Mondo assicurativo 31 ottobre 2016

La copertura assicurativa del direttore sanitario di struttura privata

Sono un cardiologo e sono occupato in maniera continuativa presso una struttura sanitaria. Il mio rapporto lavorativo con la clinica è regolato da un contratto di lavoro subordinato nel quale mi è stata assegnata anche la responsabilità di direttore sanitario. La polizza di assicurazione che copre la responsabilità civile della struttura sanitaria non comprende la […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un cardiologo e sono occupato in maniera continuativa presso una struttura sanitaria. Il mio rapporto lavorativo con la clinica è regolato da un contratto di lavoro subordinato nel quale mi è stata assegnata anche la responsabilità di direttore sanitario. La polizza di assicurazione che copre la responsabilità civile della struttura sanitaria non comprende la mia responsabilità professionale nella mia qualità di responsabile sanitario. Incidentalmente, anche la mia polizza personale non contiene questa garanzia. A mio parere questa esclusione appare inspiegabile in quanto questa responsabilità è strettamente connessa a quella propria della struttura. Lei ritiene che sia legittimo il comportamento dell’Assicuratore? In tal caso, gradirei conoscerne le motivazioni e come posso superare questa lacuna della mia copertura.

Cerco in primo luogo di inquadrare i termini della questione e quindi darle la risposta più adeguata. In primo luogo si conviene comunemente che un direttore sanitario di struttura sia un medico che assume su di sè la responsabilità degli aspetti organizzativi ed igienico/sanitari della stessa garantendone il corretto governo clinico. La sua responsabilità pertanto va ben oltre quella del medico il quale opera e risponde per gli effetti dannosi dei suoi comportamenti individuali. Il direttore sanitario invece risponde di eventi dannosi che, pur scaturiti da fatti al quale è direttamente estraneo, risalgono ad un difetto organizzativo, ad insufficiente vigilanza e/o erroneo orientamento e guida. Esiste comunque la possibilità di estendere la copertura assicurativa alla funzione di direttore sanitario nelle due tipologie di polizze, quella della struttura sanitaria e quella individuale del medico. Quanto alla polizza della struttura, rammento che, in forza del CCNL di settore, l’azienda è obbligata a stipulare una polizza di responsabilità civile che comprenda anche i sanitari dipendenti. Questa regola è stata rafforzata dal disposto del D.L. 90 convertito in legge il 19 agosto del 2014. Incidentalmente tale tutela non opera invece per i medici non dipendenti che operano presso le strutture sanitarie private in forza di un rapporto professionale. Lei invece, in quanto dipendente, si colloca proprio nella fattispecie di maggior tutela. Sarà pertanto necessario richiedere una esplicita estensione all’Assicuratore per la copertura del rischio della responsabilità personale del direttore sanitario. Si tratta di una estensione che, preciso, potrà anche essere non concessa ovvero richiedere il pagamento di un premio supplementare. Quanto alla polizza di responsabilità individuale di un medico, il quale svolge anche la funzione di direttore sanitario: il medico dovrà richiedere una esplicita estensione di garanzia a tale funzione. Purtroppo non tutti gli assicuratori sono disponibili a concedere questa estensione di garanzia. Concludo rammentando che questa estensione rimane comunque limitata alla copertura dei danni fisici o materiali (cioè quelli tipici dell’attività sanitaria). Invece i danni di natura puramente patrimoniale, quelli causati da errori di natura manageriale/organizzativa, non vengono ricompresi nelle garanzie. Ma questo è un altro discorso del quale parlerò prossimamente.

Articoli correlati
Prima assemblea nazionale di tutte le professioni sanitarie e sociali, sei richieste per una sanità universalistica e uguale per tutti
I rappresentanti di oltre un milione e mezzo di professionisti hanno presentato un Manifesto con gli impegni che chiedono a Governo e Regioni: intensificare la collaborazione con le professioni sanitarie e sociali, valutare rischi e benefici dell'autonomia differenziata, superare le differenze tra i sistemi sanitari regionali, rispettare l'uguaglianza, la solidarietà, l'universalismo e l'equità alla base del SSN | GLI INTERVENTI
di Buquicchio, Cavalcanti, Cedrone
Sanità Regioni, la proposta di Sileri: «Serve commissariamento ‘chirurgico’ solo su aspetti che vanno male». Luca Coletto: «In Patto Salute nuove modalità»
Il Presidente della Commissione Sanità del Senato sottolinea: «Non ha senso commissariare l'intero settore Sanità di una Regione quando ci sono strutture che vanno male e altre che invece funzionano benissimo. Serve un accordo su qualità e meritocrazia». E anche il Sottosegretario alla Salute parla di «verifica straordinaria, che individui le disfunzioni persistenti sulle quali intervenire e soltanto dopo saremo in grado di stabilire l'intensità del commissariamento di cui la regione necessita»
Blockchain, Scaccabarozzi (Farmindustria): «Tecnologia utile anche per farmacovigilanza e ricerca staminali»
Il Presidente degli industriali farmaceutici al convegno in Senato promosso dal presidente della Commissione Sanità Pierpaolo Sileri e da realtà come Consulcesi Tech. «È bene che se ne cominci a parlare, anche se siamo in una fase molto iniziale. Bene anche l’uso per la ricerca come quella sulle cellule staminali», sottolinea a Sanità Informazione
Con autonomia differenziata 21 Sistemi sanitari diversi? Razza (Assessore Salute Sicilia): «Nessun rischio con coordinamento Regioni»
L’assessore alla Salute della Regione governata da Nello Musumeci spiega ai nostri microfoni cosa si aspetta dal Governo dopo il tavolo di trattativa avviato con le Regioni del Nord. «Sud venga messo in condizione di crescere»
Salute, De Poli (Udc): «Serve Piano Marshall per ‘nuova primavera’ sanità italiana»
«Il Servizio Sanitario nazionale ha da poco compiuto i 40 anni. Nonostante i limiti presenti e passati, rimane uno tra i migliori al mondo. C’è un ‘ma’. Oggi dobbiamo chiederci cosa fare per mantenere questo modello sostenibile, considerando la stagione dei tagli in sanità, gli aumenti dei costi dovuti all’invecchiamento della popolazione e all’aumento della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...