Lavoro 20 Febbraio 2021 10:17

Tante storie in una sola: sanitari in lotta contro il Covid nelle testimonianze di medici e infermieri

Storie per esorcizzare il virus: nella Giornata a loro dedicata Fials ricorda quella di Roberto Maraniello, infermiere deceduto per Covid lo scorso aprile, leale e pervicace strappato troppo presto ai suoi affetti. Mentre Cimo celebra quelle dei medici in reparto, come Gaetano, presto in un libro

Tante storie in una sola: sanitari in lotta contro il Covid nelle testimonianze di medici e infermieri

Un anno di Covid-19, 365 giorni dominati dalla pandemia e da tante storie che non sempre si è potuto raccontare. Pazienti e operatori sanitari uniti da un’unica missione: sconfiggere il virus ad ogni costo. Nella Giornata dedicata al personale sanitario, socio-sanitario, socio-assistenziale e del volontariato contro Covid-19, si ricordano anche le tante vite spezzate.

«Durante questo lungo interminabile anno di lotta al Covid, abbiamo visto con sgomento e senso d’impotenza che tanti operatori sanitari e sociosanitari impegnati in prima linea non ce l’hanno fatta. Persone straordinarie, prima ancora che professionisti, colleghi ed amici a cui oggi intendiamo tributare un ricordo commosso e infinita gratitudine. Il loro sacrificio ha costituito e costituisce tuttora il simbolo estremo di generosità e altruismo, di abnegazione e alto senso del dovere, che contraddistingue la nostra società civile». Giuseppe Carbone, segretario generale della Fials (Federazione italiana autonoma lavoratori della sanità), non dimentica quel sacrificio e quelle storie.

Roberto Maraniello, infermiere morto a 56 anni

Tra le vittime del dovere senza volto c’è Roberto Maraniello, infermiere e segretario generale Fials di Napoli, colpito a morte dal virus a 56 anni il 24 aprile scorso. Sono tantissimi i parenti e gli amici che ancora non se ne sono fatti una ragione. Suo figlio Ciro, anche lui infermiere al Monaldi di Napoli, ha aiutato a costruirne un ricordo. «Papà ha mosso i primi passi prestando servizio all’interno delle carceri di Poggio Reale. Un’esperienza dura per un ragazzo di 26 anni – racconta – ma per lui, amante delle sfide, un inizio di carriera come un altro». Roberto vince il concorso al Cardarelli, ma all’epoca la figura professionale dell’infermiere è poco valorizzata e per questo decide di dedicarsi a promuoverne l’emancipazione.

Un carattere caparbio che gli permette di vedere il cambiamento anche nel riconoscimento professionale. «Era il primo a svegliarsi la mattina per prepararsi nel dettaglio – racconta ancora suo figlio – gli piaceva dare una risposta a ogni domanda. Un cultore della materia già da quando le scienze infermieristiche erano agli albori». Uomo dalla grande etica, già allora vuole occuparsi degli ultimi e così intraprende l’avventura del sindacato. «Papà non dava mai niente per scontato: appassionato del suo lavoro, aveva capito che valeva la pena dedicarsi anima e corpo alla difesa di chi non aveva voce».

«Poco dopo arrivò il ruolo di coordinatore, e poi quello di segretario aziendale del Cardarelli». Una carriera piena di soddisfazioni e riconoscimenti fino alla segreteria provinciale Fials, apprezzato punto di riferimento per tutti i colleghi di Napoli. Grazie al suo spessore politico viene spesso interpellato anche dalle altre organizzazioni sindacali, nonché dalle stesse Direzioni Generali. «Qualsiasi tipo di criticità lo trovava pronto – ribadisce il figlio infermiere – una delle ultime battaglie fu quella per far avere i Dpi agli operatori sanitari». Soltanto il 16 marzo scrive sul profilo Facebook: “Siamo eroi, non siamo kamikaze”.

Disarmati di fronte al nemico

E probabilmente proprio durante un incontro per discuterne, si infetta. Esattamente un anno fa. «Non sopportava – aggiunge Ciro – l’ingiustizia di vedere il personale sanitario in quei mesi difficili quasi disarmato di fronte al nemico». Quel nemico che lo colpisce senza lasciargli scampo. «Nel giro di un mese e mezzo in ospedale sembrava che andasse meglio – conclude – quando improvvisamente un arresto cardiaco ce l’ha portato via. Ho avuto appena il tempo per salutarlo al Cotugno, ma già era incosciente in Rianimazione». La sua è una storia come tante e così è emblematica. Una vita spezzata nel fiore degli anni e strappata agli affetti più cari, quello della figlia Marzia, anche lei infermiera, e della compagna di una vita Dina.

La testimonianza di Gaetano

Come quella di Gaetano, medico pneumologo campano che la sua di storia la condivide durante l’appuntamento in Fnomceo. Testimonianza che è diventata parte di un libro che raccoglie diversi racconti di medici ospedalieri, scritti in prima persona, e costituisce un insieme di narrazioni spontanee del vissuto di chi è stato e sta in “prima linea” contro la pandemia Covid-19.

Le loro emozioni, riflessioni, paure, ricordi dei primi mesi e degli sforzi che non bastano mai, ricostruiscono un caleidoscopio di situazioni umane e professionali che aiutano a esemplificare, non avendo la presunzione di rappresentarli tutti, i vissuti reali di medici che, pur non volendo essere chiamati eroi, continuano a combattere ogni giorno contro il virus, per la salute di tutti.

Il libro, in distribuzione nelle prossime settimane, nasce da un’idea dei giovani medici di Cimo Lab, il comitato per le iniziative innovative per la professione di Cimo medici, e vuole essere anche una testimonianza positiva per coloro che scelgono di intraprendere la professione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Task shifting da medici a personale sanitario? I sindacati: «Rischio contenziosi»
ANAAO-ASSOMED e CIMO-FESMED scrivono alla Corte dei Conti. I due sindacati della dirigenza medica intendono chiedere un interpello all’ARAN
Ospedalità privata, l’appello dei medici al prossimo Governo: «Non dimenticatevi di noi»
Quici (CIMO-FESMED): «Intollerabili le discriminazioni tra medici del pubblico e medici del privato convenzionato». De Rango (CIMOP): «Introdurre contratto quadro per sanare ingiustizia»
In Veneto 100 euro l’ora per gli straordinari in Pronto soccorso. CIMO-FESMED: «Estendere accordo in tutta Italia»
Un accordo, quello raggiunto tra la Regione e le organizzazioni sindacali, che prova a rendere nuovamente attrattiva l’area di Emergenza-Urgenza
Senato, la sanità perde la sua Commissione ad hoc. La protesta di CIMO-FESMED
A partire dalla prossima legislatura le competenze dell'attuale dodicesima Commissione Igiene e Sanità del Senato confluiranno nella nuova decima Commissione “Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale”. Una scelta che non convince la Federazione CIMO-FESMED
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa