Mondo assicurativo 6 Dicembre 2016 13:11

Come funziona realmente la polizza dell’assistenza legale?

Sono un ortopedico libero professionista. Ho stipulato con il medesimo assicuratore sia una polizza a garanzia della mia responsabilità professionale che una polizza di assistenza legale. La seconda copertura è stata da me stipulata proprio su suggerimento del mio assicuratore. Per Lui non è stato difficile convincermi del fatto che fosse preferibile scegliermi in caso […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un ortopedico libero professionista. Ho stipulato con il medesimo assicuratore sia una polizza a garanzia della mia responsabilità professionale che una polizza di assistenza legale. La seconda copertura è stata da me stipulata proprio su suggerimento del mio assicuratore. Per Lui non è stato difficile convincermi del fatto che fosse preferibile scegliermi in caso di necessità un mio legale di fiducia piuttosto che affidarmi soltanto a quello della compagnia di assicurazione. Invece alla prima occasione ho scoperto che la mia polizza di assistenza legale è efficace soltanto ad esaurimento del massimale della polizza di responsabilità professionale: in pratica mai; in sostanza la somma massima messa a disposizione nella polizza di responsabilità (€ 500.000,00) è difficilmente superabile! Non sembra anche a Lei che questo particolare svuoti quasi del tutto la sostanza della copertura?  

Mi viene difficile dissentire dal suo pensiero! In effetti tutte le polizze di tutela Legale prevedono questa clausola c.d. di “2° Rischio”. Meno facile invece è per me dare le motivazioni e la ratio di questo approccio assunto dagli assicuratori. Se fossi un cliente assicurato, e non un frequentatore di questioni assicurative, non riuscirei a comprendere il motivo per il quale a fronte del pagamento di un premio pieno si debba ricevere una garanzia assicurativa residuale. In pratica la effettiva integrale assistenza legale si riferisce essenzialmente soltanto al caso della responsabilità penale per la quale per principio è inibita la copertura assicurativa. Conseguentemente, non potendo esserci una polizza di responsabilità penale, la assistenza legale opera in maniera diretta ed immediata.

Concludo ricordando che l’assicurazione dell’assistenza legale può contenere tuttavia una   reale valenza per il medico anche nell’area della responsabilità civile e contabile amministrativa ove la polizza preveda il rimborso delle spese legali in caso di chiamata in causa dell’assicuratore non costituitosi in giudizio. Infatti allo stato può verificarsi che l’Assicuratore, per una propria valutazione, decida di non costituirsi in giudizio abbandonando l’assicurato al suo “destino processuale”. La copertura delle spese dell’azione di manleva, quando prevista nella polizza, colma quindi una lacuna importante. Ma quando il disegno di legge Gelli diventerà legge allora questa garanzia perderà la sua importanza. Infatti tra le norme innovative più importanti il D.L. prevede la possibilità dell’azione diretta del terzo danneggiato nei confronti della compagnia di assicurazione. Una ottima iniziativa coerente all’istituto della obbligatorietà dell’assicurazione e della tutela non soltanto dei terzi ma anche dei medici assicurati.

 

Articoli correlati
Risk Management in sanità, ecco le priorità nel post pandemia
Nel webinar organizzato da Big Data in Health Society emerge l’esigenza di promuovere consapevolezza sull’importanza dei dati nella gestione del rischio
Quali sono le regole che il Provider deve adottare in riferimento alla Pubblicità?
Durante lo svolgimento dell’evento, la pubblicità di prodotti di interesse sanitario è consentita esclusivamente allo sponsor dell’evento al di fuori delle aree in cui vengono esposti i contenuti formativi. Durante lo svolgimento dell’evento, è consentita l’indicazione del principio attivo dei farmaci o del nome generico del prodotto di interesse sanitario. Non può essere indicato alcun […]
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Specialisti spostati in altri reparti a causa dell’emergenza Covid, il Consiglio di Stato rimette tutto in discussione
Una recente pronuncia sancisce un importante principio per il personale sanitario adibito, durante l’emergenza da Covid-19, a prestazioni che esulano dalla specializzazione conseguita. L’intervista all’esperto
Vorrei cambiare compagnia assicurativa, posso mantenere la retroattività?
Nel momento in cui dovesse cambiare la compagnia assicurativa, è di fondamentale importanza concordare con la nuova compagnia un adeguato periodo di retroattività, onde evitare “buchi temporali” di copertura. Alcune compagnie, per determinate attività professionali, consentono il mantenimento della retroattività vigente sulla precedente polizza, in modo tale da garantire all’assicurato una copertura senza soluzione di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco