Lavoro 11 Aprile 2017

SOS per il personale sanitario, Lavra (Pres. OMCeO Roma): «Senza assunzioni stabili si bloccherà SSN»

La presenza significativa del Presidente dell’Ordine dei Medici più grande d’Europa agli Stati Generali al San Giovanni Addolorata di Roma: «Parliamo di precariato, un mondo dove c’è sfruttamento del lavoro e negazione dei diritti»

«C’è chiaramente qualcosa che non funziona: è il momento di unire le forze, guardare in faccia alla realtà e trovare delle soluzioni». Appello alla concretezza da parte di Giuseppe Lavra, Presidente OMCeO Roma, la cui presenza è risultata particolarmente significativa agli Stati Generali della Sanità del Lazio al San Giovanni Addolorata di Roma. Analizzando il sempre più preoccupante calo di unità operative assistenziali e raccogliendo i numerosi sfoghi del personale riunito in assemblea, Lavra è stato perentorio ai microfoni di Sanità Informazione. «Stiamo parlando di precariato, un mondo dove c’è lo sfruttamento del lavoro e la negazione dei diritti».

Infatti è codice rosso per la sanità del Lazio: dal 2006 al 2016 si è passati da 54.727 unità assistenziali a 43.233. «Dati veritieri – commenta Lavra – ma il problema è a monte. Parlare di precariato può sembrare eufemistico, faccio nomi e cognomi per far comprendere meglio cosa intendo: io conosco Igina che è un Operatore Socio-Sanitario (OSS) e intanto mi trovo a parlare anche con Barbara che è un’Operatrice tecnico-assistenziale (OTA), entrambe mi raccontano che hanno difficoltà ad arrivare a fine mese e sono costrette, nonostante il loro lavoro duro e impegnativo, a fare lavori extra per poter portare avanti la famiglia. Allora mi chiedo, ma come mai con queste esternalizzazioni abbiamo speso molto di più di quanto non spendessimo prima? Tutto questo accade da tanti anni, non è che possiamo darne la responsabilità solo all’ultima amministrazione».

«La nostra Regione è complicata ma anche sfortunata – prosegue il Presidente -. Il territorio sta erogando servizi sanitari di cui non possiamo né essere fieri né accontentarci. Il settore privato, che di fatto occupa circa la metà del Servizio sanitario nazionale, non è certamente un sistema virtuoso, perché non offre, a mio avviso, un servizio ai cittadini degno della entità economica che assorbe».

È evidente che c’è qualcosa che «non funziona – denuncia Lavra – allora noi ci riuniamo insieme, senza nasconderci, senza occultare scheletri in nessun armadio, a guardare in faccia la realtà e a rivendicare,altrimenti è inutile che continuiamo a parlare di precariato. Il Sistema sanitario nazionale è incentrato sui servizi essenziali, questo è un dato di fatto – spiega ancora il Presidente Lavra – in questi servizi noi, non solo non abbiamo esuberi, ma abbiamo carenze drammatiche. Servizi che assicurano H24 le prestazioni di fatto viaggiano con 3-4, massimo 5 medici. Dunque è palese che stiamo parlando di qualcosa di surreale». Dunque turni massacranti e negazione dei diritti, «tutti elementi che dovrebbero essere denunciati da un’amministrazione regionale accorta. In alternativa bisogna necessariamente rivedere l’assegnazione delle risorse e del personale in maniera decisiva e produttiva».

Articoli correlati
Reperibilità, aggressioni, incertezza: la difficile vita del medico fiscale “rider” della sanità
Il Presidente Inps Pasquale Tridico ha già iniziato ad incontrare i sindacati. Le rivendicazioni della responsabile Medici Fiscali del Sindacato medici Italiani: «Tutele degli infortuni, tempo indeterminato, malattia sotto i 30 giorni». Retribuzioni ferme al 2008
Sanità, Cgil, Cisl e Uil: «Di fronte a nuovi tagli inevitabile mobilitazione di lavoratori e pensionati»
«Ancora una volta si usa il Ssn come un bancomat, invece che come un formidabile investimento per garantire diritti, sviluppo e buona occupazione
ECM, OMCeO Roma punta su formazione a distanza. Magi: «Se i medici non riescono ad aggiornarsi è anche colpa del blocco del turn-over»
L’Ordine dei Medici di Roma in prima linea per promuovere la formazione continua. Il Presidente Antonio Magi: «Corsi a distanza e aggiornamenti gratuiti per i medici. Per i cittadini educazione alla prevenzione ed alla gestione delle emergenze»
di Isabella Faggiano
Lombardia, sospeso lo stato di agitazione dei sindacati medici. Incontro in Regione fissato per il 24 maggio
«È dal mese di marzo che attendiamo una risposta da Fontana e Gallera, - spiega Danilo Mazzacane CISL Medici - fino ad allora non parteciperemo ad altri incontri. Abbiamo l’esigenza di capire l’indirizzo di Regione Lombardia e far passare ai medici il messaggio su quanto contano per le Istituzioni»
di Federica Bosco
MMG, Noemi Lopes (Osservatorio Giovani FNOMCeO): «Inconcepibile percorso formativo così poco retribuito e che costringe il medico a spostarsi dalla sua Regione»
«La disparità economica di trattamento tra MMG e specializzandi si fa sentire e questo si ripercuote anche nella concezione del percorso formativo che noi continuiamo a difendere come separato dal corso di specializzazione universitaria» così l’ex segretario di Fimmg Formazione a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...
Politica

Europee, ecco i risultati. Vanno bene i camici bianchi

Entra nel Parlamento europeo Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa candidato con il Partito Democratico che conquista nella circoscrizione insulare oltre 135 mila voti, secondo nelle preferenze solo ...