Lavoro 12 dicembre 2017

Sciopero medici: «Cittadini e camici bianchi insieme contro lo ‘smagrimento’ del SSN» l’intervista al Presidente Quici (Cimo)

«Il Sistema Sanitario Nazionale è come un acquedotto che perde acqua: a voler riempire il bicchiere ci sono i cittadini e i sanitari che rimangono a bocca asciutta» così Guido Quici, Presidente Cimo

«Medici e cittadini sono vittime di un processo che sta portano al totale smagrimento della sanità pubblica per promuovere una sanità privata che non si capisce bene dove porterà…» in soldoni questa la denuncia di Guido Quici, Presidente Cimo intervenuto alla recente manifestazione a Montecitorio organizzata dalle rappresentanze mediche per sensibilizzare il Governo e le Istituzioni sui problemi di una professione le cui soluzioni non possono più essere rimandate.

Segretario, una situazione che non si sblocca: la Finanziaria non fornisce le risposte che chiedete, dunque siete mobilitati, quali le prospettive?

«Lo sciopero vuole scuotere le istituzioni per incentivare delle soluzioni che finora non sono state trovate. Mi auguro che sia l’inizio di un percorso molto più lungo fino almeno a marzo o all’inizio del nuovo rinnovo contrattuale, ma le azioni devono essere concertate: non un solo sciopero, ma un’azione di audit con i cittadini per far capire che siamo entrambi vittime di un processo molto più complesso che sta debilitando la sanità italiana portandola sempre di più verso il privato puro, l’out of pocket giustifica il tutto e se dei 35 miliardi out of pocket il 90% è a carico dei cittadini, è chiaro che la politica non può continuare solo a dare piccoli bonus per accontentare fasce ai fini del voto, mentre adottare la politica del malus per tutta l’area della sanità la dice lunga su quella che sarà la politica sulla sanità che strettamente correlata a quella del welfare. Allora dobbiamo capire se si ambisce ad un welfare di tipo mediterraneo, oppure verso un sistema bismarckiano che è quella forma di welfare dei paesi tedeschi, o ancora un welfare liberalista tipico degli Stati Uniti dove, chi ha i soldi si cura, chi non li ha non può».

Voi protestate per il mancato rinnovo del contratto, per le risorse tagliate alla sanità, su questo ci sono dei numeri precisi che si traducono in servizi mancanti e reparti dimezzati…

«In realtà ho provato a immaginare ad un acquedotto che perde acqua man mano che arriva verso il terminale che è l’abitazione, alla fine si apre il rubinetto e non esce più niente. Al termine del rubinetto c’è il cittadino e i sanitari e nel frattempo le risorse si disperdono. I dati a cui fa riferimento derivano dal conto economico e annuale, sono dati ufficiali del Mef e dei vari Ministeri e dimostrano che le Regioni hanno avuto 5 miliardi e mezzo in più tra ticket incassati e finanziamenti, hanno risparmiato 2 miliardi (di cui oltre 850mila nel contesto del personale solo medico), allora di questi 7 miliardi e mezzo 3 miliardi e mezzo sono stati utilizzati per i farmaci, mezzo miliardo su farmaci di fascia H e le altre risorse? Non si sa che fine hanno fatto, sicuramente hanno tamponato altre esigenze ma se vanno a tamponare altre urgenze, quelle mancate voci in bilancio diventano strutturali, dunque non ci saranno mai risorse. Se non ci saranno fondi allora non sarà più possibile garantire i LEA, oppure il contratto al personale sanitario, insomma si delinea una guerra tra pazienti e operatori sanitari che creerà un disagio di natura sociale che inizia a diventare pericoloso. In questi termini infatti si possono spiegare le aggressioni al personale sanitario nei pronto soccorsi dove la gente è sottoposta a lunghissimi tempi di attesa, arriva esasperata e trova massima disorganizzazione, allora con chi se la prende? Con il terminale presente in quel momento: il medico, l’infermiere o il tecnico. Si tratta di un problema serissimo, io mi auguro che da questo momento in poi inizino interventi e manifestazioni veramente dure nei confronti di chi ci governa perché non è possibile andare avanti così».

Vi aspettate un segnale dal Governo, dal Ministro oppure dal Premier Gentiloni?

«Io sono convinto che tutte le istituzioni hanno la politica ben chiara e ben delineata, molto spesso ci si accontenta di dare delle briciole e fasce di 2,3,4 milioni di italiani per avere 2,3, 4 milioni di voti, poi però ai 100mila medici, ai 500mila operatori sanitari che risposte si danno? Non ci sono i numeri per prendere i voti, di conseguenza non mi illudo che ci siano grossi interventi».

Articoli correlati
Contratto medici, CIMO chiede alla Corte dei Conti indagine su dieci regioni. Quici: «Serve trasparenza, dove sono finiti i soldi?»
Il sindacato chiede di attivare un controllo sulla contabilità delle amministrazioni regionali per verificare se e quanto abbiano accantonato per il rinnovo del contratto della dirigenza medica per il periodo 2016-2018. In caso di ammanchi c’è la possibilità che si configuri “danno erariale”
SIMES si allea con CIMO: «Cresciamo nella rappresentanza per dare valore alla salute nello sport»
Il Sindacato Italiano Medici dello Sport (SIMeS), libero sindacato di medici sportivi e professionisti di medicina nell’ambito dell’attività motoria, aderisce a CIMO per aumentare l’impatto della rappresentanza politica nelle sedi istituzionali nazionali e regionali, con l’obiettivo di accrescere la tutela professionale e legale degli iscritti e di attivare nuove iniziative per la categoria. Con questo […]
Sciopero medici, ecco le ragioni. Troise (Anaao): «Bene segnali di attenzione, ma produrranno risultati?»
Mancato rinnovo del contratto, aumento borse di specializzazione insufficiente, scarso finanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, assenza di un piano di assunzioni straordinario. Ecco perché venerdì medici, dirigenti sanitari e veterinari incroceranno le braccia
Contratto medici, il pressing di Guido Quici (CIMO) sulle istituzioni: «Intasiamo i social dei politici»
Un tweetmob per puntare i riflettori sulla protesta della categoria: «Ci sono strumenti che stanno facendo la fortuna di alcuni, utilizziamoli anche noi». Ma il presidente della CIMO si dice «moderatamente ottimista» per lo sblocco della RIA
Contratto medici, la protesta continua con stop a straordinari, assemblee e scioperi: «Istituzioni evitino crack SSN»
Le richieste dei sindacati: l'incremento del finanziamento del FSN, un vasto programma di assunzioni ed il finanziamento di almeno 3mila nuovi contratti di formazione specialistica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...