Mondo 16 Marzo 2022 09:42

Corvi e cicogne nel cielo di Siret

I volontari italiani raccontano il forte contrasto tra la vita e la morte che si respira al confine tra Romania e Ucraina. La fuga degli animali, la scelta di molti anziani di non partire e il terrore negli occhi dei più giovani che hanno visto spazzato via in un attimo il loro futuro

I corvi con il loro gracchiare fanno da sottofondo al rumore della guerra, mentre i nidi di cicogne simbolo della vita abitano gli alberi della campagna di Siret, la cittadina rumena a pochi chilometri dal confine con l’Ucraina. Il teatro della guerra è all’orizzonte e nel cielo che sovrasta la via di fuga di tantissimi profughi gli occhi dei volontari si fermano ad osservare la natura, mentre il pensiero corre ai giovani costretti a combattere una guerra che non vogliono.

«Il contrasto che appare nei cieli è qualcosa di indescrivibile – racconta Titti, una volontaria appena rientrata da Siret – stuoli di corvi fanno da contraltare ai tanti nidi di cicogne, la morte e la vita che si incontrano in un luogo di disperazione e di speranza. Il terrore negli occhi dei più giovani è qualcosa che non si può dimenticare. Hanno perso tutto, in un attimo il loro futuro è stato spazzato via. E poi lo sgomento delle mamme e il sorriso amaro dei bambini che strazia il cuore. Io spero che l’intero mondo faccia qualcosa per fermare questa guerra assurda».

Nessuno lasciato indietro, neanche gli animali

Cani, gatti, galline, anche gli animali fuggono dalla guerra. Nessuno li abbandona, come racconta Alberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca: «Ho visto persone fuggire dalle loro case con i conigli in braccio, così come cani e gatti che seguono i loro padroni per chilometri verso la frontiera». Viaggi interminabili verso la libertà che non sempre riescono. «Al confine tra Romania e Ungheria siamo rimasti bloccati per oltre dieci ore. Nessuna pietà per i civili in fuga – aggiunge il presidente di Fondazione Progetto Arca – ho visto respingere un bambino di undici mesi perché sprovvisto di passaporto biometrico, un’assurdità».

Anziani che scelgono di restare

Donne e bambini che fuggono e anziani che scelgono di restare, tra i tanti sentimenti contrastanti alimentati dalla guerra, anche quello che divide le famiglie e spezza il cuore di tutti. «Se devo morire, preferisco restare nella mia terra», dicono i nonni dell’Ucraina che non hanno voluto lasciare le loro case, anche a costo di perdere la vita. «La paura è tanta, ma il desiderio di restare e di non abbandonare la propria casa è altrettanto forte».

Il racconto carico di emozione di Alberto si interrompe, cerca di condensare in poche parole un fiume in piena di sentimenti e di emozioni provate in una terra di confine crocevia di storie, di morte e di speranza. Come quella che cercano di dare i tanti volontari che sono arrivati da ogni parte del mondo. «Un gruppo di cuochi rumeni ha preparato dei pranzetti deliziosi – ricorda ancora Alberto – nessun gesto o parola è superfluo o inutile. Il lavoro dei volontari è prezioso, anche per il conforto che riescono a portare».

Lo sanno bene Enzo e Dante che si sono messi alla guida del convoglio della Fox Logistic messo a disposizione di Fondazione Progetto Arca per raggiungere, dopo un viaggio di 30 ore, il teatro della guerra. Dante saluta la moglie e stringe a sé la sua bambina di due anni che non vuole separarsi dal papà. Il loro distacco durerà pochi giorni, mentre quello di altri uomini al fronte potrebbe essere per sempre. Dante accenna un sorriso, e sale sul convoglio senza più voltarsi indietro. Ha deciso di partire perché «non si può restare insensibili davanti a tanto dolore – racconta – ho chiamato un amico svizzero che ha messo a disposizione il mezzo di trasporto ed eccoci qui pronti a partire». «La generosità di questi ragazzi è commovente – riprende Alberto – si sono messi a disposizione e non hanno voluto neppure i soldi della benzina per il viaggio».

Moreno e la nazionale cantanti

La gara di solidarietà partita dall’Italia è un’onda che cresce di giorno in giorno e che vede impegnati tantissimi volontari nella raccolta di abiti, viveri e medicinali. «Abbiamo ricevuto di tutto in via San Martini sede della raccolta – spiega Emanuela, una volontaria della Fondazione Progetto Arca – noi abbiamo dato la priorità all’alimentazione, legumi, pasta, riso e latte sono arrivati in quantità enormi, ma anche all’igiene e ai sanitari: pannolini per bambini e assorbenti per le donne, e ancora medicine. Abbiamo ricevuto anche coperte e abbigliamento che deve essere pulito e non usurato».

A donare sono in tanti, persino bambini come racconta Enzo. «Tra gli scatoloni arrivati c’era un piccolo pacchetto con all’interno una bandiera italiana fatta da un bambino e un disegno con una scritta in pennarello blu e giallo “Peace Ucraina”. Sono piccoli gesti che toccano il cuore. La partecipazione è tanta, a tutti i livelli».

Tra i volontari anche volti noti come il rapper Moreno Donadoni che ha voluto portare a Siret il sostegno di tutta la nazionale italiana cantanti. «Con una delegazione siamo andati al confine di Romania e Ucraina per dare il nostro supporto. Abbiamo portato giubbotti, coperte e abbiamo messo a disposizione insieme alla Partita del cuore Humanitas Onlus un numero solidale per donare e dare un contributo a queste persone che stanno soffrendo. Per quanti volessero dare il proprio contributo il numero solidale è 45527».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...