Lavoro 23 febbraio 2016

Verso lo sciopero in attesa di Renzi: «Obiettivo 10mila stabilizzazioni»

Migliaia di medici protestano a Napoli. I sindacati: «Bene il dialogo con Lorenzin,
ma ora vogliamo atti concreti altrimenti a marzo sarà confermato lo sciopero»

Immagine articolo

I sindacati dei medici hanno scioperato a dicembre perché il ministro non li ascoltava. Ora Beatrice Lorenzin li ha ricevuti ed ascoltati, ma il nuovo sciopero di 48 ore (già fissato per il 17 e del 18 marzo) resta confermato. A meno che non si passi dalle parole ai fatti su nuove assunzioni, stabilizzazione precari, ruolo del medico e formazione.


Decisivo, in tal senso, secondo i sindacati, che la questione “varchi i confini” del Ministero della Salute, dove comunque sono stati programmati nuovi incontri ogni primo lunedì del mese, ed arrivi all’attenzione del premier Matteo Renzi. Chiesto anche un approccio interministeriale, chiamando in causa anche il MEF (Ministero dell’Economia e della Finanza).

STABILIZZAZIONI E ASSUNZIONI – «Il ministro Lorenzin – conferma Riccardo Cassi, presidente dei medici ospedalieri di Cimo e presente a Lungotevere Ripa anche in rappresentanza di Alleanza per la Professione Medica – si è impegnata a coinvolgere sia il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, sia il ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia. Si parte da loro per arrivare al premier Matteo Renzi dal quale ci aspettiamo risposte concrete. Vogliamo tempi certi del contratto, ma sapere anche su quali parametri verrà rinnovato perché ci sono ancora troppi aspetti da chiarire. E poi – conclude Cassi – c’è lo sblocco del turn over. Visto che è confermato il “tesoretto” di 2 miliardi, si parta dai 10mila precari da stabilizzare. Lo stesso ministro ha riconosciuto che non sono così tanti e poi la precarietà ha già un costo, visto che a tutt’oggi vengono pagati». La certezza è che sul precariato si darà battaglia.  «Dopo la buona scuola dovrà esserci la buona sanità – afferma Massimo Cozza, segretario nazionale della Cgil Medici – e su questo abbiamo avuto segnali positivi nell’incontro con Lorenzin, che ha anche confermato che i 2 miliardi a disposizione verranno investiti per farmaci e personale per assunzioni e sblocco del turn over».

VERSO LO SCIOPERO – Pur apprezzando le intenzioni, i sindacati restano complessivamente orientati allo sciopero di marzo, già anticipato dalla manifestazione di sabato scorso a Napoli, alla quale hanno preso parte migliaia di medici con delegazioni provenienti da tutta Italia. Il messaggio uscito dalla sala Galateo della Stazione Marittima è stato quello di un fronte comune «a difesa della sanità pubblica».
«Beatrice Lorenzin non ci ha chiesto di sospendere le manifestazioni – precisa Giacomo Milillo, presidente nazionale della Fimmg (la federazione dei medici di famiglia) – ed in questo momento il malessere dei medici è molto elevato, lo sciopero rappresenta il loro sentimento di protesta. Abbiamo apprezzato l’atteggiamento del ministro, ma si valuterà nel tempo se ci saranno risultati: bisogna far circolare la parola “salute” nel Parlamento e nel governo. In sintesi: ci sono aperture, ma lo sciopero resta».

Più possibilista il presidente nazionale Cisl Medici Biagio Papotto, presente al vertice in rappresentanza dei sindacati confederali: «Nostro interesse è risolvere i problemi, non fare sciopero: sono stati assunti degli impegni da parte del ministro e se arrivano segnali positivi si può senza dubbio rivedere la nostra posizione. In particolare riteniamo fondamentale risolvere la questione dello sblocco del turn over: ci sono 2 miliardi in più per il 2017, si utilizzino per stabilizzazioni e assunzioni».

