Mondo 7 Agosto 2019

Filippine, dengue causa oltre 600 morti e 146mila casi di contagio. È “epidemia nazionale”

Colpiti soprattutto i bambini sotto i 10 anni. L’epidemia segue il divieto della vendita e della distribuzione di un vaccino accusato di causare morti infantili

Nelle Filippine è in corso una “epidemia nazionale di dengue“: il virus ha già ucciso 622 persone e i casi di contagio registrati dall’inizio dell’anno sono 146.062. Il 98% in più rispetto allo stesso periodo del 2018. I più colpiti sono i bambini sotto i 10 anni di età.

L’epidemia segue il divieto, emesso a febbraio a livello nazionale, della vendita e distribuzione del vaccino Dengvaxia, prodotto dalla casa farmaceutica francese Sanofi Pateur. La società è stata al centro di uno scandalo nelle Filippine, tra il 2017 e il 2018, con decine di morti tra i bambini vaccinati, nell’ambito di un programma di prevenzione a livello nazionale.

La Sanofi ha ammesso che il prodotti poteva mettere a rischio alcuni bambini. Dengvaxia, al momento, è l’unico vaccino per la dengue disponibile sul mercato, ma l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di somministrarlo solo a chi si trova in aree ad alto rischio. Raramente è usato in programmi di vaccinazione di massa.

Di origine virale, la dengue è un’infezione trasmessa da zanzare, diffusa nei Paesi tropicali. Può portare a emorragie e disfunzioni degli organi interni e in molti casi non c’è un trattamento specifico.

LEGGI ANCHE: BRASILE, I MORTI PER FEBBRE DENGUE SALGONO DEL 163% IN SEI MESI

Articoli correlati
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Brasile, i morti per febbre dengue salgono del 163% in sei mesi
Il ministero della Salute brasiliano ha reso noto che, negli ultimi sei mesi, le morti per febbre dengue, malattia virale trasmessa dalle zanzare, sono aumentate del 163% rispetto al 2018. Il dicastero spiega che le motivazioni sono da ricercare nelle piogge più abbondanti e nelle temperature più alte, specificando che 366 persone sono morte dal […]
Allarme morbillo a New York, 285 i casi in città. Dichiarato lo stato d’emergenza sanitaria
Il timore è che l'epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. Il sindaco De Blasio ha scelto la linea dura. «Il vaccino contro il morbillo funziona - l'appello del sindaco - è sicuro, è efficace e salva la vita»
Emergenza sanitaria in volo, cosa fare? Rosi (ISS): «In Italia non esiste protocollo. Manca una cabina di regia»
Sono tre i voli intercontinentali su cui, in questi giorni, centinaia di passeggeri si sono sentiti male. Come comportarsi in questi casi? «Se succedesse nel nostro Paese sarebbe un problema, in assenza di un coordinamento intersettoriale ognuno rivendica la propria autorità». Lo spiega Luca Rosi, responsabile dell'Unità Affari Internazionali dell'Istituto Superiore di Sanità
Zanzara tigre, Alessio d’Amato (Regione Lazio): «Una task force per una prevenzione in rete»
«I casi di Chikungunya verificatisi l’anno scorso hanno evidenziato l’importanza della prevenzione e del controllo dell’insetto che trasmette questa malattia: la  zanzare tigre». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presentando il tavolo di esperti del settore che ha come obiettivo quello di creare una task force per rafforzare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...