Lavoro 23 Febbraio 2016

Turni massacranti, Ugl e il caso “11 ore di riposo”: «Personale in difficoltà. Non bastano 6mila assunti»

Nuova tappa del viaggio di Sanità informazione nelle strutture sanitarie italiane. Gianluca Giuliano, Segretario Provinciale Ugl Sanità e professionista dell’Ospedale Sant’Andrea di Roma: «Rispettare normative su orario lavoro e sbloccare il turnover»

Immagine articolo

Una goccia nell’oceano». Così Gianluca Giuliano, segretario provinciale dell’Ugl Sanità di Roma e professionista sanitario dell’Ospedale Sant’Andrea della Capitale, definisce la volontà espressa dal Ministero della Salute di procedere all’assunzione di seimila figure professionali, da inserire nel comparto sanitario con un concorso nazionale.


Un innesto di forze non sufficiente a superare definitivamente tutti i deficit che hanno costretto e costringono tutt’ora gli operatori sanitari in servizio a svolgere turni massacranti. Con la legge 161 del 2014, l’Italia si è adeguata alla direttiva europea 2003/88 sugli orari di lavoro, dal 25 novembre scorso (data di entrata in vigore della legge), ma non sempre e non dovunque la normativa ha trovato applicazione soprattutto sul riposo obbligatorio di 11 ore tra un turno e l’altro.

La stessa Ugl, nei giorni scorsi ha indetto un sit in sotto la sede della Regione Lazio per protestare contro i «continui tagli» e il «declino inesorabile della sanità pubblica». Sanità informazione ha parlato con il segretario Giuliano per capire meglio in che condizioni lavorano i medici del Lazio, a partire proprio dai turni massacranti.

«Senza dubbio, l’entrata in vigore della legge 161 del 2014 non ha trovato il riscontro sperato nell’effettiva organizzazione degli ospedali. I lavoratori continuano ancora molte volte a svolgere turni massacranti. In questa situazione, gli ospedali si vedono costretti a cercare delle soluzioni che, però, spesso rappresentano soltanto dei palliativi. Per questo motivo noi, come Ugl Sanità, chiediamo non soltanto il rispetto delle normative europee sugli orari di lavoro, ma anche lo sblocco del turnover in maniera nettamente più decisa, perché le misure adottate dalla legge di stabilità non bastano. Seimila assunzioni rappresentano, all’interno del sistema sanitario italiano, soltanto una goccia nell’oceano. Ne servono di più, senza alcun dubbio».

Voi raccogliete la sofferenza di tanti camici bianchi che non ce la fanno più a sopportare i turni massacranti. Contestualmente, molti medici stanno passando alle vie legali, rivolgendosi ai tribunali per fare ricorso ed ottenere giustizia.
«Nei nostri giri nelle varie strutture e negli ospedali, abbiamo notato come i lavoratori continuino tuttora a fare salti mortali per garantire un’assistenza di qualità. Ciò che chiediamo alle istituzioni, Regione in primis ma anche al Governo, è che si attuino finalmente delle misure forti che possano risolvere definitivamente una problematica così importante. I lavoratori sono stanchi, non ce la fanno più a continuare ad andare avanti con contratti fermi da diversi anni e in condizioni lavorative sempre peggiori».

In tanti si sono rivolti ai ricorsi in tribunale per ottenere dallo Stato almeno un risarcimento per il diritto dal 2008 al 2015.
«I ricorsi rappresentano l’extrema ratio. Noi cercheremo in ogni modo di trovare soluzioni adeguate nei vari tavoli di trattativa. È chiaro che laddove non avremo riscontro, la protesta si farà sempre più forte e continueranno azioni di sciopero, volantinaggi come quelli fatti al Sant’Andrea e in diverse strutture, assemblee dei lavoratori, perché sono i lavoratori a dover decidere qual è il loro futuro all’interno della sanità. Chiediamo un maggiore coinvolgimento dei vari lavoratori del comparto e dei medici».

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...