Quella di Papotto, sullo sciopero, è ad ogni modo l’unica apertura. «Aspettiamo che alle parole seguano i fatti – afferma Costantino Troise, segretario nazionale di Anaao (il sindaco di medici e dirigenti ospedalieri) – per ragionare sullo sciopero di marzo che ad oggi resta confermato. Quali atti concreti ci aspettiamo? Le priorità sono: riconoscimento di ruolo, occupazione, precari, formazione e condizioni di lavoro». Netti anche i veterinari del SIVEMP: «C’è una ferita aperta nel sistema che mette in difficoltà per primi i cittadini – commenta il segretario nazionale Aldo Grasselli – e le soluzioni non possono arrivare soltanto da un incontro col ministro, ma serve un’assunzione di responsabilità di tutto il governo….: tutti devono trovare un’intesa con noi per risolvere i problemi».

APPROPRIATEZZA – Al centro del faccia a faccia tra ministro e sindacati anche il contestato decreto sull’appropriatezza prescrittiva. Non accontentandosi della sospensione (già attuata), lo SMI ne ha chiesto espressamente il ritiro: «È un decreto nato male, concepito con una filosofia punitiva – afferma Pina Onotri, segretario nazionale del sindacato che rappresenta i medici di base -. Un medico non è appropriato solo se cura una polmonite con un antidiabetico. Invece viene punito se sfora il tetto di spesa. Diventa francamente difficile continuare a lavorare in questa maniera.  C’è stato per esempio il caso di 900 colleghi denunciati a Catania per la prescrizione di farmaci contro l’osteoporosi e altri 500 per l’ipertensione. Non vogliamo trovarci a rispondere per prescrizioni che sono appropriate dal punto di vista clinico ma non da quello economico».

Articoli correlati
Liste d’attesa, approvato il nuovo Piano nazionale. Il ministro Grillo esulta, ma per i sindacati è «un gioco di prestigio»
Il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini: «È meritorio che sia stato trovato un accordo tra Regioni e Governo». CIMO: «Il nodo reale da affrontare è il ridotto finanziamento su sanità e personale». Anaao: «È la fiera dell’ipocrisia»
Si uniscono CIMO e FESMED: nasce sindacato da 15mila iscritti. Il presidente della Federazione Quici: «Ora dritti ai problemi con spirito rinnovato»
Le due organizzazioni della dirigenza medica danno vita alla Federazione CIMO-FESMED. Il presidente vicario Giuseppe Ettore: «Evento importante per dare vita ad un progetto ancora più forte ed efficace. Tutto quello che sta accadendo nella sanità rende necessaria minore frammentarietà sindacale». Tra le priorità da affrontare rinnovo del contratto, libera professione, disagio lavorativo e formazione
Libera professione, Cimo: « Un affare per le aziende sanitarie. Medici estranei a liste d’attesa»
Una chiara e pubblica smentita delle demagogiche argomentazioni contro i medici e l’esercizio della libera professione. È quanto emerge, secondo il sindacato dei medici CIMO, dalla relazione al Parlamento sulla libera professione del Ministero della Salute, le cui rilevazioni sulle attività ospedaliere in libera professione evidenziano nonostante la diminuzione di queste ultime, il contestuale aumento […]
Contenziosi, Quici (CIMO): «Spostiamo i costi per assicurazioni e processi verso la formazione ECM»
Nel 2016 sono stati spesi 1 miliardo 300 milioni di euro per le assicurazioni e i contenziosi, ma solo 100 milioni per la formazione. Il presidente del sindacato: «Le cause vanno ridotte e il rischio va prevenuto, anche investendo di più sulla formazione degli operatori, altrimenti saranno maggiori le risorse sottratte al SSN. Bene Arbitrato della Salute»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Medici Veterinari Campani “precari da sempre” verso la stabilizzazione definitiva. SIVeMP: “Si chiude un capitolo che dura da più di 15 anni”.
“Finalmente la Regione Campania ha fatto la sua parte sottoscrivendo e avviando le procedure per il completamento orario degli Specialisti Ambulatoriali Veterinari ancora non a tempo pieno, in servizio da anni nelle AA.SS.LL. di Caserta e Salerno. Ringraziamo il Presidente De Luca per aver accolto la nostra proposta; siamo felici di aver raggiunto un risultato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...