Lavoro 27 Settembre 2021 11:00

Terza dose ai sanitari, Anelli: «No a discriminazioni». Brusaferro: «Precedenza a chi è a rischio»

Dall’Istituto superiore di Sanità istruzioni sulla precedenza per la terza dose ai sanitari “a rischio”, ma cosa significa? Anelli (FNOMCEO) chiede che a tutti venga riconosciuto l’impegno contro la pandemia, senza distinzioni

Terza dose ai sanitari, Anelli: «No a discriminazioni». Brusaferro: «Precedenza a chi è a rischio»

Nessun rinvio per gli operatori sanitari. La terza dose di vaccino anti-Covid verrà data a tutti e non solo a chi è più a rischio. Lo ha chiarito il presidente dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità) e portavoce del Comitato Tecnico Scientifico Silvio Brusaferro. In una nota ufficiale si può infatti leggere che «nel costante perseguimento di un’ottica di massima precauzione, la somministrazione di un’ulteriore dose di vaccino viene indicata progressivamente per: gli ultraottantenni, i residenti nelle Rsa, persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio».

Anelli: «Tutti i sanitari sono a rischio»

Ma per il Presidente della FNOMCeO (Federazione degli Ordini dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri), Filippo Anelli, «i sanitari a rischio sono tutti, ognuno ne ha uno proprio». Per questo motivo, sebbene possa «avere un senso partire da quelli più esposti», come ad esempio chi è in prima linea nella lotta contro il Covid-19, è necessario estendere la terza dose a tutti in quanto questa «garantisce la riduzione del rischio» e darebbe modo a tutta la categoria di «continuare a lavorare in serenità».

Sempre il presidente Anelli, in un’intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che molti sanitari si sono chiesti cosa si intendesse con l’espressione “a rischio”: «Se ci mettono dietro i cittadini fragili va anche bene. Purché quando tocca a noi non si faccia il “tu sì tu no”. Il virus circola e te lo puoi prendere anche quando vai a visitare un paziente a casa».

De Palma (Nursing Up): «Chiediamo indagini accurate per comprendere se è consigliabile o meno allargare il richiamo a tutti»

Sulla stessa lunghezza d’onda di Anelli anche Antonio De Palma, presidente nazionale del sindacato infermieri Nursing Up: «Per come la vediamo noi – ha dichiarato –, gli infermieri italiani sono tutti a rischio». Riservare la priorità nella somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid «solo ad alcune categorie di operatori sanitari potrebbe funzionare se esistessero piani di prevenzione omogenei e di massa, con screening finalizzati alla previa valutazione dell’assetto immunologico di tutti gli operatori sanitari ai fini della loro successiva collocazione o meno nelle categorie prioritarie». Detto questo, «ben venga ed è sacrosanto che venga data priorità a quegli infermieri, a quei medici, a quegli Oss, che presentano gravi patologie pregresse. Ma – ammonisce De Palma – non possiamo “gettare nel dimenticatoio” tutti gli altri, cioè quelli che si sono spezzati la schiena nei turni massacranti dell’emergenza sanitaria e che ogni giorno, da mesi, sono a rischio più di qualunque altra categoria di lavoratori. Chiediamo pertanto ulteriori approfondimenti dedicati proprio a loro, indagini accurate, per comprendere, in breve tempo, se è scientificamente consigliabile o meno di allargare la terza dose a tutti gli operatori sanitari».

Speranza: «Subito terza dose a ottantenni, Rsa e sanitari

«Partiamo con la terza dose per ottantenni, ospiti delle Rsa e personale sanitario. Diamo subito più protezione ai più fragili e a chi lavora nei presidi sanitari». Lo ha detto il Ministro Roberto Speranza lasciando Siena dove ha partecipato ad una iniziativa con Enrico Letta.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Rischio CBRN, Biselli (medico militare): «Addestrare il personale sanitario con esercitazioni pratiche periodiche»
Il medico è responsabile scientifico di un corso FAD sul Rischio CBRN rivolto ai professionisti sanitari per prepararli a gestire le emergenze da un punto di vista clinico e operativo
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...