Pianto cronico dei neonati: un rimedio? L’agopuntura

«L’agopuntura può essere un ottimo rimedio per il pianto dei neonati» a dirlo è Mario Sorrentino, medico esperto in Medicina Tradizionale Cinese, Agopuntura e Addominopuntura in relazione allo studio svedese condotto da quattro centri di salute infantile sugli effetti dell’agopuntura sui bambini. Il trial svedese ha preso come riferimento un campione di 147 bambini affetti […]

«L’agopuntura può essere un ottimo rimedio per il pianto dei neonati» a dirlo è Mario Sorrentino, medico esperto in Medicina Tradizionale Cinese, Agopuntura e Addominopuntura in relazione allo studio svedese condotto da quattro centri di salute infantile sugli effetti dell’agopuntura sui bambini.

Il trial svedese ha preso come riferimento un campione di 147 bambini affetti da colica del lattante e suddividendoli in tre gruppi random, ha praticato l’agopuntura con differenti metodologie: al primo gruppo è stata praticata l’agopuntura due volte a settimana per 2-5 secondi su un solo punto del corpo; al secondo gruppo per 30 secondi su 5 punti; al terzo gruppo non è stato praticato nulla. Medici e genitori hanno notato che nei primi due gruppi di neonati sottoposti a terapia con agopuntura, il pianto è diminuito d’intensità fino a scomparire del tutto.

«Nonostante la sperimentazione svedese abbia dimostrato che l’agopuntura può essere un utile rimedio per il pianto dei neonati – spiega il Dottor Sorrentino – di fatto in Italia è vietato l’utilizzo degli aghi sui bambini di un’età compresa fra i 4 e i 9 anni, se non per motivi strettamente necessari». Dunque ci sono strade alternative da percorre, prosegue Sorrentino «si può utilizzare l’auricoloterapia che è un rimedio ottimo. Si tratta di una disciplina olistica tipica della Medicina Tradizionale Cinese che interviene su specifici punti del padiglione auricolare per curare il corpo umano».

Un’altra soluzione più idonea ad essere somministrata sui minori «è l’applicazione di piccoli magneti (così facendo si evitano gli aghi) che vengono fatti aderire al corpo e propagano stimoli che sollecitano le funzioni metaboliche e il sistema nervoso per risolvere eventuali dolori cronici. I migliori risultati in tal senso si sono osservati sui bambini di nove e dieci anni».

L’agopuntura può essere la soluzione anche per «l’asma bronchiale – conclude il medico – per l’eczema e per il dolore addominale»

Articoli correlati
Agopuntura, Italia prima in Europa. Gatto (SIA): «Non combatte solo il dolore ma è utile per rinite, asma, insonnia. Ma solo medici abilitati possono praticarla»
Oltre 10mila i camici bianchi italiani che la praticano. Al Congresso internazionale della Società Italiana di Agopuntura trenta relatori da tutto il mondo. «A fronte di una efficacia sempre più consolidata e confermata non ci sono effetti collaterali, il personale è istruito ed ha un costo per la società più contenuto rispetto a tante altre terapie», sottolinea il presidente SIA Roberto Gatto
di Federica Bosco
Omeopatia sì. Simonetta Bernardini (Siomi): «La medicina integrata è il futuro. La Regione Toscana non torni indietro»
«Per i pazienti un doppio sistema di diagnosi e cura». Lo dichiara la Presidente della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata
di Isabella Faggiano
Agopuntura, un antico rimedio sempre più attuale
Un antidolorifico naturale senza componenti chimiche: si tratta dell’agopuntura, la tecnica di medicina alternativa utilizzata in Cina sin dall'antichità
Medicina tradizionale cinese su patologie cardiache, uno studio dimostra validità cure
La medicina tradizionale cinese ha più di 2000 anni di storia e ha acquisito applicazioni cliniche diffuse. Tuttavia, il suo ruolo nella prevenzione e nella cura delle malattie cardiovascolari sembrerebbe apprezzabile. Questa considerazione è stata fatta da parte di un team di medici cinesi (Panpan Hao, Fan Jiang, Jing Cheng, Lianyue Ma, Yun Zhang, Yuxia Zhao) che ha unito le forze per studiare l’impatto della medicina […]
L’agopuntura aiuta i pazienti oncologici, partita sperimentazione a Genova
Medicina alternativa per i malati oncologici. Shatzu, agopuntura, fitoterapia e dieta, abbinati ai farmaci tradizionali e alle terapie mediche, migliorano le condizioni dei malati, in particolare dei pazienti oncologici. Lo affermano i responsabili di una sperimentazione di 12 mesi partita a gennaio presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo in provincia di Genova. La vicepresidente della Regione Liguria e […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...