Lavoro 22 settembre 2015

«Turni massacranti, straordinari non pagati e rinnovo del contratto: è il momento di agire»

Si avvicina un “autunno caldo” per i medici tra annunci di sciopero e tavoli di trattativa col Governo. Intervista al responsabile Sanità Pd, l’onorevole Gelli: «Risorse da incrementare»

Immagine articolo

Tagli o no alla sanità? Il premier Matteo Renzi aveva acceso le polemiche con le sue dichiarazioni. Il nuovo aggiornamento del Def prova a stemperarle. Ma solo evocare i termini “definanziamento”, “mancato incremento”, “tagli lineari” o “risparmi” non lascia tranquilli sindacati e medici, più propensi a ragionare su quei numeri che rendono sempre più difficile la professione.


Così un ottobre di fuoco è già alle porte con una mobilitazione generale dei medici proprio mentre il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, convoca il 14 le parti sociali al Ministero per cominciare a discutere del rinnovo del contratto. Il Governo studia le misure da adottare, ma il responsabile sanità del Pd, l’onorevole Federico Gelli, pone l’attenzione anche sulla necessità di arginare il problema dei turni massacranti.

Si discute sui tagli alla sanità, qual è la posizione del Pd?
«L’orientamento, per il nostro partito, è che non ci devono essere tagli. L’anno scorso, per l’attuale legge di stabilità in accordo tra Stato e Regioni, si è previsto il “non incremento” per 2 miliardi 300 milioni del fondo. In tutta la PA sono previsti tagli, nella Sanità invece, semplicemente non c’è stato l’incremento per motivi di finanza pubblica. Le Regioni e il Ssn hanno già dimostrato un contributo importante alla finanza pubblica, rinunciando a quell’incremento. Non credo che anche quest’anno sia possibile non incrementare il fondo. E’ chiaro che dev’essere garantito l’attuale, ma anche l’incremento del fondo così come previsto dal Patto di stabilità. Ovviamente questo non significa che non dobbiamo continuare a lavorare per eliminare gli sprechi e le inefficienze, anzi tutto quello che riusciremo a recuperare deve essere reinvestito nel servizio sanitario per migliorarne la qualità».

Nel frattempo però chi lavora sul campo, cioè i medici, lanciano segnali di insofferenza, soprattutto per i  turni massacranti cui sono sottoposti.
«E’ verissimo. La questione delle risorse umane, delle professionalità che operano all’interno del sistema è un nodo fondamentale. Anche per questo il fondo nazionale deve essere aumentato, credo che il 2016 sia il momento propizio, come ho scritto nella mozione approvata in Aula pochi mesi fa dove si richiamò l’attenzione del Governo a fare le scelte dovute per il rinnovo contrattuale, per il pagamento degli straordinari, per l’eliminazione della precarizzazione in molti servizi delicati del nostro Ssn. Risorse in più servono anche per questo, oltre che per una scommessa molto importante: aggiornare il tariffario e i Livelli essenziali di assistenza. Non è possibile mantenere dei criteri ormai vecchi. Anche intervenendo su questo si riqualificherà il sistema, come ci chiedono i cittadini».

Altro momento di confronto importante è la cabina di regia sul rinnovo contrattuale. Lei è stato tra i pochi a non aver commentato la “lettera di Ferragosto” del sottosegretario Vito De Filippo. Pensa che si sia intrapresa la strada giusta?
«È arrivato il momento di dare un segnale al mondo delle professioni sanitarie. Dopo tanti anni, tutta la PA, soffre proprio per i mancati rinnovi, e per questo dobbiamo avere una particolare attenzione al riguardo. Ben vengano ora le iniziative che vanno in questo senso. Abbiamo più volte tentato di introdurre la quarta area contrattuale che soprattutto nel ruolo unico delle Regioni credo rappresenti un contributo importante di semplificazione di chiarezza e di valorizzazione per i professionisti».

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Bilancio 2019, Ufficio Parlamentare di Bilancio: «Rischio tagli sanità per sostituire clausole salvaguardia»
L’organo che ha il compito di valutare il rispetto delle regole di bilancio nazionali ed europee sottolinea: «Pensionamenti anticipati potrebbero far emergere ancora più drammaticamente l’insufficienza di risorse umane per il SSN». Spesa SSN in calo su PIL
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout
«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla, gli occhi le si riempiono di lacrime. Arriva l’infermiere specializzata, le prende la mano. In questo vortice di emozioni, io non provo niente. Non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...