Mondo 24 ottobre 2018

Anche per Forbes Blockchain e sanità binomio vincente: tecnologia che contribuirà a salvare vite e a ridurre costi

Forbes in un recente articolo elenca i benefici che la blockchain può garantire al settore sanitario, dalla sicurezza dei dati ad una maggiore collaborazione tra ricercatori: «Lo sviluppo delle potenzialità di questa nuova tecnologia sono ancora agli albori, ma non possiamo ignorarla»

Immagine articolo

Uno dei modelli verso cui la sanità globale si sta orientando è il cosiddetto “Value-Based Care”, che porta a ‘premiare’ strutture sanitarie e medici in base agli esiti e ai risultati ottenuti dai pazienti. Come evidenziato da Forbes, dar vita ad un modello di questo tipo richiede dei sistemi informatici costantemente aggiornati, in grado di adattarsi e cambiare insieme all’evoluzione dell’assistenza. Si tratta di un qualcosa che gli attuali sistemi informatici non sono in grado di assicurare. Già adesso, come puntualizzato su Forbes da Andrew Rossow, «riescono a mala pena a tener la testa fuor d’acqua, immersi tra cartelle cliniche e ricerche scientifiche in un volume esorbitante di dati che aspettano di essere registrati». Ma forse una soluzione c’è, e si chiama blockchain.

CLICCA QUI PER ESSERE AGGIORNATO SULLA RIVOLUZIONE BLOCKCHAIN IN SANITA’

La ‘catena dei blocchi’ è una tecnologia relativamente nuova in grado di assicurare rapidità, trasparenza e sicurezza dei dati che vi vengono registrati. Ha infiniti ambiti di applicazione, e uno di questi è proprio quello sanitario, in cui potrebbe garantire una serie di importanti elementi:

LA SICUREZZA DEI DATI SANITARI
Per iniziare, Forbes sottolinea quanto, ad ogni modo, la priorità principale debba essere sempre costituita dai dati dei pazienti. Sensibili per antonomasia, la privacy e la sicurezza di queste informazioni è infatti prevista e tutelata da diversi strumenti legislativi in ogni Paese. La blockchain potrebbe rendere più semplice garantirne la sicurezza, criptando i dati e assicurandone l’accessibilità solo a coloro che sono responsabili del loro inserimento nella catena. In questo modo, quelle informazioni non potranno essere alterate. Principi che possono essere facilmente applicabili anche, ad esempio, a ricette mediche o trial clinici.

MAGGIORE COLLABORAZIONE TRA RICERCATORI
È proprio il mondo della ricerca che potrebbe altresì beneficiare dei vantaggi della blockchain: «Se ricercatori e inventori inserissero i loro dati su questa tecnologia – scrive ancora Forbes – potrebbero facilmente condividere le informazioni che ottengono, mantenendo al contempo l’integrità, la sicurezza e la privacy dei titolari dei dati».

SISTEMI DI GESTIONE FINANZIARIA E AMMINISTRATIVA
L’intelligenza artificiale è in grado di calcolare e valutare in modo molto più efficace le entrate ed i costi di un’attività. Può quindi esaminare e minimizzare eventuali sprechi. Allo stesso modo, può semplificare le procedure amministrative, rendendo più efficienti le diagnosi, riducendo gli errori medici e, alla lunga, anche i tassi di mortalità.

«Lo sviluppo delle potenzialità della blockchain è ancora agli albori – conclude Forbes – ma non possiamo ignorare questa tecnologia. Per comprendere le sue enormi potenzialità nel settore sanitario dobbiamo iniziare a ‘giocare a fare i dottori’ con le sue capacità. Alla fine, gli operatori sanitari avranno a disposizione opzioni efficaci per migliorare gli attuali sistemi; l’intelligenza artificiale potrà gestire enormi quantità di dati, la cui sicurezza sarà garantita dall’eliminazione degli intermediari, restituendo il controllo ai pazienti. E alla fine, questa tecnologia contribuirà a salvare delle vite».

 LEGGI ANCHE: UE: BLOCKCHAIN È SOLUZIONE GIUSTA PER SICUREZZA E TRASPARENZA IN SANITÀ E PER LA FILIERA DEL FARMACO 

Articoli correlati
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Blockchain, Andrea Tortorella (Consulcesi Tech): «Così certifichiamo formazione ECM e sondaggi per il settore farmaceutico»
Il vicepresidente dell’Osservatorio Blockchain della Link Campus University e CEO di Consulcesi Tech spiega in che modo la Blockchain può rivoluzionare il mondo della sanità
Blockchain e sanità del futuro. Al Senato confronto tra politica e imprese sulle opportunità della catena dei blocchi
VIDEO | FOTO | Sondaggi, survey e indagini sanitarie verificate, formazione ECM certificata, tracciabilità della crioconservazione delle staminali e garanzia della supply chain farmaceutica: queste le prime applicazioni presentate all’evento “Blockchain in Sanità: opportunità e prospettive”. Massimo Tortorella: (Consulcesi Tech): «La rivoluzione digitale dell’healthcare passa da questa tecnologia anti-fake»
Criptovalute e Blockchain per rivoluzionare l’odontoiatria. Dentacoin: «Così puntiamo su prevenzione e bisogni dei pazienti»
ESCLUSIVA | Intervista a Jeremias Grenzebach, co-fondatore e core developer del network presente in 20 Paesi, Italia compresa: «Il livello di frammentazione ed il basso grado di industrializzazione del mondo odontoiatrico lo rendono un settore ideale per l’applicazione della Blockchain. Tutti hanno diritto a cure dentistiche di qualità, ma oggi può permettersele solo il 20% della popolazione. Noi intendiamo cambiare questa deplorevole situazione»
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...