Meteo 26 Novembre 2018

Erba, ecco l’ambulatorio “ospitale” per persone con gravi disabilità

«È diritto di ogni individuo godere di una accoglienza che garantisca un percorso diagnostico tempestivo con un orientamento ed un programma terapeutico adeguati. Per i pazienti disabili l’accesso a tali percorsi spesso si rivela ancor più problematico». Con queste parole Pierpaolo Maggioni, direttore sanitario dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (Como)  annuncia una riorganizzazione del servizio delle […]

«È diritto di ogni individuo godere di una accoglienza che garantisca un percorso diagnostico tempestivo con un orientamento ed un programma terapeutico adeguati. Per i pazienti disabili l’accesso a tali percorsi spesso si rivela ancor più problematico». Con queste parole Pierpaolo Maggioni, direttore sanitario dell’Ospedale Sacra Famiglia di Erba (Como)  annuncia una riorganizzazione del servizio delle prestazioni ambulatoriali, sul piano diagnostico e delle visite specialistiche «al fine facilitare l’accesso a tutti coloro che trovavano difficoltà nell’usufruire dei normali percorsi diagnostici e terapeutici. Si è progettata una corsia privilegiata per i disabili – saranno accolti, accompagnati e visitati in fasce orarie dedicate a loro, grazie alla disponibilità di tutto il personale dei reparti ospedalieri».

Il nuovo modello organizzativo si chiama Ambulatorio Ospitale e, nello stile del Fatebenefratelli, consente di adattare ad ogni singolo paziente il percorso, ponendo un’attenzione “centrale” alla persona disabile ed ai problemi di tutto il nucleo di persone che quotidianamente vive con lui. La presa in carico viene attivata tramite un modulo elettronico e la contestuale ricetta di esame/visita inviati dal medico di famiglia all’ospedale. Vengono così programmate le prestazioni da erogare, assegnato un operatore sanitario al malato e predisposte le eventuali strumentazioni di supporto. Il paziente è così accolto e accompagnato dal suo ingresso in struttura fino all’uscita. Inoltre verrà assistito anche durante l’eventuale pagamento del ticket, l’attesa, la visita e il ritiro dei referti. Il servizio è gratuito, mentre le visite sono soggette a ticket. Ovviamente, l’impegno richiesto all’Ospedale è maggiore ma viene supportato da un accordo operativo con l’Ordine dei Medici della provincia di Como e gli Infermieri di famiglia, un servizio promosso dalla cooperativa Biancospino e dalla Bcc dell’Alta Brianza.

«Questo progetto pilota ci permetterà di vagliare quanto sia utile anche all’ospedale segmentare l’offerta di servizi secondo le diverse categorie di pazienti ed estendere l’accordo anche ad altri Ordini dei Medici». Saranno infatti i medici di famiglia a valutare quando prospettare al disabile questo tipo di servizio ed eventualmente attivare la procedura di domanda. Al momento, non essendoci un servizio di Psichiatria ad Erba, il servizio è offerto a chi è affetto da disabilità motorie e psichiche di basso impegno. «L’idea di una corsia privilegiata per i disabili ci è venuta di fronte ad un caso concreto: la madre di un ragazzo disabile, del tutto casualmente, dando informazione di tale disabilità all’accettazione, ha reso possibile una programmazione dell’accesso ad hoc, con i supporti di cui necessitava l’utente. La signora, in seguito all’esperienza vissuta dal figlio quel giorno presso il nostro ospedale, ci ha ringraziati piangendo, come se avessimo fatto qualcosa di straordinario. Abbiamo capito – spiega Maggioni – che dovevamo fare lo stesso per tutti coloro che ne avessero bisogno e abbiamo iniziato a progettare questo servizio» conclude il direttore.

Articoli correlati
Cambiamenti climatici e smog, D’Amato: «Allarme pollini allergenici, in aumento asma e mucositi»
Dal XX Congresso Nazionale della Pneumologia Italiana AIPO in corso a Firenze, il professor Gennaro D’Amato avverte: “Attenzione all’inquinamento atmosferico, può aggravare la sintomatologia di asma e allergie”. Il monito arriva nello stesso giorno in cui la rivista The Lancet lancia l'allarme sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
Dal “British Medical Journal” l’appello per una nuova visione della medicina
Sono pediatri, epidemiologi e scienziati di fama gli autori dell’appello internazionale pubblicato lo scorso 7 novembre sulle pagine del “British Medical Journal” rivolto a medici e scienziati di tutto il mondo per invertire la rotta nella direzione della prevenzione primaria: smettere di “fare la conta” dei malati e fornire ai decisori, in tempo reale, le […]
Infezioni polmonari da NTM, Stefano Aliberti (pneumologo): «Vi spiego cos’è il network IRENE»
Il professore, a margine della presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, ha definito il ruolo e le funzionalità del network italiano di professionisti e operatori sanitari Irene sulla patologia
Malattie professionali riconosciute solo nel 34% dei casi. Calleri (CGIL): «Serve strategia nazionale su salute e sicurezza»
«Tutti gli attori devono fare la loro parte, - spiega Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale - sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro». Ad intaccare la salute dei lavoratori anche infortuni e stress
Rettori italiani in prima linea per la salvaguardia di salute e l’ambiente. Presentato il Manifesto SIMA “U4ALL”
Una call for action rivolta al mondo accademico perché sia inserito il tema dei determinanti ambientali e sociali della salute nei corsi di laurea e post-laurea, al fine di promuovere l’Accordo di Parigi e le raccomandazioni delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Il Manifesto è stato recentemente pubblicato sulla rivista “The Lancet”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo