Meteo 26 novembre 2018

Erba, ecco l’ambulatorio “ospitale” per persone con gravi disabilità

«È diritto di ogni individuo godere di una accoglienza che garantisca un percorso diagnostico tempestivo con un orientamento ed un programma terapeutico adeguati. Per i pazienti disabili l’accesso a tali percorsi spesso si rivela ancor più problematico». Con queste parole Pierpaolo Maggioni, direttore sanitario dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (Como)  annuncia una riorganizzazione del servizio delle […]

«È diritto di ogni individuo godere di una accoglienza che garantisca un percorso diagnostico tempestivo con un orientamento ed un programma terapeutico adeguati. Per i pazienti disabili l’accesso a tali percorsi spesso si rivela ancor più problematico». Con queste parole Pierpaolo Maggioni, direttore sanitario dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (Como)  annuncia una riorganizzazione del servizio delle prestazioni ambulatoriali, sul piano diagnostico e delle visite specialistiche «al fine facilitare l’accesso a tutti coloro che trovavano difficoltà nell’usufruire dei normali percorsi diagnostici e terapeutici. Si è progettata una corsia privilegiata per i disabili – saranno accolti, accompagnati e visitati in fasce orarie dedicate a loro, grazie alla disponibilità di tutto il personale dei reparti ospedalieri».

Il nuovo modello organizzativo si chiama Ambulatorio Ospitale e, nello stile del Fatebenefratelli, consente di adattare ad ogni singolo paziente il percorso, ponendo un’attenzione “centrale” alla persona disabile ed ai problemi di tutto il nucleo di persone che quotidianamente vive con lui. La presa in carico viene attivata tramite un modulo elettronico e la contestuale ricetta di esame/visita inviati dal medico di famiglia all’ospedale. Vengono così programmate le prestazioni da erogare, assegnato un operatore sanitario al malato e predisposte le eventuali strumentazioni di supporto. Il paziente è così accolto e accompagnato dal suo ingresso in struttura fino all’uscita. Inoltre verrà assistito anche durante l’eventuale pagamento del ticket, l’attesa, la visita e il ritiro dei referti. Il servizio è gratuito, mentre le visite sono soggette a ticket. Ovviamente, l’impegno richiesto all’Ospedale è maggiore ma viene supportato da un accordo operativo con l’Ordine dei Medici della provincia di Como e gli Infermieri di famiglia, un servizio promosso dalla cooperativa Biancospino e dalla Bcc dell’Alta Brianza.

«Questo progetto pilota ci permetterà di vagliare quanto sia utile anche all’ospedale segmentare l’offerta di servizi secondo le diverse categorie di pazienti ed estendere l’accordo anche ad altri Ordini dei Medici». Saranno infatti i medici di famiglia a valutare quando prospettare al disabile questo tipo di servizio ed eventualmente attivare la procedura di domanda. Al momento, non essendoci un servizio di Psichiatria ad Erba, il servizio è offerto a chi è affetto da disabilità motorie e psichiche di basso impegno. «L’idea di una corsia privilegiata per i disabili ci è venuta di fronte ad un caso concreto: la madre di un ragazzo disabile, del tutto casualmente, dando informazione di tale disabilità all’accettazione, ha reso possibile una programmazione dell’accesso ad hoc, con i supporti di cui necessitava l’utente. La signora, in seguito all’esperienza vissuta dal figlio quel giorno presso il nostro ospedale, ci ha ringraziati piangendo, come se avessimo fatto qualcosa di straordinario. Abbiamo capito – spiega Maggioni – che dovevamo fare lo stesso per tutti coloro che ne avessero bisogno e abbiamo iniziato a progettare questo servizio» conclude il direttore.

Articoli correlati
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Policlinico Campus Bio-Medico, partiti i lavori del Dipartimento di Emergenza e Accettazione
E’ stato il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a dare avvio ai lavori per la realizzazione del pronto soccorso del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico dando per primo una picconata a una simbolica parete. Il nuovissimo Dipartimento di Emergenza e Accettazione (DEA) di I livello amplierà la rete dell’emergenza nel quadrante sud ovest di Roma completando l’offerta assistenziale del Policlinico […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...