Meteo 13 Maggio 2019

Corinaldo, grande successo per il primo Disconnect day d’Italia

Il primo Disconnect Day d’Italia,che si è svolto a Corinaldo è stato un grande successo e getta le basi verso un uso più consapevole della tecnologia. «Non riusciamo a resistere più di 10 minuti senza guardare il cellulare e lo maneggiamo circa 150 volte al giorno», ha dichiarato Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta e Presidente […]

Il primo Disconnect Day d’Italia,che si è svolto a Corinaldo è stato un grande successo e getta le basi verso un uso più consapevole della tecnologia. «Non riusciamo a resistere più di 10 minuti senza guardare il cellulare e lo maneggiamo circa 150 volte al giorno», ha dichiarato Giuseppe Lavenia, psicologo e psicoterapeuta e Presidente dell’Associazione Nazionale Di.Te. che, insieme all’amministrazione comunale, ha realizzato il primo esperimento sociale sull’importanza della consapevolezza digitale.

In molti hanno accettato la sfida abbandonando il proprio smartphone per un giorno per dedicarsi ad attività e laboratori pensati ad hoc dagli esperti psicologi, psicoterapeuti ed educatori dell’Associazione Nazionale Di.Te. (Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo) per adulti e bambini. Sono state 1181 le persone che hanno raggiunto gli infopoint sparsi per la città, pronti a spegnere il proprio smartphone per lasciare il posto all’empatia e alle emozioni. Proprio a loro, alla fine della giornata è stato chiesto, attraverso un questionario, di raccontarci come hanno vissuto questa giornata di disconnessione. Di questi, circa il 75% ha deciso di mettersi alla prova, 885 sono stati i telefonini sigillati nelle varie buste. Un 5% però, a causa di una sorte di sindrome di astinenza, non è riuscito a separarsi dal proprio smartphone, e ha sentito l’esigenza di riaverlo prima della fine della giornata. Una sfida non semplice, soprattutto per le nuove generazioni che si può dire abbiano imparato prima a digitare i tasti che a scrivere.

Lascia ben sperare la restante parte dei partecipanti. Cioè gli 841 che sono riusciti a resistere e a disconnettersi per un giorno. Una piacevole scoperta in primis per loro che non si aspettavano di poter “sopravvivere” senza il proprio strumento digitale. Un’intera giornata da dedicare solo a se stessi e a chi ci sta intorno. Le ore che solitamente vengono trascorse in rete sono state trasformate in “tempo per se stessi”. Ben il 60% ha dichiarato di aver riscoperto il piacere di dialogare con gli altri e il 20% si è accorto di non aver mai realmente apprezzato il paesaggio che li circonda, a causa della testa sempre bassa per guardare il telefono. «I dati confermano quello che pensavano. Ben 504 persone hanno dichiarato di aver riscoperto la convivialità e 168 i dettagli dei luoghi visitati. Ma perché hanno resistito? Perché abbiamo proposto loro delle attività, delle alternative. Sono proprio questi input “sani” a farci godere il momento che stiamo vivendo e a stimolare le nostre emozioni, aumentando anche la voglia, il desiderio di stare con gli altri», commenta Lavenia.

Non solo persone comuni, ma anche personaggi famosi hanno scelto di partecipare a questo evento, come l’attore Paolo Ruffini e il regista del film Sconnessi Christian Marazziti. Vecchie e nuove generazioni insieme verso una maggiore consapevolezza digitale.

«Il Disconnect Day non vuole in alcun modo demonizzare la tecnologia, bensì lavorare sulla consapevolezza digitale e sul fatto che questa tecnologia coinvolge tutti, grandi e bambini. Il Disconnect Day deve essere un momento di crescita anche culturale rispetto all’utilizzo della tecnologia. E fornirci gli strumenti adatti per gestire al meglio ciò che la tecnologia ci mette a disposizione», conclude Giuseppe Lavenia.

Articoli correlati
Golfo Napoli, al via teleconsulto in sanità per le isole
Parte il progetto “Isole” in Campania per il teleconsulto in materia di sanità a Procida, Ischia e Capri. La Regione, infatti, ha attivato le procedure per migliorare i livelli di assistenza nelle aree cosiddette “disagiate” del territorio campano. Questo progetto ha l’obiettivo di garantire alti livelli di continuità ed assistenza tra ospedale e territorio. Il […]
«Nessun robot potrà sostituire il medico», gli Stati Generali della professione si interrogano sul rapporto con la scienza
«Nessun algoritmo potrà mai sostituire il medico, perché l'arte professionale sta nell'interpretare i dati secondo le esigenze del paziente», ha spiegato il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli aprendo la due giorni di dibattiti dedicati al rapporto tra il medico, la scienza e la società
A scuola di HTA: si apre a Torino il corso Sifo per farmacisti ospedalieri
L’Health Technology Assessment (HTA) è quell’approccio multidimensionale e multidisciplinare per l’analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative, economiche, etiche e legali di una tecnologia attraverso la valutazione di più dimensioni quali l’efficacia, la sicurezza, i costi, l’impatto sociale e organizzativo. Questo approccio all’interno dei sistemi sanitari valuta gli effetti reali e/o potenziali della tecnologia durante tutto […]
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
Effetto primavera: migliorano le abitudini salutari degli italiani. Lo dice l’App Healthy Virtuoso
Secondo Virtuoso, l’applicazione gratuita che incentiva e remunera le persone che mantengono uno stile di vita salutare, l’exploit è evidente: gli italiani, in media, hanno registrato un aumento di oltre 2000 passi giornalieri e 110 minuti mensili di attività fisica rispetto alla stagione invernale. Un totale di 125 Miliardi di passi in più, l’equivalente di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...