Lavoro 18 Giugno 2021 10:09

Se la pandemia diventa un’endemia. Ecco come il 118 si prepara ad affrontarla

La Società Italiana Sistema 118 ha redatto la seconda edizione delle “Linee di indirizzo in tema di contrasto al Covid-19”. Il presidente Balzanelli: «Incrementare DPI, ambulanze e personale qualificato. Istituire postazioni del 118 davanti ai pronto soccorso Covid. Garantire vaccinazioni e screening periodici ai professionisti»

di Isabella Faggiano
Se la pandemia diventa un’endemia. Ecco come il 118 si prepara ad affrontarla

«La probabile traiettoria per il SARS-CoV-2 è di diventare endemica con dei focolai stagionali a causa della diminuzione dell’immunità naturale, della copertura globale insufficiente dei vaccini e/o dell’emergere di nuove varianti non controllate dai vaccini attuali». È l’avvertimento lanciato dal panel internazionale di 26 esperti al Global Health Summit, il 21 maggio scorso. Ed è per prepararsi a questa eventualità che la Società Italiana Sistema 118 (SIS 118) ha redatto la seconda edizione delle “Linee di indirizzo in tema di contrasto al Covid-19”.

«Il documento nasce dall’esperienza maturata in questo anno e mezzo di pandemia – spiega Mario Balzanellipresidente nazionale SIS118 -. Applicare queste linee guida significa evitare che le criticità riscontrate in tutto il Paese sul piano dell’operatività del 118 possano nuovamente verificarsi».

Come prepararsi a gestire l’endemia

Regola numero uno: garantire l’approvvigionamento dei dispositivi di protezione individuali idonei. «Purtroppo abbiamo dovuto lavorare anche in condizioni di estrema vulnerabilità – sottolinea Balzanelli -. La carenza di DPI ha determinato il contagio di numerosi operatori, molti dei quali hanno pagato con la vita».

L’intero sistema 118 deve essere potenziato. «Quando esplode una maxi emergenzza da minaccia biologica, come quella che stiamo vivendo, le emergenze ordinarie non diminuiscono, le morti, gli infarti non si riducono. Per questo – aggiunge il presidente nazionale SIS118 – servono più ambulanze ed un relativo incremento di personale».

Adeguare le attrezzature

La dotazione dei mezzi di soccorso deve essere adeguata alla pandemia in corso. «Per una patologia come il Covid-19, caratterizzata da insufficienze respiratorie, è necessario che tutte le ambulanze del 118 abbiano delle attrezzature specifiche. Non possono mancare gli emogasanalizzatori portatili, per permettere agli operatori ed ai medici dell’emergenza di valutare in tempo reale i livelli precisi di un’eventuale insufficienza respiratoria. Così come è necessario disporre di ventilatori ad elevate prestazioni per garantire la riapertura di alveoli chiusi, senza i quali anche l’ossigeno ad alti flussi rischia di essere completamente insufficiente».

Incrementare il numero di postazioni fisse del 118

Davanti ai pronto soccorso degli ospedali Covid devono essere istituite delle postazioni fisse del 118 in grado di assicurare che un’equipe multidisciplinare prenda immediatamente in carico i pazienti in arrivo. «Le ambulanze non possono e non devono restare bloccate, in fila indiana, davanti alle rampe dei pronto soccorso di tutto il Paese. Non di rado i pazienti hanno atteso ore ed ore all’interno dei mezzi di soccorso prima di essere accolti nella struttura ospedaliera. Nei casi più estremi sono trascorse fino a 48 ore», racconta Balzanelli.

«No al numero unico di emergenza»

Il 118 deve essere accessibile attraverso una chiamata diretta. «Gli italiani che hanno bisogno di aiuto devono poter accedere al 118, senza dover necessariamente passare attraverso il 112 che, obiettivamente, espone a ritardi nel passaggio tra centrali operative. Anche pochi minuti possono fare la differenza tra la vita e la morte», aggiunge il presidente SIS 118.

Assicurare vaccini e screening periodici al personale

Anche i vaccini anti-Covid sono una priorità assoluta. «Il personale del 118 rappresenta il front-office della gestione del paziente acuto e critico. Per questo – dice Balzanelli – deve essere vaccinato in modo prioritario, accedendo a campagne periodiche. Così come devono essere programmati con la giusta cadenza temporale anche gli screening: le varianti del virus, caratterizzate da maggiore contagiosità, e speriamo non da una maggiore letalità, espongono il personale del 118 ad un rischio di infezione non trascurabile».

Il “mistero” dei finanziamenti

Ognuna di queste proposte, per essere realizzata, necessita di adeguati finanziamenti. «L’Italia è una nazione in cui la medicina di emergenza e urgenza a livello ospedaliero ha numerosissime realtà che potremmo definire di eccellenza, soprattutto grazie alla presenza di personale altamente qualificato – assicura Balzanelli -. Purtroppo è l’organizzazione a creare delle falle nel sistema: i percorsi di accesso e triage devono essere molto più veloci, evitando ingorghi o imbuti. Per far questo è necessario allocare un’adeguata quantità di risorse. Quello che sconcerta è che degli oltre 20 miliardi destinati alla sanità italiana attraverso il PNRR e il Recovery Fund, al sistema di emergenza del 118 non è stato riservato neanche un euro. Eppure – conclude – non siamo dei fantasmi: salviamo innumerevoli vite ogni giorno, entriamo nelle case di 60 milioni di italiani. Siamo il 118».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Emergenza-urgenza, arriva la riforma: dipartimento integrato e contratto unico per una gestione uniforme in tutta Italia
La pdl, firmata dai deputati Bologna, Marin e Mugnai, prevede la creazione del medico unico dell’emergenza e istituisce le figure del personale soccorritore e dell'autista soccorritore
di Francesco Torre
Capodanno 2022. Ecco come il SIS 118 si prepara ad affrontare la notte più “lunga” dell’anno
Balzanelli (SIS 118): «Gli “incidenti” post veglione, fatta eccezione per il Capodanno 2021, continuano ad aumentare di anno in anno. Disposto un incremento di personale e mezzi di soccorso»
Riforma 118, Castellone (M5S): «Il ddl garantisce assistenza di qualità e tutela la dignità dei lavoratori»
Balzanelli (SIS 118): «Le priorità sono costituire centrali operative provinciali a dirigenza medico-infermieristica, istituire la figura dell’autista soccorritore, implementare i mezzi di soccorso, le risorse umane e l’utilizzo della nuove tecnologie»
Ambulanze di nuovo in fila davanti ai pronto soccorso. Balzanelli (SIS 118): «Ne servirebbero almeno 360 in più»
A mandare in tilt i reparti di emergenza-urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale. Il presidente SIS 118: «Per ogni ambulanza bloccata, c’è un paziente a bordo in attesa di cure e un altro che aspetta ancora il primo soccorso»
Riforma 118, parla la Senatrice Castellone: «Non sia una succursale del Pronto soccorso. Ma anche i medici specialisti avranno un ruolo»
«La pandemia ci ha insegnato che è sbagliato accentrare tutta l’assistenza a livello ospedaliero», spiega la Senatrice M5S Maria Domenica Castellone che lancia una proposta: «I medici che lavorano da più di cinque anni in emergenza-urgenza passino dalla convenzione alla dipendenza»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 524.674.670 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.281.271 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...