Mondo assicurativo 19 Maggio 2015 13:13

Il mondo delle assicurazioni, responsabilità professionale: facciamo chiarezza

L’importanza degli atti e delle dichiarazioni precontrattuali

di Assicurazione

Sono una pediatra libera professionista ed esercito presso un’azienda ospedaliera pubblica. Alcuni mesi fa ho sottoscritto una polizza assicurativa per la responsabilità professionale con la stessa compagnia con cui ho assicurato la mia macchina. La polizza copre la mia attività di pediatra libero professionista. Prima di sottoscriverla ho risposto ad un questionario che l’Assicuratore mi ha posto. Di recente ho ricevuto un avviso di garanzia per un grave problema su un bimbo prematuro verificatosi in sala parto, dove ero presente, ma esclusivamente per eventuali interventi di terapia intensiva. Ho denunciato l’accaduto inviando copia dell’avviso di garanzia ricevuto alla Compagnia, ma questa mi ha comunicato di non poter prendere carico del sinistro, essendo la mia attività diversa da quella dichiarata in sede di stipula della polizza. Io risposi in modo preciso a quel questionario: dove ho sbagliato, se ho sbagliato? Come posso difendermi?

Lei non ha sbagliato in nulla, purché abbia compilato in maniera completa e veritiera il questionario che le è stato sottoposto, e che le attività complementari da Lei esercitate subito dopo il parto siano coerenti alla specializzazione di pediatra. E’ normale che le Compagnie di assicurazione raccolgano, prima della stipula della polizza, tutte le informazioni che ritengono necessarie ed utili per la miglior identificazione e valutazione del rischio. Sulla base di tale questionario la Compagnia ha “assunto il rischio”. Ferme le due condizioni sopra descritte, lei non è responsabile di non aver risposto a domande che non le sono state poste. Lei quindi ha il diritto/dovere di resistere alla decisione della Compagnia. Pertanto, se venisse citata dai genitori del bimbo in sede civile dovrà costituirsi in giudizio chiamando “in manleva la Compagnia di assicurazione; in altre parole coinvolgendo nella causa l’Assicuratore con il quale ha coperto la sua responsabilità professionale. Spesso, purtroppo, l’intermediario non è adeguato al compito che sta svolgendo e, come in questo caso, ci si accorge di questo solo quando arriva la richiesta di risarcimento. Senza entrare nel merito, la vendita di polizze Auto è materia diversa dalla consulenza sui rischi professionali. E’ opportuno, pertanto, che un medico si rivolga ad uno specialista del settore. Questo non si limiterà a far compilare e sottoscrivere un questionario ma avrà l’obbligo di comprendere la situazione di rischio effettiva  del professionista coniugandola con le esigenze informative della Compagnia.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Assicurazione sanitaria per i camici bianchi, le novità riservate ai soci Enpam
La polizza SaluteMia si allarga ai familiari non conviventi e agli studenti. Vediamo cosa prevede e come accedervi
Niente copertura assicurativa senza aggiornamento, Formazione nella Sanità: «Soddisfatti, ora applicazione rapida»
Il presidente dell'Associazione dei Provider Colombati: «Finalmente riconosciuta anche dal Parlamento l’importanza della formazione continua in medicina. Ora chiediamo che la nuova legge venga resa operativa al più presto»
Perché per la responsabilità medica le compagnie offrono solo polizze con claims made?
I motivi che hanno spinto le compagnie assicurative a passare dal regime della loss occurrence a quello della claims made
di Cristina Lombardo, Avvocato operante nell’ambito della RC medica, e Attilio Steffano, Presidente Assimedici e CEO HSM
Clausola Claims Made: quando e perché un sinistro è risarcibile
Come funziona la clausola Claims Made? Quando un sinistro è risarcibile e quando non lo é? Quello che è necessario sapere
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Effetto Covid, per i medici fino al 25% di guadagni in meno e aumento spese per assicurazioni
Secondo il primo rapporto Univadis Medscape in Italia, i medici hanno speso in media 1.200 euro per Dpi e 6 su 10 hanno deciso di stipulare un’assicurazione integrativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa