Lavoro 5 Marzo 2021 16:01

Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»

I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»

Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»

«Sono un medico e ancora aspetto il vaccino» e «medico di serie B». C’è grande amarezza nei volti e sui cartelli che un gruppo di una trentina di medici ha portato al sit-in sotto il Ministero della Salute a Lungotevere Ripa.

Sotto accusa il piano vaccinale che non ha inserito i medici e gli odontoiatri libero professionisti nella fascia prioritaria e che a marzo ancora si ritrovano senza vaccino. Rivendicazioni rilanciate nelle settimane scorse dal gruppo Facebook “Medici ed Odontoiatri liberi professionisti per vaccinazione Covid -19” e che oggi sono arrivate sotto le finestre del Ministro della Salute, Roberto Speranza.

«Questo processo è andato in ordine sparso: c’è una responsabilità di questo meccanismo federale sanitario che in questa fase così importante non ha funzionato – spiega a Sanità Informazione Paolo Mezzana, chirurgo estetico in prima fila nella protesta -. Non solo le regioni: a Roma alcune ASL hanno iniziato a vaccinare, altre dicevano di non avere indicazioni sulle vaccinazioni di medici libero professionisti e odontoiatri. E fino a pochi giorni fa continuavano a dirlo. L’errore non è stata la pressione fatta dagli Ordini dei medici sulle regioni, ma che la pressione andava esercitata direttamente in fase iniziale al Ministero: probabilmente si sarebbe potuto fare un ricorso al TAR per non essere stati inseriti. Sono scaduti i termini e non l’abbiamo potuto fare».

Tanti anche gli odontoiatri che lamentano la scarsa attenzione delle istituzioni nonostante il loro mestiere sia ad alto rischio considerando che lavorano a pochi centimetri dalla bocca dei pazienti.

«Siamo arrabbiati e sconcertati – afferma una dottoressa -. Siamo qui per avere risposte: perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale nazionale pur essendo sanitari al pari dei nostri omologhi del Ssn? Non riusciamo a darci una risposta. Molte categorie sono state e saranno vaccinate prima di noi».

Il sit-in è stato programmato dopo diverse richieste e proteste (lettere, appelli, mail, minacce di ricorsi, interventi pubblici) e, non avendo ottenuto una risposta, i professionisti hanno deciso di scendere in piazza.

Alla fine, una delegazione di tre manifestanti capitanata da Mezzana è stata accolta al Ministero e c’è stato un incontro con un responsabile tecnico del Cts e un membro dello staff. «Erano già sensibili alla nostra causa – racconta Mezzana al termine -. Probabilmente non c’è stata una volontà, ci sono stati degli errori strutturali nella pianificazione. È stato assicurato che la questione verrà rivista a breve. Il Ministro è a conoscenza di questa condizione ed è d’accordo che sanitari, medici e odontoiatri del settore privato debbano essere inseriti subito nel piano vaccinale. È sensibile anche alla causa del personale delle nostre strutture che deve essere vaccinato. La tempistica è di qui a pochi giorni».

La piazza plaude alla notizia ma i camici bianchi operanti nel settore privato non intendono mollare e assicurano: «Se non ci saranno risposte tra una settimana saremo di nuovo qui».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La vaccinazione nei bambini è raccomandabile o meno? Le considerazioni della Simedet
L'opinione di Alberto Ferrando del Comitato Scientifico della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Variante Omicron, casi in tutto il mondo. Nel Regno Unito potrebbe sostituire Delta in quattro settimane
La variante Omicron si palesa in tutto il mondo: in queste ore arrivano segnalazioni costanti. Gli scienziati ricordano che nei paesi a basso reddito ci sono poco più di 20 milioni di vaccinati: l'equivalente delle terze dosi solo in Gran Bretagna
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...