Meteo 7 Gennaio 2019

Emergenza neve: garantita l’assistenza sul territorio H24, grazie ai medici pugliesi

I medici della Continuità assistenziale e di Emergenza territoriale di tutta la Puglia stanno affrontando da molte ore l’emergenza neve da tempo annunciata, con grande senso di responsabilità. L’assistenza alla cittadinanza è stata garantita in maniera ininterrotta per 24 ore al giorno. Le emergenze vengono gestite dal settore 118 con la presenza fondamentale dei medici […]

I medici della Continuità assistenziale e di Emergenza territoriale di tutta la Puglia stanno affrontando da molte ore l’emergenza neve da tempo annunciata, con grande senso di responsabilità. L’assistenza alla cittadinanza è stata garantita in maniera ininterrotta per 24 ore al giorno.

Le emergenze vengono gestite dal settore 118 con la presenza fondamentale dei medici a bordo delle ambulanze, mentre i medici di C.A., in un momento per giunta “caldo” come quello dell’epidemia influenzale, continuano a garantire l’assistenza ai cittadini tra enormi difficoltà, in sedi spesso non a norma e senza riscaldamento, spostandosi con mezzi propri e fornendo cure a domicilio.

«Operare in situazioni di estremo disagio sapendo di essere un riferimento per la popolazione bisognosa ci ripaga di tutte le difficoltà incontrate – dichiara Nicola Gaballo, Segretario Provinciale Fimmg Emergenza Bari – ringrazio tutti i colleghi e il Coordinamento 118 Asl Bari, che ha istituito una unità di crisi pronta a risolvere le difficoltà logistiche del personale in servizio».

«L’utilità e il valore del settore di continuità assistenziale solitamente rimangono sotto traccia ed emergono davanti agli occhi di tutti quando eventi avversi rendono impossibili altre modalità assistenziali. Solo allora ci si rende conto della garanzia della continuità dell’assistenza, della capillarità del servizio, dell’attività di prossimità, della consapevolezza dei medici nel coprire un livello essenziale di assistenza, con turni che vanno ben oltre il previsto orario di lavoro per la difficoltà di raggiungere le sedi per cambio turno» – dichiara Piero Drago, Segretario Regionale Fimmg settore C.A. –  . Vorremmo che questo fondamentale riconoscimento fosse sempre presente in coloro che devono discutere della riorganizzazione dell’assistenza territoriale. Un doveroso ringraziamento va a tutti questi colleghi che hanno sopperito alle difficoltà di gestione di questa emergenza per un unico scopo: essere vicini alla cittadinanza, avendo a cuore innanzitutto la salute del prossimo».

Articoli correlati
Milano, il SiMPeF presenta l’evento “Adolescenza quella terra di nessuno”
L’adolescenza rappresenta il passaggio dallo stato infantile a quello adulto. È una fase caratterizzata dal cambiamento e, come ogni periodo di transizione, rappresenta un periodo critico nella vita di ogni individuo, in cui ansia e senso di inadeguatezza sono all’ordine del giorno. Per questo, il SiMPeF (Sindacato Medici Pediatri di Famiglia) ha organizzato l’evento “Adolescenza […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Giornata mondiale del sonno, ecco i rimedi per dormire bene. L’esperta: «Sì a pesce azzurro, no vino e cioccolata»
Occhi sbarrati e risvegli nel cuore della notte? La causa potrebbe risiedere in cattive abitudini alimentari o stili di vita sbagliati. Troppo stress, un utilizzo eccessivo del pc o la mancanza di momenti di relax concorrono infatti a farci perdere il sonno, con conseguenze dannose su fisico e umore.  «E’ importantissimo dormire perché recuperiamo energia, […]
Sindrome cardio-renale: problemi per il 20-40% in soggetti con scompenso cardiaco
Ronco (nefrologo): «Importante che cardiologi e nefrologi collaborino per migliorare la situazione clinica dei pazienti»
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone