabili della sanità. Costose, elitarie e poco accessibili nel servizio pubblico, sono tuttavia fondamentali per la salute dell’individuo. Ma per sovvertire lo stato attuale delle cose, c’è chi pensa di sfruttare le nuove tecnologie. Come la Blockchain, ad esempio. È quello che sta facendo Dentacoin, fondazione con partner in 20 Paesi del mondo, che intende rafforzare il legame tra dentisti e pazienti, minimizzando i costi, garantendo sicurezza e puntando sulla prevenzione. Il network ha già due cliniche partner in Italia – a Siracusa e a Busto Arsizio – ma intende puntare sul nostro Paese, il cui mercato odontoiatrico è considerato tra i più competitivi d’Europa. Ne abbiamo parlato con Jeremias Grenzebach, co-fondatore e core developer di Dentacoin.

LEGGI ANCHE: I VANTAGGI DELLA BLOCKCHAIN IN SANITÀ SPIEGATI DALL’ESPERTO: «CONSENTE ANAMNESI PIÙ ACCURATA DEL PAZIENTE E DELLE GENERAZIONI PRECEDENTI»

Cos’è Dentacoin? Quando è nata e quali obiettivi si pone?

«Fondata nel marzo 2017, la Fondazione Dentacoin ha dato vita alla prima ed unica soluzione su Blockchain per l’industria dentale mondiale. L’obiettivo che ci siamo posti è spostare l’attenzione dalla cura alla prevenzione, sviluppando un nuovo ecosistema odontoiatrico basato su diversi prodotti che applicano la Blockchain: l’assicurazione Dentacoin Assurance, che rende la prevenzione dentale accessibile, con costi più bassi; la App Dentacare, che aiuta a migliorare la propria igiene dentale; i sondaggi DentaVox per conoscere in modo affidabile le opinioni e i bisogni dei pazienti; Dentacoin Trusted Review, che offre l’infrastruttura necessaria ad inviare ai dentisti feedback dettagliati; infine, una criptovaluta specifica (Dentacoin, DCN) ed il Dentacoin Wallet dApp per facilitare e rendere sicuri tutti i pagamenti, riducendo al contempo i costi di transazione».

Quali sono i vantaggi che le criptovalute e la tecnologia Blockchain possono offrire ai professionisti e ai pazienti?

«La tecnologia Blockchain è l’unico modo per automatizzare e garantire la sicurezza dei dati, proteggendoli da contraffazioni e mantenendo bassi costi. È anche l’unico modo per integrare un sistema valutario a basso costo con la massima sicurezza e indipendenza da autorità, banche e confini nazionali. Rende le transazioni internazionali più veloci, più sicure e più economiche, garantendo al contempo una migliore efficienza della catena di distribuzione. Consente anche di verificare in modo attendibile l’identità, elemento cruciale in campi in cui non sono ammessi account falsi o dati manipolati. Inoltre, la valuta Dentacoin circola all’interno del network globale Dentacoin ed è parte integrante di tutti i suoi prodotti: essendo un utility token, garantisce l’accesso a specifiche funzionalità ed è utilizzato come mezzo di pagamento per i servizi ed i prodotti dentistici offerti dagli oltre 80 fornitori aderenti alla rete, dislocati in 20 Paesi diversi».

In che modo la Blockchain può cambiare il settore odontoiatrico?

«Il livello di frammentazione ed il basso grado di industrializzazione del mondo odontoiatrico lo rendono un settore ideale per l’applicazione di una piattaforma integrale basata sulla Blockchain, come Dentacoin. Crediamo fermamente che le cure dentistiche di qualità siano un diritto basilare per ogni persona. Ma la realtà, purtroppo, ci mostra che può permettersele meno del 20% della popolazione globale. Inoltre, ogni anno vengono spesi 440 miliardi di dollari in trattamenti odontoiatrici, ed il 90% viene destinato alla soluzione di problemi prevenibili. Ma l’alto livello di frammentazione del mercato odontoiatrico globale rende gli oltre 1,6 milioni di dentisti nel mondo combattenti isolati, impossibilitati a migliorare le cose e costretti ad aderire ai tariffari, alle assicurazioni e agli accordi attuali anche se non li condividono. Dentacoin intende cambiare questa deplorevole situazione. Il nostro obiettivo è assumerci la totale responsabilità, sia da un punto di vista economico che medico, della salute dentale di ogni individuo. E grazie ai nostri prodotti e alla possibilità di dare feedback o di partecipare ai sondaggi, i pazienti diventano parte attiva di questo processo. I dentisti, d’altra parte, vengono supportati nel processo di costruzione di una pratica odontoiatrica di successo basata esclusivamente sui bisogni dei pazienti e orientata verso la prevenzione».

