Mondo assicurativo 11 maggio 2016

Il “fatto noto” antecedentemente alla stipula della polizza

Sono un ortopedico, dirigente sanitario del  SSN fino a qualche tempo fa in regime intramoenia. Ho deciso con l’inizio di quest’anno di passare all’attività extramoenia. Conseguentemente ho provveduto a modificare la mia polizza di responsabilità professionale, limitata al caso di danno erariale per colpa grave, adeguandola alla copertura estesa del libero professionista, pur conservando la […]

di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura

Sono un ortopedico, dirigente sanitario del  SSN fino a qualche tempo fa in regime intramoenia. Ho deciso con l’inizio di quest’anno di passare all’attività extramoenia. Conseguentemente ho provveduto a modificare la mia polizza di responsabilità professionale, limitata al caso di danno erariale per colpa grave, adeguandola alla copertura estesa del libero professionista, pur conservando la garanzia relativa alla colpa grave. Ho letto attentamente le clausole della nuova polizza e  credo di essermi reso conto di una insidia forte riguardante proprio la efficacia della garanzia “colpa Grave”. Infatti la mia precedente polizza limitava la definizione di “fatto/circostanza” all’invito a dedurre da parte della corte dei conti ovvero dalla richiesta formale dell’Ente di appartenenza. Pertanto questi due casi specifici avevano la valenza  di rendere inefficace la mia copertura assicurativa. Invece la nuova polizza prevede una definizione generica quale: la conoscenza di ogni fatto o circostanza che potrebbe far presumere il successivo ricevimento di una richiesta di risarcimento”. Questa formula, mentre è accettabile pur nella sua indeterminatezza relativamente alle richieste di risarcimento relativa alla mia attività libera professionale extra-moenia, costituisce a mio parere un passo indietro della precedente definizione e  vanifica quasi totalmente l’efficacia della copertura. Vorrei conoscere la sua opinione. Ritiene che la mia sia un’osservazione fondata? Ovvero ormai le mie precedenti esperienze con gli assicuratori mi hanno reso troppo sospettoso!?

Io ritengo che la sua osservazione sia condivisibile. La definizione  prevista riguardo i fatti può essere sicuramente motivo di conflitti interpretativi in caso di danno. Le suggerisco pertanto di chiedere al suo assicuratore la emissione di un appendice alla polizza nella quale si specifici la definizione di fatto noto limitatamente al caso di Colpa grave riprendendo il testo che lo limita ai due casi di cui sopra ( invito a dedurre della corte dei conti ovvero richiesta formale dell’Ente di appartenenza. E complimenti per la “finezza” del quesito.

Articoli correlati
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
Quando la compagnia cambia unilateralmente i termini della stipula
Sono un ortopedico libero professionista assicurato da molti anni per la mia responsabilità professionale con una grande compagnia di assicurazione con la quale ho stipulato anche tutte le mie altre polizze personali. Quest’anno la compagnia mi ha comunicato di non poter più rinnovare la polizza di responsabilità professionale alle medesime condizioni in corso dal 2005 […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
I danni coperti da una polizza di responsabilità professionale
___
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
La copertura assicurativa personale in uno studio strutturato
___
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
Inefficacia della copertura per mancato pagamento del premio
Sono un odontoiatra ed ho in corso da anni una polizza per la mia responsabilità professionale con una primaria compagnia di assicurazione. La mia polizza scade il 31 dicembre di ogni anno, e quest’anno, di ritorno dopo due settimane di vacanza in concomitanza del capodanno ho trovato l’avviso di scadenza e di pagamento della rata. […]
di Ennio Profeta - consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila