Long Covid 28 Aprile 2023 11:10

Usa: caccia al paziente Covid più “lungo” di sempre. Si temono mutazioni pericolose

Negli Stati Uniti è caccia aperta al paziente Covid più longevo di sempre. Più precisamente al paziente che si pensa sia positivo da più tempo. Quello che i ricercatori oggi sanno è che il paziente potrebbe vivere nell’area di Columbus, la più grande città dello stato di quasi 1 milione di abitanti,  e che è portatore di una versione altamente mutata del virus Sars-CoV-2 che «è diversa da qualsiasi cosa» che gli esperti abbiano visto

Usa: caccia al paziente Covid più “lungo” di sempre. Si temono mutazioni pericolose

Negli Stati Uniti è caccia aperta al paziente Covid più longevo di sempre. Più precisamente al paziente che si pensa sia positivo da più tempo. Quello che i ricercatori oggi sanno è che il paziente potrebbe vivere nell’area di Columbus, la più grande città dello stato di quasi 1 milione di abitanti,  e che è portatore di una versione altamente mutata del virus Sars-CoV-2 che «è diversa da qualsiasi cosa» che gli esperti abbiano visto. Il virus è stato rilevato attraverso il campionamento delle acque reflue ed è stato fatto risalire all’inizio del 2021. Viene ripetutamente rilevato lungo un’area di 40 miglia, suggerendo che una persona lo sta trasportando e spargendo attraverso le feci.

Il paziente è positivo a una «variante preoccupante»

Marc Johnson, un microbiologo dell’Università del Missouri, ha avvertito che le mutazioni del ceppo sarebbero abbastanza gravi da renderlo una «variante preoccupante» qualora iniziasse a circolare nella popolazione. Lo scienziato ritiene che le tracce rilevate vengono rilasciate dalla stessa persona che fa il pendolare regolarmente tra Columbus e Washington Court House, una piccola città  appena a Sud-Ovest. Gli scienziati non sono sicuri se la persona sia contagiosa o come sia riuscita a rimanere infetta così a lungo. I pazienti che ospitano virus per periodi di tempo eccezionalmente lunghi spesso hanno un sistema immunitario «debole». Molti scienziati ritengono che le varianti Alpha, Delta e Omicron siano emerse tutte in questo modo. Johnson è, tuttavia, convinto che il paziente sia sano e possa viaggiare per lavoro o per studio, ma non può escludere una persona malata cronica che faccia il pendolare per cure ospedaliere.

Dalle acque reflue informazioni utili su varianti emergenti pericolose

Il team del Missouri ha analizzato campioni di Covid dalle acque reflue negli Stati Uniti alla ricerca di ceppi  «criptici», nuove varianti del virus emerse con origini sconosciute. La tecnica è stata utilizzata come strumento di monitoraggio per tutta la pandemia. Poiché il virus si manifesta nelle feci prima che insorgano i sintomi, i dati sulle acque reflue potrebbero aiutare a rilevare dove i focolai emergeranno con giorni di anticipo. «Analizziamo al contrario le acque reflue per vedere se c’è qualcosa che non corrisponde a nessun lignaggio», dice Johnson. I risultati potrebbero rivelarsi estremamente utili.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: spunta la variante JN.1, nuova “sorvegliata speciale” dell’Oms. Ciccozzi: “Aumentano le reinfezioni”
Una nuova "sorella" di Omicron è stata classificata come “variante di interesse” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, a causa “della sua diffusione in rapido aumento”. Si tratta di JN.1, rilevata in molti paesi in tutto il mondo. Inoltre, uno studio italiano che sarà pubblicato sulla rivista "Pathogen and Global Health" ha analizzato JN.1, concludendo che questa variante "va seguita e monitorata"
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...