Mondo assicurativo 28 Giugno 2016 12:25

Responsabilità professionale sanitaria, la polizza prevede l’estensione alla funzione di direttore sanitario?

Sono un medico anestesista ed esercito la mia attività in Campania come dipendente presso una clinica privata. Recentemente la proprietà mi ha affidato la funzione di Direttore Sanitario della clinica. Da una parte sono compiaciuto per la nomina, dall’altra sono abbastanza preoccupato in quanto ho notato che la mia polizza di responsabilità professionale esclude la […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un medico anestesista ed esercito la mia attività in Campania come dipendente presso una clinica privata. Recentemente la proprietà mi ha affidato la funzione di Direttore Sanitario della clinica. Da una parte sono compiaciuto per la nomina, dall’altra sono abbastanza preoccupato in quanto ho notato che la mia polizza di responsabilità professionale esclude la copertura di tale funzione. Può dirmi se si tratta di una esclusione normale, la motivazione della stessa e se posso superarla includendola tra le garanzie. Grazie.

L’esclusione del rischio della funzione di direttore sanitario risponde ad una logica assicurativa per la quale il contraente assicurato è coperto esclusivamente per le conseguenze dei suoi comportamenti diretti e non per quelli dei propri colleghi e/o collaboratori. In effetti, la responsabilità del direttore sanitario è sempre mediata in relazione a comportamenti colposi attivati da soggetti dei quali esso deve rispondere, spesso anche di natura esclusivamente contabile organizzativa e non sanitaria. Questo non significa che il rischio della Direzione Sanitaria non possa essere assicurato come estensione alla polizza che lei ha in corso. Si rivolga quindi al suo assicuratore per ottenere questa integrazione. Mi permetta comunque di darle un suggerimento supplementare: è apprezzabile il fatto che lei abbia ritenuto di stipulare una propria polizza di responsabilità personale. Le rammento tuttavia che Lei, nella sua qualità di dipendente di una struttura sanitaria privata, ha diritto in forza del contratto nazionale di lavoro di ottenere dal suo datore di lavoro una adeguata copertura assicurativa per la responsabilità professionale riferita alle attività da lei svolte nella struttura, quindi compresa la funzione di direttore sanitario. Questo obbligo da parte del suo datore di lavoro, oggi di natura contrattuale, sarà sancito per legge quando il DL Gelli diventerà legge dello stato. Tutto ciò fino al limite del caso di colpa grave, il cui rischio Lei dovrà provvedere a garantirsi autonomamente.

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...