Lavoro 9 Aprile 2018

Napoli, ancora violenza negli ospedali: trauma cranico per un infermiere

Ennesima aggressione ai danni dei camici bianchi italiani: un infermiere dell’Ospedale dei Pellegrini di Napoli ha riportato un trauma cranico. Scotti (OMCeO Napoli): «Solidarietà ai colleghi che, da soccorritori, sono divenuti vittime»

Non accenna a diminuire il fenomeno delle violenze contro medici ed operatori sanitari. Questa volta, a farne le spese è stato un infermiere del pronto soccorso dell’Ospedale dei Pellegrini di Napoli, che ha riportato un trauma cranico in seguito all’aggressione da parte di un paziente. «Ancora una volta mi trovo ad esprimere solidarietà nei confronti di colleghi che, da soccorritori, sono divenuti vittime. È vergognoso che nel 2018 in una città come Napoli essere un medico significhi mettere a rischio la propria incolumità». Con queste parole il Presidente dell’Ordine dei medici di Napoli Silvestro Scotti commenta l’ultimo dei tanti, troppi, episodi di violenza contro i professionisti sanitari.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO 

Scotti, intervenuto più volte su un problema che diventa sempre più serio e preoccupante, continua a ribadire l’esigenza di una sanità migliore, «più sicura per i pazienti ma anche per quanti sono chiamati a prestare soccorso» ed invita a non strumentalizzare l’episodio: «Stavolta l’aggressore è stato un extracomunitario, ma questo non significa nulla. Tante altre volte la violenza è arrivata da cittadini campani. Certi comportamenti sono da stigmatizzare, al di là della loro provenienza». Infine, si appella alle autorità competenti affinché intervengano in modo concreto adottando misure specifiche ed efficaci: «Insisto nel dire ciò che ormai ripeto da anni, il legislatore definisca l’aggressione ai medici per quello che è: un’aggressione ad un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni, con la conseguente attivazione di una procedura d’ufficio e le necessarie aggravanti di pena. Questo è ormai l’unico deterrente per finirla con queste aggressioni» conclude il Presidente.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Audizioni Camera su aggressioni, Cisl Medici Lazio: «Ci avevamo visto giusto»
«Diciamo che ci avevamo visto giusto». Così in un comunicato Luciano Cifaldi, Segretario Generale della Cisl Medici Lazio, e Benedetto Magliozzi, Segretario Generale della Cisl Medici di Roma/Rieti, commentando quanto dichiarato dal presidente della FNOMCeO Filippo Anelli in audizione alla Camera dei Deputati dove ha chiesto la procedibilità d’ufficio per tutti i reati commessi contro […]
Napoli, al Policlinico Vanvitelli nuova sala d’attesa per il Centro regionale di diabetologia pediatrica
Venerdì 24 gennaio 2020, alle ore 15.00, avrà luogo l’inaugurazione della nuova sala d’attesa del Reparto di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli. Le pareti bianche hanno fatto posto al mare popolato da pesci sorridenti e alghe amiche che tentano di rendere meno difficile la permanenza del bambino in ospedale. Ma non […]
Aggressioni, FNOMCeO in audizione alla Camera: «Applicare procedibilità d’ufficio»
Il presidente Anelli: «Aumentare la sicurezza delle sedi, formare e informare datori di lavoro e operatori e ricostruire un patto di fiducia tra medici e cittadini. Serve cambiamento culturale»
Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità
I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...