Meteo 24 Ottobre 2017

Napoli, è allarme AIDS. +20% rispetto allo scorso anno, studenti under 30 i più colpiti

Ritorna lo spettro del virus dell’Hiv a Napoli, soprattutto tra i giovani etero. Come riporta Il Mattino, nel 2017 l’Ospedale dei Colli ha registrato un aumento dei casi del 20% rispetto al 2016. Le cause? Disinformazione, poca prevenzione e l’incoscienza tipica dell’età.  Molti adolescenti non considerano più l’AIDS come una malattia mortale perché è curabile […]

Ritorna lo spettro del virus dell’Hiv a Napoli, soprattutto tra i giovani etero. Come riporta Il Mattino, nel 2017 l’Ospedale dei Colli ha registrato un aumento dei casi del 20% rispetto al 2016. Le cause? Disinformazione, poca prevenzione e l’incoscienza tipica dell’età.  Molti adolescenti non considerano più l’AIDS come una malattia mortale perché è curabile e sottovalutano il rischio; è vero che le terapie oggi permettono di vivere anche a lungo ma non è una patologia guaribile. Il virus non è più percepito come un allarme sociale ed il problema del contagio a Napoli, e in tutta la Campania, sta tornando di grande attualità. È ciò che sostiene Massimo Sardo, dirigente medico dell’azienda ospedaliera dei Colli di Napoli intervenendo a margine della manifestazione “Oggi si recita l’HIV” – ultima tappa del progetto “HImoVie”, ideato dall’associazione Arcobaleno Aids e con il patrocinio del Comune di Napoli e del Dipartimento delle Pari Opportunità.

«I ragazzi che arrivano da noi il più delle volte hanno meno di 30 anni: se riuscissimo ad intercettare i pazienti in modo precoce scopriremmo che l’età del contagio è anche più bassa. Del resto ci si espone al rischio il più delle volte con l’inizio dell’attività sessuale» dichiara il Professor Sardo, aggiungendo: «Molti sono studenti universitari, o frequentano ancora i banchi di scuola» precisa. Lo specialista si dimostra seriamente preoccupato dal fatto che «sono pochi a fare il test per l’Hiv dopo aver avuto rapporti a rischio» e per questo spesso la diagnosi è tardiva: «Oltre la meta dei pazienti arrivano alla nostra osservazione già in fase avanzata di infezione a dimostrazione che il test per l’Hiv è una scelta spesso tardiva e che campagne informative per far conoscere la presenza ancora attuale, e combattere gli episodi discriminatori ancora oggi presenti, sono necessarie» conclude.

 

 

Articoli correlati
De Luca in visita al Pronto soccorso del CTO di Napoli
Mercoledì, 19 giugno, alle ore 11.00, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, visiterà il Pronto soccorso dell’Ospedale CTO, in viale Colli Aminei 21 a Napoli ad un anno dall’apertura. Successivamente, presso l’Aula Magna dell’espedale, saranno presentati i dati relativi al primo anno di attività del Pronto soccorso. All’evento saranno presenti i vertici dell’Azienda […]
La Sanità campana e i big data: la sfida per migliorare sistema sanitario regionale è già partita
Il mondo della Sanità, delle Istituzioni e delle imprese si è incontrato l’8 maggio presso il CFS di Napoli il convegno “Big data in Sanità”. Il convegno, promosso dalla rete di imprese Parsec Hub, Digital Innovation Hub di Compagnia delle Opere, ha raccontato quella che rappresenta la nuova sfida del sistema sanitario nazionale e regionale, […]
Tumori, successo in tutta Italia per “Ricomincio da Me”: così le donne si riappropriano della loro femminilità
L’iniziativa ad opera della farmacista napoletana Myriam Mazza, nominata "Farmacista dell'anno 2019": «Con un’alta formazione e competenze scientifiche vogliamo essere accanto alle donne in una fase molto delicata della loro vita»
Autismo, nuove prospettive per l’inserimento nel mondo del lavoro
Tavola Quadrata di FIMP a Napoli per promuovere relazioni sociali e employability. In programma un progetto di job guidance in collaborazione con Unione Industriali di Napoli
Aggressioni ai medici, a Boscotrecase parenti di una donna deceduta ‘assaltano’ Medicina d’urgenza: macchinari distrutti e operatori feriti
Giornata di follia al nosocomio in provincia di Napoli: i Carabinieri intervenuti hanno identificato due figli della donna: un 24enne che, nonostante la presenza dei militari, ha continuato a prendere a pugni il muro di una stanza e ha rovesciato a terra una scrivania, e un 30enne sorpreso mentre rovesciava gli armadietti di una stanza riservata ai medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...