Mondo assicurativo 4 Aprile 2017

La nuova legge Gelli e la colpa grave dei sanitari che operano nelle strutture private

Sono un odontoiatra che lavora presso uno grande studio dentistico di Milano. Il mio rapporto di lavoro è regolamentato da un rapporto di collaborazione continuativo con pagamento del mio compenso a presentazione di fattura. Avevo aderito a questa formula in quanto, appena dopo la specializzazione, ritenevo di poter integrare i miei guadagni con una parallela […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un odontoiatra che lavora presso uno grande studio dentistico di Milano. Il mio rapporto di lavoro è regolamentato da un rapporto di collaborazione continuativo con pagamento del mio compenso a presentazione di fattura. Avevo aderito a questa formula in quanto, appena dopo la specializzazione, ritenevo di poter integrare i miei guadagni con una parallela attività libero professionale con miei clienti personali che il titolare dello studio mi aveva permesso di ricevere in studio entro un limite temporale giornaliero. Purtroppo i clienti personali non sono arrivati e quindi in pratica oggi sono un dipendente dello studio remunerato in base alle prestazioni da me effettivamente eseguite. Per altro nell’accordo stipulato  a suo tempo con il titolare è previsto che io debba provvedere a mie spese alla copertura assicurativa della mia responsabilità professionale. Ho letto in questi giorni che la nuova legge Gelli avrebbe innovato qualcosa in termini di obbligo assicurativo. Mi può spiegare di cosa si tratta e se l’innovazione riguarderà anche la mia posizione?

 

Sì. La Legge Gelli in effetti la riguarda direttamente in quanto innoverà parecchio riguardo non soltanto l’ampiezza della responsabilità del professionista ma anche relativamente ai suoi obblighi assicurativi.

In questo senso l’art. 10 comma 1. della legge risulta chiarissimo. Esso recita in questo modo “le strutture sanitarie […] devono essere provviste di copertura assicurativa per la responsabilità civile […] anche per danni cagionati dal personale a qualunque titolo operante presso le strutture…”

Questo significa che la sua struttura dovrà provvedere con oneri a suo carico a stipulare una copertura assicurativa comprensiva della responsabilità personale di ogni professionista sanitario a qualsiasi titolo operante al suo interno, quindi comprese le posizioni come la sua.

Il medesimo art. 10 al comma 3. stabilisce inoltre che ciascun operatore sanitario attivo all’interno di una struttura sanitaria, essendo comunque responsabile dei danni cagionati a terzi in caso di colpa grave, deve munirsi obbligatoriamente di una polizza di responsabilità limitata proprio al caso di rivalsa per colpa grave esercitata dall’azienda o dall’assicuratore aventi interesse a recuperare quanto versato al danneggiato.

In sostanza il legislatore, su questo tema, ha equilibrato le posizioni del professionista sanitario non distinguendo tra ambito pubblico e privato.

Ma, concludo, la legge non è attualmente operativa in quanto siamo in attesa di un decreto attuativo che ne regolamenti ogni aspetto, ivi compreso quello della colpa grave. D’altra parte, se Lei provasse oggi a chiedere ad un Assicuratore la stipula di una polizza di Rc per la sua colpa grave, lei si sentirebbe rispondere che questo tipo di copertura non è ancora disponibile.

Aspettiamo pertanto con pazienza la emissione di questo decreto attuativo, non mancando di pregare che esso non subisca la sorte di quelle della legge del 2011, atteso invano per 6 anni.

Articoli correlati
Decreti attuativi Legge Gelli, ecco i temi. Rischio rivalse delle assicurazioni per chi non è in regola con ECM
Dai requisiti delle polizze assicurative alle regole per le strutture che si auto-assicurano, i contenuti principali dei quattro decreti attuativi della Legge sulla responsabilità professionale di medici e professionisti sanitari. Nodo ECM: le assicurazioni potranno rivalersi sui medici non in regola con l’obbligo formativo, ma da più parti si chiede inversione del sistema e introduzione di meccanismi premiali      
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente
Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell'unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone