Meteo 13 Maggio 2019

Corinaldo, grande successo per il primo Disconnect day d’Italia

Il primo Disconnect Day d’Italia,che si è svolto a Corinaldo è stato un grande successo e getta le basi verso un uso più consapevole della tecnologia. «Non riusciamo a resistere più di 10 minuti senza guardare il cellulare e lo maneggiamo circa 150 volte al giorno», ha dichiarato Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta e Presidente […]

Il primo Disconnect Day d’Italia,che si è svolto a Corinaldo è stato un grande successo e getta le basi verso un uso più consapevole della tecnologia. «Non riusciamo a resistere più di 10 minuti senza guardare il cellulare e lo maneggiamo circa 150 volte al giorno», ha dichiarato Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta e Presidente dell’Associazione Nazionale Di.Te. che, insieme all’amministrazione comunale, ha realizzato il primo esperimento sociale sull’importanza della consapevolezza digitale.

In molti hanno accettato la sfida abbandonando il proprio smartphone per un giorno per dedicarsi ad attività e laboratori pensati ad hoc dagli esperti psicologi, psicoterapeuti ed educatori dell’Associazione Nazionale Di.Te. (Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo) per adulti e bambini. Sono state 1181 le persone che hanno raggiunto gli infopoint sparsi per la città, pronti a spegnere il proprio smartphone per lasciare il posto all’empatia e alle emozioni. Proprio a loro, alla fine della giornata è stato chiesto, attraverso un questionario, di raccontarci come hanno vissuto questa giornata di disconnessione. Di questi, circa il 75% ha deciso di mettersi alla prova, 885 sono stati i telefonini sigillati nelle varie buste. Un 5% però, a causa di una sorte di sindrome di astinenza, non è riuscito a separarsi dal proprio smartphone, e ha sentito l’esigenza di riaverlo prima della fine della giornata. Una sfida non semplice, soprattutto per le nuove generazioni che si può dire abbiano imparato prima a digitare i tasti che a scrivere.

Lascia ben sperare la restante parte dei partecipanti. Cioè gli 841 che sono riusciti a resistere e a disconnettersi per un giorno. Una piacevole scoperta in primis per loro che non si aspettavano di poter “sopravvivere” senza il proprio strumento digitale. Un’intera giornata da dedicare solo a se stessi e a chi ci sta intorno. Le ore che solitamente vengono trascorse in rete sono state trasformate in “tempo per se stessi”. Ben il 60% ha dichiarato di aver riscoperto il piacere di dialogare con gli altri e il 20% si è accorto di non aver mai realmente apprezzato il paesaggio che li circonda, a causa della testa sempre bassa per guardare il telefono. «I dati confermano quello che pensavano. Ben 504 persone hanno dichiarato di aver riscoperto la convivialità e 168 i dettagli dei luoghi visitati. Ma perché hanno resistito? Perché abbiamo proposto loro delle attività, delle alternative. Sono proprio questi input “sani” a farci godere il momento che stiamo vivendo e a stimolare le nostre emozioni, aumentando anche la voglia, il desiderio di stare con gli altri», commenta Lavenia.

Non solo persone comuni, ma anche personaggi famosi hanno scelto di partecipare a questo evento, come l’attore Paolo Ruffini e il regista del film Sconnessi Christian Marazziti. Vecchie e nuove generazioni insieme verso una maggiore consapevolezza digitale.

«Il Disconnect Day non vuole in alcun modo demonizzare la tecnologia, bensì lavorare sulla consapevolezza digitale e sul fatto che questa tecnologia coinvolge tutti, grandi e bambini. Il Disconnect Day deve essere un momento di crescita anche culturale rispetto all’utilizzo della tecnologia. E fornirci gli strumenti adatti per gestire al meglio ciò che la tecnologia ci mette a disposizione», conclude Giuseppe Lavenia.

Articoli correlati
Effetto primavera: migliorano le abitudini salutari degli italiani. Lo dice l’App Healthy Virtuoso
Secondo Virtuoso, l’applicazione gratuita che incentiva e remunera le persone che mantengono uno stile di vita salutare, l’exploit è evidente: gli italiani, in media, hanno registrato un aumento di oltre 2000 passi giornalieri e 110 minuti mensili di attività fisica rispetto alla stagione invernale. Un totale di 125 Miliardi di passi in più, l’equivalente di […]
Innovazione digitale in sanità: White Wall è la start-up vincitrice dell’Open Innovation contest lanciato da Aiop Giovani
Nell’ambito della 55ª Assemblea Generale dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata (Aiop) che si è svolta a Cernobbio, si è tenuta anche la prima edizione di “StartAiop. Alla ricerca di soluzioni innovative per la sanità”, il programma di Open Innovation lanciato da Aiop Giovani e rivolto alle start-up che hanno sviluppato idee all’avanguardia applicabili al settore sanitario. […]
Dipendenza da web: Corinaldo ospita il primo Disconnect Day d’Italia
Si terrà l’11 maggio a Corinaldo, uno dei borghi più belli d’Italia, il primo Disconnect Day d’Italia. Un evento nazionale che chiede a tutti i partecipanti di sigillare il loro smartphone in un’apposita busta consegnata presso uno degli infopoint sparsi in città, per tenerlo con sé, spento, per tutta la durata delle attività che riusciranno […]
Procreazione medicalmente assistita, Baldini (Pma Italia): «Educazione, informazione, preservazione e prevenzione: così si combatte calo demografico»
Il 20% delle coppie lamenta problemi di infertilità e sterilità; tra le cause, la mancanza di prevenzione ed educazione sui temi della fertilità. È nata, per questo, “La campagna del Cavolo” di Pma Italia (Procreazione Medicalmente Assistita)
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Dalla sanità alla formazione, la Blockchain si studia all’università e apre nuovi posti di lavoro. Scotti (Link Campus): «Primo master ad offrire competenze tecniche, presto laurea specifica»
Cresce la richiesta di esperti in questo settore. Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University: «Tutti noi, quando andiamo dal medico, vogliamo sapere che non solo ha fatto una serie di corsi, ma che la sua formazione nel day-by-day sia certificata – specifica il professor Carlo Maria Medaglia, direttore del Dipartimento di Ricerca alla Link Campus University -. Questo vale per tutte le professioni, ancora di più per quella medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...