Lavoro 22 Settembre 2015 16:37

«Turni massacranti, straordinari non pagati e rinnovo del contratto: è il momento di agire»

Si avvicina un “autunno caldo” per i medici tra annunci di sciopero e tavoli di trattativa col Governo. Intervista al responsabile Sanità Pd, l’onorevole Gelli: «Risorse da incrementare»

«Turni massacranti, straordinari non pagati e rinnovo del contratto: è il momento di agire»

Tagli o no alla sanità? Il premier Matteo Renzi aveva acceso le polemiche con le sue dichiarazioni. Il nuovo aggiornamento del Def prova a stemperarle. Ma solo evocare i termini “definanziamento”, “mancato incremento”, “tagli lineari” o “risparmi” non lascia tranquilli sindacati e medici, più propensi a ragionare su quei numeri che rendono sempre più difficile la professione.


Così un ottobre di fuoco è già alle porte con una mobilitazione generale dei medici proprio mentre il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo, convoca il 14 le parti sociali al Ministero per cominciare a discutere del rinnovo del contratto. Il Governo studia le misure da adottare, ma il responsabile sanità del Pd, l’onorevole Federico Gelli, pone l’attenzione anche sulla necessità di arginare il problema dei turni massacranti.

Si discute sui tagli alla sanità, qual è la posizione del Pd?
«L’orientamento, per il nostro partito, è che non ci devono essere tagli. L’anno scorso, per l’attuale legge di stabilità in accordo tra Stato e Regioni, si è previsto il “non incremento” per 2 miliardi 300 milioni del fondo. In tutta la PA sono previsti tagli, nella Sanità invece, semplicemente non c’è stato l’incremento per motivi di finanza pubblica. Le Regioni e il Ssn hanno già dimostrato un contributo importante alla finanza pubblica, rinunciando a quell’incremento. Non credo che anche quest’anno sia possibile non incrementare il fondo. E’ chiaro che dev’essere garantito l’attuale, ma anche l’incremento del fondo così come previsto dal Patto di stabilità. Ovviamente questo non significa che non dobbiamo continuare a lavorare per eliminare gli sprechi e le inefficienze, anzi tutto quello che riusciremo a recuperare deve essere reinvestito nel servizio sanitario per migliorarne la qualità».

Nel frattempo però chi lavora sul campo, cioè i medici, lanciano segnali di insofferenza, soprattutto per i  turni massacranti cui sono sottoposti.
«E’ verissimo. La questione delle risorse umane, delle professionalità che operano all’interno del sistema è un nodo fondamentale. Anche per questo il fondo nazionale deve essere aumentato, credo che il 2016 sia il momento propizio, come ho scritto nella mozione approvata in Aula pochi mesi fa dove si richiamò l’attenzione del Governo a fare le scelte dovute per il rinnovo contrattuale, per il pagamento degli straordinari, per l’eliminazione della precarizzazione in molti servizi delicati del nostro Ssn. Risorse in più servono anche per questo, oltre che per una scommessa molto importante: aggiornare il tariffario e i Livelli essenziali di assistenza. Non è possibile mantenere dei criteri ormai vecchi. Anche intervenendo su questo si riqualificherà il sistema, come ci chiedono i cittadini».

Altro momento di confronto importante è la cabina di regia sul rinnovo contrattuale. Lei è stato tra i pochi a non aver commentato la “lettera di Ferragosto” del sottosegretario Vito De Filippo. Pensa che si sia intrapresa la strada giusta?
«È arrivato il momento di dare un segnale al mondo delle professioni sanitarie. Dopo tanti anni, tutta la PA, soffre proprio per i mancati rinnovi, e per questo dobbiamo avere una particolare attenzione al riguardo. Ben vengano ora le iniziative che vanno in questo senso. Abbiamo più volte tentato di introdurre la quarta area contrattuale che soprattutto nel ruolo unico delle Regioni credo rappresenti un contributo importante di semplificazione di chiarezza e di valorizzazione per i professionisti».

Articoli correlati
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Il Servizio Sanitario torni nazionale: le Regioni hanno fallito
«Era il 2005 quando scrivevo in un editoriale per un quotidiano locale di essere tra quelli che fermamente erano (e lo sono ancora oggi) schierati in difesa del diritto alla salute dei cittadini e per una sanità sottratta alla morsa letale delle regioni e della politica locale clientelare con i suoi vassalli, valvassori e valvassini […]
di Vincenzo Musacchio, giurista e docente di diritto penale
«E io dico che non siamo eroi»
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, Segretario generale Cisl Medici Lazio
Il 12 marzo è la giornata contro le aggressioni ai medici, D’Autilia (CEOM): «Episodi di violenza in aumento in tutta Europa»
Il vicepresidente del Consiglio degli Ordini dei Medici Europei spiega a Sanità Informazione quali sono le differenze (turni di lavoro, stipendi, formazione continua) tra la classe medica italiana e quella del resto del vecchio continente. E il quadro che ne esce non è dei migliori…
«La legge sulle 11 ore di riposo degli ospedalieri non viene applicata. A rischio la sicurezza dei pazienti»
di Luciano Cifaldi, Segretario Generale Cisl Medici Lazio e componente Esecutivo nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco