Mondo assicurativo 18 aprile 2017

Rc professionale e Legge Gelli. «Chi deve aderire a polizza per colpa grave per dipendenti?»

Sono un chirurgo cardiovascolare ed esercito la mia attività esclusivamente presso una struttura accreditata con il SSN in forza di un contratto libero professionale. Vorrei sapere se alla luce della nuova legge, in particolare in base all’Art 7 della stessa, quest’anno posso e debbo aderire alla polizza Rc professionale per colpa grave dei dipendenti. In effetti, […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un chirurgo cardiovascolare ed esercito la mia attività esclusivamente presso una struttura accreditata con il SSN in forza di un contratto libero professionale. Vorrei sapere se alla luce della nuova legge, in particolare in base all’Art 7 della stessa, quest’anno posso e debbo aderire alla polizza Rc professionale per colpa grave dei dipendenti.

In effetti, al fine di darle una risposta compiuta, gli articoli della nuova legge Gelli da prendere in considerazione sono due: l’articolo 7 da lei citato ed anche l’articolo 10. L’articolo 10 comma 1 stabilisce i criteri di attribuzione della Responsabilità: la struttura sanitaria che si avvalga dell’opera di esercenti la professione sanitaria anche se scelti dal paziente ed ancorché non dipendenti dalla struttura stessa risponde delle loro condotte colpose e dolose. L’articolo 10 comma 1 stabilisce invece, in maniera coerente al precedente articolo 7, gli obblighi di assicurazione per le strutture: le strutture sanitarie devono essere provviste di idonea copertura assicurativa o di altre analoghe misure per la responsabilità civile verso i terzi ed i prestatori d’opera………..anche peri danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante  presso le strutture. L’articolo 10 comma 2 stabilisce gli obblighi di assicurazione per i liberi professionisti che svolgano la loro attività all’esterno delle strutture ovvero che si avvalgano delle stesse nell’adempimento delle proprie obbligazioni contrattuali (in altre parole di quei professionisti che si scelgono e/o sono scelti dai pazienti): resta fermo per questi operatori sanitari l’obbligo di assicurazione previsto dal decreto legge del 13 agosto 2011 n. 138 e successive leggi. L’articolo 10 comma 3 infine regolamenta l’obbligo di assicurazione per tutti gli altri operatori presso la struttura sanitaria non in regime di libera professione (in altre parole di quegli operatori sanitari che esercitano l’attività in qualità di dipendenti e non prestando assistenza a pazienti che non hanno scelto e dai quali non sono stati scelti): ciascun esercente la professione sanitaria  che presta la propria opera a qualunque titolo presso una struttura sanitaria – pubblica o privata – provvede alla stipula, con oneri a suo carico di un’adeguata polizza di assicurazione per colpa grave. Richiamato utilmente il dettato della legge Gelli è indubbio che la sua posizione risulta regolamentata ai fini assicurativi dall’articolo 10 comma 3. Lei dovrà pertanto stipulare una polizza che la garantisca da azioni di rivalsa nel caso di sua colpa grave attivate dalla Struttura ove opera ovvero da azioni di surroga attivate dall’assicuratore della stessa che ha liquidato un danno. Ma la legge Gelli, nelle more della emanazione del decreto attuativo che ne deve normare alcuni aspetti essenziali, non ha ancora dispiegato la sua efficacia. Né per altro le compagnie di assicurazione, in attesa di tale decreto, hanno predisposto l’idoneo prodotto assicurativo per la colpa grave. Siamo quindi in una situazione transitoria, speriamo breve. Per altro sul mercato assicurativo esiste da tempo la copertura assicurativa per la colpa grave degli professionisti sanitari operanti presso le strutture del SSN. Ma, a nostro parere, questa copertura non è adeguata  alla sua posizione in quanto il  rapporto di servizio con il SSN riguarda la sua struttura privata e non lei direttamente.  Non rimane quindi che attendere un po’ di tempo. Spero di averle illustrato in maniera chiara la situazione.

 

 

Articoli correlati
FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici
Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Il ministro Grillo incontra i rappresentanti del Patto delle Società Scientifiche: impegno per accreditamento, linee guida e decreto assicurazioni
Tra gli obiettivi dell'incontro, la piena attuazione della Legge Gelli, l’analisi dell’evoluzione epidemiologica nazionale, la definizione dei criteri per il calcolo dei fabbisogni di personale specialistico, la programmazione delle reti formative post-laurea, l’analisi dei bisogni di informatizzazione e innovazione tecnologica e la definizione degli standard appropriati a sostenere la prevenzione, le cure materno-infantili, le cure oncologiche, le terapie chirurgiche e interventistiche e le cure intensive
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...