Mondo 24 Ottobre 2018

Anche per Forbes Blockchain e sanità binomio vincente: tecnologia che contribuirà a salvare vite e a ridurre costi

Forbes in un recente articolo elenca i benefici che la blockchain può garantire al settore sanitario, dalla sicurezza dei dati ad una maggiore collaborazione tra ricercatori: «Lo sviluppo delle potenzialità di questa nuova tecnologia sono ancora agli albori, ma non possiamo ignorarla»

Immagine articolo

Uno dei modelli verso cui la sanità globale si sta orientando è il cosiddetto “Value-Based Care”, che porta a ‘premiare’ strutture sanitarie e medici in base agli esiti e ai risultati ottenuti dai pazienti. Come evidenziato da Forbes, dar vita ad un modello di questo tipo richiede dei sistemi informatici costantemente aggiornati, in grado di adattarsi e cambiare insieme all’evoluzione dell’assistenza. Si tratta di un qualcosa che gli attuali sistemi informatici non sono in grado di assicurare. Già adesso, come puntualizzato su Forbes da Andrew Rossow, «riescono a mala pena a tener la testa fuor d’acqua, immersi tra cartelle cliniche e ricerche scientifiche in un volume esorbitante di dati che aspettano di essere registrati». Ma forse una soluzione c’è, e si chiama blockchain.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITA’

La ‘catena dei blocchi’ è una tecnologia relativamente nuova in grado di assicurare rapidità, trasparenza e sicurezza dei dati che vi vengono registrati. Ha infiniti ambiti di applicazione, e uno di questi è proprio quello sanitario, in cui potrebbe garantire una serie di importanti elementi:

LA SICUREZZA DEI DATI SANITARI
Per iniziare, Forbes sottolinea quanto, ad ogni modo, la priorità principale debba essere sempre costituita dai dati dei pazienti. Sensibili per antonomasia, la privacy e la sicurezza di queste informazioni è infatti prevista e tutelata da diversi strumenti legislativi in ogni Paese. La blockchain potrebbe rendere più semplice garantirne la sicurezza, criptando i dati e assicurandone l’accessibilità solo a coloro che sono responsabili del loro inserimento nella catena. In questo modo, quelle informazioni non potranno essere alterate. Principi che possono essere facilmente applicabili anche, ad esempio, a ricette mediche o trial clinici.

MAGGIORE COLLABORAZIONE TRA RICERCATORI
È proprio il mondo della ricerca che potrebbe altresì beneficiare dei vantaggi della blockchain: «Se ricercatori e inventori inserissero i loro dati su questa tecnologia – scrive ancora Forbes – potrebbero facilmente condividere le informazioni che ottengono, mantenendo al contempo l’integrità, la sicurezza e la privacy dei titolari dei dati».

SISTEMI DI GESTIONE FINANZIARIA E AMMINISTRATIVA
L’intelligenza artificiale è in grado di calcolare e valutare in modo molto più efficace le entrate ed i costi di un’attività. Può quindi esaminare e minimizzare eventuali sprechi. Allo stesso modo, può semplificare le procedure amministrative, rendendo più efficienti le diagnosi, riducendo gli errori medici e, alla lunga, anche i tassi di mortalità.

«Lo sviluppo delle potenzialità della blockchain è ancora agli albori – conclude Forbes – ma non possiamo ignorare questa tecnologia. Per comprendere le sue enormi potenzialità nel settore sanitario dobbiamo iniziare a ‘giocare a fare i dottori’ con le sue capacità. Alla fine, gli operatori sanitari avranno a disposizione opzioni efficaci per migliorare gli attuali sistemi; l’intelligenza artificiale potrà gestire enormi quantità di dati, la cui sicurezza sarà garantita dall’eliminazione degli intermediari, restituendo il controllo ai pazienti. E alla fine, questa tecnologia contribuirà a salvare delle vite».

 LEGGI ANCHE: UE: BLOCKCHAIN È SOLUZIONE GIUSTA PER SICUREZZA E TRASPARENZA IN SANITÀ E PER LA FILIERA DEL FARMACO 

Articoli correlati
Europee, Battiston (Pd): «Ogni anno via dall’Italia 300mila giovani. Fermare ‘fuga dei cervelli’»
Come? «Imitiamo gli altri paesi europei», ne è convinto l’ex presidente dell’Agenzia spaziale italiana in corsa alle Europee per il Partito democratico nella circoscrizione Nord est. «Nel prossimo programma quadro, il nono, 110 miliardi di euro, il 10% del totale del programma è destinato a ricerca e innovazione L’Italia può portare nel proprio sistema più soldi di quanto investe in alcuni settori»
Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici
Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui principali temi del mondo medico emerse nel confronto promosso da Consulcesi. Diverse le proposte ma i candidati sembrano uniti nella battaglia sui diritti negati ai medici ex specializzandi
Cybersecurity, l’allarme del Garante della Privacy: «Attacchi alla sanità cresciuti del 99%»
«La carente sicurezza dei dati e dei sistemi – ha rilevato Antonello Soro durante la sua relazione al Parlamento - che li ospitano può rappresentare una causa di malasanità». La soluzione potrebbe arrivare dall’utilizzo della Blockchain
Europee, David Sassoli (Pd): «Europa in campo per incentivare e premiare medici in regola con obbligo Ecm»
Il Vicepresidente del Parlamento Europeo, in visita alla sede romana del gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici ex specializzandi che ancora aspettano giustizia dallo Stato italiano: «È un diritto che dev’essere riconosciuto, il tema della mediazione giuridica credo che sia l’unico che possa consentire giustizia». Poi sottolinea l’esigenza di avere «un’Europa più forte» ma che sia arricchita dalle «buone pratiche italiane»
Maratona di Roma 2019. Consulcesi Onlus: gara di solidarietà per sostenere l’Unità Mobile “Salute e Inclusione”
Gara di solidarietà anche tra i dipendenti e i manager di Consulcesi, che hanno partecipato alla Maratona di Roma per vincere la sfida contro l’indifferenza di chi vive ai margini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...