Le criptovalute non stanno attraversando un periodo semplice. Pensa che sopravvivranno alla crisi e che riusciranno a diventare la moneta del futuro?

«Ritengo che il mercato stia attraversando una “selezione naturale” e credo che solo i progetti che offrono un vero valore aggiunto alla nostra vita quotidiana e al contesto imprenditoriale sopravvivranno nel lungo periodo. Personalmente sono molto contento di vedere sempre più prodotti che affrontano problemi e bisogni in modo del tutto nuovo. È anche entusiasmante vedere tante persone, fino ad oggi distanti dal mondo della tecnologia, avvicinarsi alla Blockchain e alle monete digitali».

Come intendete sviluppare ulteriormente il vostro progetto? Lo esporterete anche in Italia?

«Abbiamo intenzione di rafforzare la nostra posizione sul mercato odontoiatrico italiano, che è uno dei più competitivi in Europa. Sappiamo che molti giovani dentisti italiani vorrebbero unirsi al network Dentacoin, e in Italia sta senza dubbio crescendo il livello di interesse nei confronti del mondo digitale e della tecnologia Blockchain, soprattutto tra le generazioni più giovani. Attualmente, abbiamo due cliniche partener, una a Busto Arsizio e un’altra a Siracusa. Per quanto riguarda i progetti futuri, nel 2019 lavoreremo soprattutto per sviluppare i prodotti esistenti e arrivare all’adozione definitiva di Dentacoin Assurance, che abbiamo sperimentato come progetto pilota: a fronte di premi mensili pagati ai dentisti in Dentacoin (DCN), darà diritto alla prevenzione odontoiatrica per tutta la vita. E poi ci stiamo preparando per il principale summit di odontoiatria a livello mondiale, l’International Dental Show, che si svolgerà a marzo a Colonia, in Germania. La nostra partecipazione in veste di espositori non solo crea solide basi per una ulteriore espansione globale, ma conferma l’importanza della Blockchain per il futuro dell’odontoiatria».

LEGGI ANCHE: ODONTOIATRIA, GHERLONE (CDUO): «SOLO IL 7% DELL’OFFERTA È PUBBLICA. COSI’ NASCONO LE CATENE LOW COST»

Articoli correlati
Odontoiatria, SMI con Bartolazzi: «Rivedere requisiti per accesso a SSN»
Il Segretario del Sindacato Medici Italiani Pina Onotri sottolinea: «È assurdo che la laurea in odontoiatria di sei anni, che rilascia il titolo di medico odontoiatra, non permetta l’accesso alla graduatoria della specialistica» Il Sottosegretario aveva parlato in Parlamento di «una revisione della disciplina dell’accesso ai concorsi»
Blockchain, Pacini (Consulcesi TECH): «Al via con Link Campus University il primo master MBA per le applicazioni nella sanità»
Il corso, MBA di primo livello, è stato presentato durante la Blockchain Week a Roma, la kermesse della tecnologia bitcoin, organizzata da Blockchain Management SL presso l’hotel Mercure Roma West
Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti
Marco Terranova, l’odontoiatra che ha ideato il progetto insieme a Riccardo Spampinato: «Abbiamo iniziato portando in giro le nostre apparecchiature con la mia station wagon. Adesso abbiamo anche il cardiologo, il fisioterapista, lo psicologo e l’otorinolaringoiatra. Non so se in Italia ci siano altre strutture simili, ma se esistono sono contento»
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Blockchain, Liberatore (IQVIA): «Ogni campo della sanità può essere ingegnerizzato»
All’evento “Futuro. Direzione Nord” il colosso mondiale IQVIA ha presentato la sua collaborazione con Consulcesi Tech su survey, ricerca e formazione dei medici. Liberatore: «Ora è possibile verificare se il medico ha svolto il suo aggiornamento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone