Mondo assicurativo 8 Maggio 2017

Perché con la ‘Legge Gelli’ le strutture sanitarie provvedono all’assicurazione dei collaboratori non dipendenti?

Sono il titolare di un centro diagnostico e ambulatoriale in provincia di Bari; nella mia attività mi servo di 15 operatori sanitari dei quali 10 medici  con i quali ho stipulato un rapporto di collaborazione con pagamento a presentazione di fattura. Ho in corso una polizza di responsabilità professionale personale che si riferisce alla mia […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono il titolare di un centro diagnostico e ambulatoriale in provincia di Bari; nella mia attività mi servo di 15 operatori sanitari dei quali 10 medici  con i quali ho stipulato un rapporto di collaborazione con pagamento a presentazione di fattura.

Ho in corso una polizza di responsabilità professionale personale che si riferisce alla mia attività di ginecologo. Non ho invece mai sottoscritto una polizza per la mia struttura. Ho concordato infatti da sempre con i miei collaboratori che essi dovessero provvedere a loro spese alla loro copertura assicurativa. Ora invece sono stato sollecitato dai miei collaboratori ad accendere una polizza globale dello studio che comprenda anche le loro persone. Tutto questo, mi si dice, in obbedienza a quanto previsto dalla nuova legge sulla responsabilità medica.

Potrei anche condividere l’obbligo per la mia struttura ad assicurare la responsabilità dei propri dipendenti. Non comprendo invece la ratio della obbligatorietà estesa ai semplici collaboratori.

Può spiegarmela per cortesia questa ratio, sempre che ce ne sia una!

 

In primo luogo non è inutile ricordare che la nuova legge Gelli è stata emanata con la finalità principale della tutela del paziente, sia essa riferita ad una maggior sicurezza nelle prestazioni sanitarie, sia tramite la previsione della obbligatorietà della assicurazione da parte degli esercenti la professione sanitaria. Su questo presupposto la legge ha ritenuto di dover fare piena chiarezza estendendo la responsabilità della Struttura sanitaria, già effettiva riguardo i dipendenti, ai comportamenti dannosi dei semplici collaboratori.

In forza di questa impostazione di legge pertanto il paziente non deve effettuare alcuna preventiva verifica della tipologia di rapporto lavorativo che lega l’operatore sanitario alla struttura al quale si è rivolto. Il paziente non è tenuto a sapere se l’operatore sanitario sia un dipendente ovvero un collaboratore. Comunque questa circostanza deve essere per lo stesso ininfluente. Egli si è rivolto infatti alla struttura, concludendo con questa un contratto per l’ottenimento di prestazioni (siano queste diagnostiche, terapeutiche o ambulatori) e conseguentemente proprio la struttura è  la naturale interfaccia alla quale egli può e deve rivolgersi in caso di danno.

Questa è la ratio che ha suggerito al legislatore di assimilare in termini di responsabilità professionale la posizione dei collaboratori a quella dei dipendenti. In effetti la differenza non sta nella tipologia del rapporto contrattuale tra operatore e struttura ma in un’altra circostanza ben più essenziale. Ci si deve infatti chiedere con chi il paziente abbia instaurato il rapporto. Nel caso in cui tale rapporto si sia instaurato con la struttura (pertanto egli non ha scelto l’operatore sanitario ma ha scelto la struttura) è conseguente che la struttura debba rispondere dei comportamenti colposi dell’operatore e quindi assicurarlo. Al contrario, ove si sia instaurato un rapporto diretto tra paziente ed operatore sanitario, e quest’ultimo abbia fatto soltanto uso dei locali ed attrezzature della struttura, allora la posizione dell’operatore sanitario è quella tipica di un libero professionista che sta utilizzando locali e attrezzature della struttura. In questo caso egli pienamente responsabile dei suoi comportamenti e deve provvedere a sue spese a stipulare una polizza di responsabilità professionale.

Concludo con due importanti precisazioni.

In primo luogo la legge consente alle Strutture sanitarie di mettere in atto soluzioni alternative all’assicurazione. In altre parole questo vuol significare che le Strutture possono scegliere di non assicurarsi provvedendo però ad accantonare Fondi finanziari a copertura dei rischi e dei danni verificatisi, fondi che debbono trovare evidenza contabile nei bilanci delle Strutture stesse. Ovviamente l’adozione di questa alternativa non modifica assolutamente la esposizione della Struttura in termini di responsabilità.

In secondo luogo la nuova legge non ha inteso concedere la impunità totale ai dipendenti e collaboratori   delle strutture. Essi infatti possono essere sempre chiamati a rifondere la Struttura e/o l’Assicuratore per quanto questi abbiano liquidato al paziente per un danno provocato da colpa grave dell’operatore sanitario. Ne consegue che un obbligo assicurativo esiste anche per gli operatori sanitari, dipendenti e non.

Essi pertanto devono provvedere a munirsi di una polizza di responsabilità professionale proprio a tutela della eventuale azione di rivalsa che potrebbe raggiungerli da parte della loro Struttura e/o della compagnia di assicurazione.

 

Articoli correlati
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente
Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell'unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone