Mondo assicurativo 12 Settembre 2016 12:21

Fatti contabili amministrativi: la polizza per colpa grave non basta

Ma un dirigente medico sanitario del Ssn può essere chiamato a rispondere per responsabilità contabile amministrativa? Sono stato da poco nominato direttore di presidio in un’azienda ospedaliera laziale. Il mio assicuratore, con il quale in passato stipulai una polizza a copertura della mia responsabilità per colpa grave, mi ha informato del fatto che dovrei ampliare questa […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Ma un dirigente medico sanitario del Ssn può essere chiamato a rispondere per responsabilità contabile amministrativa? Sono stato da poco nominato direttore di presidio in un’azienda ospedaliera laziale. Il mio assicuratore, con il quale in passato stipulai una polizza a copertura della mia responsabilità per colpa grave, mi ha informato del fatto che dovrei ampliare questa polizza estendendola anche alla copertura dei danni di natura contabile amministrativa. Mi fido del mio assicuratore ma proprio non riesco a capire cosa mai c’entri la professione del medico con i fatti contabili amministrativi. Gradirei che lei mi spiegasse questo aspetto, poco comprensibile.

 

Un pubblico dipendente, come Lei è, risponde dei danni di qualsiasi natura che possa procurare a terzi ovvero all’Ente di appartenenza o alla P.A. ( in ogni caso limitatamente al caso di accertata colpa grave). Tutto questo in base al codice civile ed alle leggi che regolamentano i rapporti tra dipendenti e Pubblica amministrazione. I danni procurati possono essere individuati in due grandi categorie: in primo luogo quelli fisico/materiali che più direttamente attengono alla professione del medico (il danno procurato all’integrità fisica del paziente) e le loro eventuali conseguenze di natura patrimoniale; in secondo luogo i danni di natura puramente patrimoniali (quelli che si verificano a prescindere da un danno di natura fisico/materiale). Orbene, nella sua qualità di direttore di presidio, lei gestisce beni e risorse umane appartenenti alla Pubblica Amministrazione. Conseguentemente lei è responsabile nei confronti del suo Ente in caso di erronea e quindi dannosa gestione di tali risorse. La polizza per colpa grave da lei stipulata copre il danno di natura fisico/materiale, quello di natura tipicamente sanitaria. Pertanto, ove ritenga di garantirsi anche di quel ulteriore profilo di rischio riveniente dalla sua funzione di gestore di risorse pubbliche, dovrà stipulare un’altra polizza, in verità di un costo veramente contenuto. In tal la sua copertura sarà effettivamente integrale:

  • La polizza incorso per colpa grave sanitaria (a copertura dei danni di carattere fisico e materiale)
  • Una nuova polizza per colpa grave contabile amministrativa (a copertura dei danni puramente patrimoniali)
Articoli correlati
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla medicina territoriale all’infermiere di comunità, tutte le riforme a rischio con la crisi di governo
La fine anticipata della legislatura, sempre più probabile dopo le dimissioni di Mario Draghi, rischia di fermare molti disegni di legge all’esame del Parlamento: dallo psicologo delle cure primarie al budget di salute fino alle norme sulla Concorrenza. La crisi rischia di ritardare anche alcuni decreti attuativi come quelli per le malattie rare e per i ristori ai sanitari deceduti per il Covid
di Francesco Torre
Zuccarelli (OMCeO Napoli): «Sanità a rischio collasso, subito quarta dose e assunzioni»
«Tra Covid-19 e fuga dagli ospedali pubblici il personale è all'osso. Rischiamo un autunno drammatico»
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...