Lavoro 22 Settembre 2015 16:37

«Turni massacranti, straordinari non pagati e rinnovo del contratto: è il momento di agire»

Si avvicina un “autunno caldo” per i medici tra annunci di sciopero e tavoli di trattativa col Governo. Intervista al responsabile Sanità Pd, l’onorevole Gelli: «Risorse da incrementare»

«Turni massacranti, straordinari non pagati e rinnovo del contratto: è il momento di agire»

Tagli o no alla sanità? Il premier Matteo Renzi aveva acceso le polemiche con le sue dichiarazioni. Il nuovo aggiornamento del Def prova a stemperarle. Ma solo evocare i termini “definanziamento”, “mancato incremento”, “tagli lineari” o “risparmi” non lascia tranquilli sindacati e medici, più propensi a ragionare su quei numeri che rendono sempre più difficile la professione.


Così un ottobre di fuoco è già alle porte con una mobilitazione generale dei medici proprio mentre il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, convoca il 14 le parti sociali al Ministero per cominciare a discutere del rinnovo del contratto. Il Governo studia le misure da adottare, ma il responsabile sanità del Pd, l’onorevole Federico Gelli, pone l’attenzione anche sulla necessità di arginare il problema dei turni massacranti.

Si discute sui tagli alla sanità, qual è la posizione del Pd?
«L’orientamento, per il nostro partito, è che non ci devono essere tagli. L’anno scorso, per l’attuale legge di stabilità in accordo tra Stato e Regioni, si è previsto il “non incremento” per 2 miliardi 300 milioni del fondo. In tutta la PA sono previsti tagli, nella Sanità invece, semplicemente non c’è stato l’incremento per motivi di finanza pubblica. Le Regioni e il Ssn hanno già dimostrato un contributo importante alla finanza pubblica, rinunciando a quell’incremento. Non credo che anche quest’anno sia possibile non incrementare il fondo. E’ chiaro che dev’essere garantito l’attuale, ma anche l’incremento del fondo così come previsto dal Patto di stabilità. Ovviamente questo non significa che non dobbiamo continuare a lavorare per eliminare gli sprechi e le inefficienze, anzi tutto quello che riusciremo a recuperare deve essere reinvestito nel servizio sanitario per migliorarne la qualità».

Nel frattempo però chi lavora sul campo, cioè i medici, lanciano segnali di insofferenza, soprattutto per i  turni massacranti cui sono sottoposti.
«E’ verissimo. La questione delle risorse umane, delle professionalità che operano all’interno del sistema è un nodo fondamentale. Anche per questo il fondo nazionale deve essere aumentato, credo che il 2016 sia il momento propizio, come ho scritto nella mozione approvata in Aula pochi mesi fa dove si richiamò l’attenzione del Governo a fare le scelte dovute per il rinnovo contrattuale, per il pagamento degli straordinari, per l’eliminazione della precarizzazione in molti servizi delicati del nostro Ssn. Risorse in più servono anche per questo, oltre che per una scommessa molto importante: aggiornare il tariffario e i Livelli essenziali di assistenza. Non è possibile mantenere dei criteri ormai vecchi. Anche intervenendo su questo si riqualificherà il sistema, come ci chiedono i cittadini».

Altro momento di confronto importante è la cabina di regia sul rinnovo contrattuale. Lei è stato tra i pochi a non aver commentato la “lettera di Ferragosto” del sottosegretario Vito De Filippo. Pensa che si sia intrapresa la strada giusta?
«È arrivato il momento di dare un segnale al mondo delle professioni sanitarie. Dopo tanti anni, tutta la PA, soffre proprio per i mancati rinnovi, e per questo dobbiamo avere una particolare attenzione al riguardo. Ben vengano ora le iniziative che vanno in questo senso. Abbiamo più volte tentato di introdurre la quarta area contrattuale che soprattutto nel ruolo unico delle Regioni credo rappresenti un contributo importante di semplificazione di chiarezza e di valorizzazione per i professionisti».

Articoli correlati
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
«Può un infermiere nel 2022 morire di turni massacranti?»
Il nostro sindacato chiede a tutti gli infermieri italiani, in tutti gli ospedali e in tutte le strutture private, da Nord a Sud, di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento. Gli infermieri possono morire a causa dei turni massacranti? La scomparsa della collega Sara Sorge, deceduta in un incidente mortale, sembrerebbe accertato, dopo […]
di Antonio De Palma, presidente Nursing Up
Covid-19, Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo, tra turni massacranti e minacce da no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Da quando è scoppiata la quarta ondata siamo stati sommersi da segnalazioni da parte di operatori sanitari: doppi turni non retribuiti, pressioni e minacce da parte dei no vax. È inaccettabile e per questo il nostro servizio di consulenza legale gratuita a disposizione di tutti coloro che necessitano di supporto»
Turni massacranti, muore chirurgo dopo 12 ore di lavoro. Quici (Cimo-Fesmed): «Medici ostaggio degli ospedali»
«Non è il primo collega, purtroppo, e non sarà l’ultimo. I medici sono abbandonati dagli ospedali, non riescono ad avere un adeguato riposo e queste sono le tragiche conseguenze. Apriremo una vertenza sulle condizioni dei medici ospedalieri»
Migliaia di medici lasciano gli ospedali, nasce Osservatorio per la “Great Resignation” in sanità
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Si aggrava il problema dei turni massacranti e sempre più operatori sanitari si dimettono. A rischio il futuro del nostro Servizio sanitario nazionale». Attivo numero verde per consulenze gratuite
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa