Lavoro 1 Aprile 2022 17:34

Stati Generali FNOPI: in 3 giorni oltre mille infermieri attivi per ridisegnare il proprio futuro

Draoli (FNOPI): «Dal 28 marzo al 2 maggio è attivo il sito statigenerali.fnopi.it. L’obiettivo è approdare ad una piattaforma condivisa che, entro l’autunno, ridisegni la professione infermieristica in Italia, anche attraverso la modifica delle norme primarie e dei percorsi formativi»

Verba volant, scripta manent. Così, per evitare che le idee, soprattutto le migliori, possano “volare” via, essere dimenticate un attimo dopo essere state pronunciate, la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (FNOPI) ha deciso di mettere nero su bianco quelle avanzate dai suoi iscritti per ridisegnare il futuro di questa professione sanitaria. Ogni infermiere d’Italia, infatti, può contribuire in prima persona al restyling delle norme primarie, dei percorsi formativi, universitari e di specializzazione attraverso un semplice click. In soli tre giorni gli infermieri che hanno offerto il proprio contributo hanno già superato quota mille.

Come partecipare

«Dal 28 marzo – spiega Nicola Draoli, consigliere nazionale FNOPI – è attivo il sito statigenerali.fnopi.it. Sarà sufficiente cliccare su “partecipa”, inserire il proprio ordine territoriale di appartenenza, il codice fiscale, il numero di iscrizione ed esprimere le proprie idee migliori. Ogni infermiere sarà immesso in un ambiente di lavoro articolato in tre macro-aree (Identità professionale, Organizzazione, Formazione) e potrà scegliere di rispondere a uno o più quesiti specifici presenti in ciascuna sezione».

Gli obiettivi

L’iniziativa, lanciata in occasione degli Stati Generali della Professione Infermieristica, annunciati e deliberati il 12 febbraio scorso dal Consiglio nazionale della FNOPI, sarà attiva fino al 2 maggio 2022. «L’obiettivo – aggiunge Draoli – è approdare ad una piattaforma condivisa che, entro l’autunno, ridisegni la professione infermieristica in Italia, anche attraverso la modifica delle norme primarie e dei percorsi formativi universitari e di specializzazione».

Gli Stati Generali

Gli Stati Generali rappresentano una consultazione pubblica e trasparente rivolta agli oltre 456mila iscritti all’Albo nazionale. I contributi pervenuti saranno prima elaborati e poi sottoposti all’attenzione di tutti gli organi consultivi della FNOPI e di stakeholder esterni. «Il momento è cruciale – spiega Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI -, perché le scelte della politica di oggi avranno ripercussioni per i prossimi vent’anni. Per incidere su tali scelte gli infermieri devono chiarirsi e chiarire a tutti i livelli chi sono, quale sia la visione del sistema salute e del ruolo che l’infermiere dovrà ricoprire e le competenze che dovrà necessariamente possedere. Per farlo, è necessario raffinare pensiero e strategia attraverso il contributo di tutte le componenti infermieristiche. Le scelte dovranno tenere conto di tutte le variabili e gli attori del sistema, affinché – conclude la presidente – le soluzioni proposte siano a beneficio di tutti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I giovani, le donne, e un contratto “rivoluzionario”. Al 25° Congresso Anaao tracciata la road map della sanità del futuro
Abolire il gender gap, promuovere i diritti LGBT, aumentare retribuzioni e ferie. Il PNRR? La digitalizzazione non distolga dall’investimento sul capitale umano
Consiglio di Stato boccia i reparti gestiti dagli infermieri. CIMO-FESMED: «Competenze mediche non siano affidate ad altri professionisti»
Il sindacato commenta la sentenza: «La gestione del percorso terapeutico e clinico del pazienti deve essere in capo ai medici»
Pronta disponibilità, il limite delle 6 chiamate mensili viene sempre rispettato?
Intervista a Muzio Stornelli, dirigente infermieristico: «Problema antico ma con pandemia la situazione è peggiorata»
Capuano (Simedet): «Ecco la mia esperienza di Buona Sanità»
Di Fernando Capuano, presidente Simedet
di Fernando Capuano, presidente Simedet
PNRR, al via studio sullo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 Regioni
Viatris e Cergas Bocconi hanno avviato uno studio dedicato ad analizzare lo stato di sviluppo dei servizi sanitari di 4 regioni italiane: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Campania
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali